Rissa con la squadra dei migranti, sconfitta a tavolino per tutti

VIBO VALENTIA Otto squalificati e sconfitta per 3-0 a tavolino per entrambe le formazioni: è questa la decisione del giudice sportivo dopo la rissa in campo sabato scorso tra la…

VIBO VALENTIA Otto squalificati e sconfitta per 3-0 a tavolino per entrambe le formazioni: è questa la decisione del giudice sportivo dopo la rissa in campo sabato scorso tra la Vigor Paravati ed il Koa Bosco di Rosarno, squadra interamente formata da giocatori extracomunitari provenienti per lo più dal continente africano che militano nel campionato calabrese di terza categoria. Una gara – sospesa dall’arbitro – con strascichi anche nel dopo partita con i giocatori immigrati che sul profilo facebook della squadra hanno denunciato cori ed offese razziste al loro indirizzo. Nel referto dell’arbitro viene evidenziato come la tensione si sia accesa a seguito di un calcio di rigore concesso al 10′ del secondo tempo a favore della Vigor sul punteggio di 1-1 e poi trasformato. Il giocatore Gregoire Ouedraogo, della Koa Bosco, ha tentato di sgambettare l’arbitro venendo espulso. La rissa è poi scoppiata dopo un contatto tra un altro calciatore della squadra ospite ed un avversario: l’arbitro non ha fatto in tempo ad espellere il calciatore della Koa Bosco perché è scoppiata la rissa tra tutti gli atleti in campo «con calci e pugni» che si è protratta per circa 5 minuti fino, cioè, all’arrivo dei carabinieri. Intanto tre sostenitori della Vigor Paravati hanno scavalcato la rete di recinzione e insultato i calciatori della squadra avversaria, mentre dagli spalti venivano lanciate delle pietre verso i calciatori stranieri. Da qui la decisione di sospendere la gara. «Dall’esposizione dei fatti – ha scritto il giudice sportivo – emerge con chiarezza che la gara non ha avuto regolare svolgimento per la rissa che ha coinvolto tutti i calciatori di entrambe le squadre, alcuni dei quali individuati dall’arbitro, da cui ne deriva la responsabilità oggettiva delle società». Il giudice censura anche «il comportamento antisportivo da parte dei sostenitori della società ospitante». Oltre alla sconfitta a tavolino per entrambe le squadre, è stata comminata ai locali un’ammenda di 200 euro e la diffida del campo; per gli ospiti, invece, un’ammenda di 100 euro. Squalifiche da tre a cinque giornate per cinque giocatori del Koa Bosco e per tre turni per i tre calciatori della Vigor Paravati.







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto