Provincia di Crotone senza soldi, le buche si riparano con la sabbia

L'ente non ha i fondi per acquistare il bitume e il dirigente del settore Viabilità ammette: «Tra qualche giorno potrebbe venire a mancare anche il carburante» Lunedì, 22 Gennaio 2018 14:43 Pubblicato in Cronaca

CROTONE Si aggiustano con la sabbia le buche sulle strade provinciali del Crotonese. Non ci sono soldi per acquistare il bitume e allora il dirigente del settore Viabilità, mobilità, trasporti e sicurezza stradale, Francesco Benincasa, ha disposto, con una lettera indirizzata ai capicantonieri, di provvedere «temporaneamente a colmare le buche presenti nel manto stradale con materiali inerti, quali sabbia ed altro». Non sabbia e altro trattati industrialmente, ma quello che i cantonieri riusciranno a reperire ai margini della strada, perché non ci sono soldi per acquistare altro materiale. Mancano i soldi anche per mettere in regola i mezzi meccanici di proprietà dell’ente intermedio. In un incontro voluto dal segretario delle Funzione pubblica della Cgil di Crotone, Salvatore Scicchitano, tenutosi lunedì mattina a margine dell’assemblea dei dipendenti, è emerso che «i mezzi di proprietà della Provincia sono tutti vetusti e in condizioni che non supererebbero nemmeno il collaudo». Come ha sottolineato lo stesso Benincasa, «tra qualche giorno potrebbe venire a mancare anche il carburante». Già due ditte fornitrici di carburante hanno chiuso i rapporti con la Provincia di Crotone, incapace di assolvere ai debiti, e una terza ha già annunciato di volere interrompere la fornitura. Catorci vecchi ed illegali che, tra qualche giorno, potrebbero non avere più nemmeno la benzina per essere messi in moto.
A sollevare il problema della sicurezza delle strade, sabato scorso, era stato il prefetto di Crotone, Cosima Di Stani, in un incontro chiesto dai sindacati per perorare la causa dei dipendenti della Provincia, che non percepiscono stipendi dal mese di novembre scorso. Il prefetto ha informato i rappresentanti della Provincia di avere incontrato, il giorno prima, una delegazione dell’associazione “Gruviera”, fatta da cittadini che utilizzano quotidianamente le strade provinciali del Crotonese. Strade ormai impraticabili e pericolose per voragini e frane. La soluzione dell’uso della sabbia, se pur fa sorridere, è l’unica al momento praticabile. Nel prossimo mese di marzo potrebbe arrivare il bitume, visto che lo scorso mese di dicembre la Regione Calabria ha versato alla Provincia 3,9 milioni di euro esclusivamente per interventi sulle strade. La scelta delle ditte, così come è giusto che sia, avviene attraverso le gare di appalto e allora passeranno mesi e in attesa del bitume le buche si aggiustano con la sabbia di “occasione”. Nella riunione di sabato il prefetto si è fatto carico di sollecitare il Governo per versare nelle casse dell’ente intermedio i quattro milioni che avanza, con la finestra di marzo prossimo. Questo potrà avvenire se verranno approvati il conto consuntivo 2016 e il bilancio preventivo del 2017. La struttura burocratica dell’ente ha assicurato che, entro il prossimo mercoledì, il collegio dei revisori esprimerà i propri pareri e, quindi, successivamente si potrà procedere alla convocazione dell’assemblea per procedere all’approvazione dei documenti finanziari. I soldi servono anche per pagare i dipendenti.

Gaetano Megna
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.