Corriere della Calabria - Articoli filtrati per data: Mercoledì, 01 Novembre 2017

 

COSENZA Tre persone risultano disperse dal pomeriggio di oggi sul massiccio del Pollino, nella zona del rifugio di Colle Marcione, nel territorio di Civita. Sul posto sono in azione diverse squadre del Soccorso alpino e le forze dell'ordine. 

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello Il Soccorso alpino e le forze dell'ordine sono in azione nel territorio di Civita

 

PARAVATI Migliaia di persone hanno partecipato, a Paravati di Mileto, alle celebrazioni in occasione dell'ottavo anniversario della morte di Natuzza Evolo. La messa, al Santuario della Gioia, è stata presieduta dal vescovo di Mileto-Nicotera-Tropea, monsignor Luigi Renzo. Il presule, nella sua omelia, ha manifestato ai fedeli l'intenzione di costituire una Commissione di teologi per studiare i fenomeni "speciali" di Natuzza al fine di arrivare presto ad ottenere il via libera della Congregazione della Fede alla sua beatificazione. «La santità - ha detto - non è un premio, una pretesa per le opere compiute, ma è semplicemente un dono di Dio». Per quanto riguarda i Cenacoli di preghiera sempre monsignor Renzo ha annunciato che presto dovrebbe arrivare l'approvazione regionale della Conferenza episcopale calabra che fa seguito a quella diocesana.

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello Nell'anniversario della scomparsa della mistica, una messa celebrata dal vescovo monsignor Renzo. Che ha annunciato: «Costituiremo una commissione di teologi per studiare i suoi fenomeni “speciali”»

 

CATANZARO Negli ultimi due giorni sono stati immessi nel sistema agricolo calabrese circa 24 milioni di euro su varie misure del Piano di sviluppo rurale e ulteriori 2 milioni sulla campagna 2016 della Domanda unica.
Come noto i pagamenti di chiusura campagna 2016, sia per il Psr che per la Domanda unica, sono stati caratterizzati da enormi complicazioni, a livello nazionale, derivanti dall’attuazione della riforma della Pac.
Il consigliere delegato all’Agricoltura, Mauro D’Acri, nel dare l’informazione sugli avvenuti pagamenti, evidenzia come «non è stato semplice riuscire a trovare la quadra per i pagamenti della campagna 2016, soprattutto in un momento di forte sofferenza congiunturale del comparto. Tuttavia non ci siamo mai fermati e i dati generali sull’avanzamento della spesa dei Psr in Italia evidenziano come la nostra regione, con circa 197 milioni di spesa, sia tra le due o tre più performanti e tra le pochissime ad avere raggiunto l’obiettivo di spesa fissato per fine 2018».
Sempre in tema di pagamenti l’Arcea informa che sono imminenti ulteriori decretazioni sul Psr. In particolare nei prossimi giorni verranno liquidati i rimanenti beneficiari delle misure del Biologico e dell’Integrato e verranno riverificati i pagamenti mancanti sul Benessere animale. Inoltre il direttore dell’Agenzia, Maurizio Nicolai, ha dato notizia che entro la settimana dovrebbero essere conclusi gli adempimenti per la liquidazione del primo anticipo della campagna 2017 della domanda unica, con una previsione di circa 90 milioni di erogazioni. Su questo punto è rilevante evidenziare i significativi sforzi compiuti per garantire la necessaria liquidità di cassa per potere procedere alla liquidazione.
Il presidente della Giunta Regionale, Mario Oliverio, ha voluto rassicurare le aziende del comparto agricolo evidenziando come «in un momento di grande difficoltà del comparto, resa più evidente da una congiuntura, sia di mercato che di avversità atmosferiche, sfavorevole alle nostre produzioni primarie, sentiamo forte il richiamo di vicinanza che ci perviene dalle aziende. Ci rendiamo perfettamente conto che le Istituzioni, ed in primis quella regionale, devono giocare un forte ruolo di supporto per il comparto agricolo. Questo deve avvenire mediante azioni sempre più concertate e sempre più di sistema, mettendo in funzionalità azioni per la lotta al lavoro irregolare, azioni per la promozione del brand Calabria, azioni per favorire la puntuale e tempestiva erogazione dei fondi comunitari. Serve una nuova visione delle politiche attive di comparto, una visione nella quale l’agricoltura deve essere un sistema di aziende e non una somma di aziende». «Il fatto di avere scongiurato con significativo anticipo il rischio di disimpegno dei fondi comunitari per l’agricoltura, avendo raggiunto il 31 ottobre l’obiettivo fissato per il 31 dicembre 2018, ci deve mettere nella condizione di focalizzare i nostri sforzi negli ambiti di analisi della “qualità” della spesa, con l’obiettivo di dare la linfa finanziaria all’attuazione di questa nuova visione di cui ho parlato. Una visione che – conclude Oliverio - deve mettere al centro la Calabria e le sue eccellenze e mettere ai margini le rendite di posizione e gli atteggiamenti speculativi e personalistici».

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello Il consigliere delegato D'Acri informa sugli avvenuti pagamenti «nonostante la sofferenza del comparto» e annuncia ulteriori finanziamenti nei prossimi giorni. Il presidente Oliverio: «Serve una nuova visione del settore per la Calabria»

 

CATANZARO «I produttori agricoli calabresi continuano ad essere penalizzati dall’inefficienza e dall’incapacità gestionale del sistema regionale che non effettua i trasferimenti ai legittimi beneficiari, nonostante disponga di consistenti risorse che potrebbero alleviare gli effetti di un’annata resa difficile dalla siccità che ha compromesso la produzione di olive e agrumi». È quanto afferma il Consigliere regionale Wanda Ferro (Gruppo misto), raccogliendo il grido di allarme del mondo agricolo calabrese. «Risulta che Arcea - spiega Wanda Ferro - abbia una giacenza media, presso la tesoreria in Banca d'Italia, di circa 70 milioni di euro, soldi destinati e vincolati dalla Ue per i premi in agricoltura che non vengono trasferiti ai produttori agricoli. Si tratta di risorse preziosissime per l’economia agricola del territorio, che vengono però bloccate senza alcun comprensibile motivo. Mentre l’Agea ha predisposto un pagamento di anticipo della Domanda unica 2017 per una cifra di oltre 350 milioni e per oltre 95.000 beneficiari, l’Agenzia regionale calabrese è in attesa di avviare le procedure di liquidazione dell’acconto Du 2017, pur avendo in cassa oltre 70 milioni di euro, con la conseguenza di fare slittare il pagamento dell’anticipo a metà novembre. Solo ieri, con oltre un anno di ritardo rispetto alla norma, Arcea ha mandato in pagamento circa 7200 posizioni relative agli anni precedenti, e cioè D.U. 2015 e 2016 e PSR anno 2016». «Ci chiediamo a questo punto quale sia l’utilità di avere un organismo pagatore in Calabria, se l’effetto è quello di essere un ulteriore ostacolo, anziché un sostegno, alla crescita dell’imprenditoria agricola calabrese. Dopo aver discusso della gestione delle fondazioni commissariate, sarebbe opportuno convocare un Consiglio regionale ad hoc per discutere di tutti i problemi che investono un settore, quello dell’agricoltura, che è trainante per l’intera economia calabrese», conclude Wanda Ferro, che sulla vicenda dei mancati trasferimenti da parte dell’Agenzia regionale annuncia la presentazione di un’interrogazione a risposta scritta.

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello La consigliera regionale delGruppo misto, Wanda Ferro, annuncia un'interrogazione scritta sulla vicenda dell'Arcea. «Abbiamo 70 milionidi fondi che vengono bloccati senza nessun comprensibile motivo»
Mercoledì, 01 Novembre 2017 19:12

«Sulla differenziata abbiamo recuperato decenni»

CATANZARO «Dal 2015 la percentuale di differenziata è quasi raddoppiata. La linea da noi assunta sta producendo risultati significativi. La cooperazione tra Regione e Comuni ha consentito di rendere più pulite le nostre città». È quanto afferma, in una nota, il presidente della Regione, Mario Oliverio, commentando i dati emersi dal Rapporto Annuale Rifiuti Urbani - edizione 2017 - relativo alla produzione di rifiuti urbani nel territorio nazionale nell'anno 2016 pubblicato ieri dall'Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (Ispra). «Il Piano dei Rifiuti da noi assunto - prosegue Oliverio - ci consente di recuperare ritardi decennali e di realizzare anche in Calabria un sistema virtuoso di raccolta e di smaltimento dei rifiuti fondato su due pilastri: la raccolta differenziata spinta e la realizzazione di un sistema di impiantistica avanzato ad impatto ambientale zero. I fatti sono questi e non a caso vengono rilevati e certificati dall'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale».

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello Il governatore sui dati diffusi dall'Ispra che segnano un +8% nella nostra regione: «Il nostro Piano rifiuti sta producendo risultati significativi»
Mercoledì, 01 Novembre 2017 18:46

Riparte il treno tra Soveria Mannelli e Gimigliano

CATANZARO Domani, giovedì 2 Novembre 2017, verrà riattivata la tratta ferroviaria compresa tra le stazioni ferroviarie di Soveria Mannelli e Gimigliano con successiva apertura al pubblico esercizio per venerdì 3 Novembre 2017.
Il presidente della Regione Calabria Mario Oliverio e la Direzione generale di Ferrovie della Calabria ringraziano l’impresa Francesco Ventura Costruzioni Ferroviarie srl e le maestranze di Ferrovie della Calabria per l’impegno profuso per la velocizzazione dei complessi lavori di rifacimento della volta di parte della galleria interessata al fine di limitare i disagi per l’utenza.
Il presidente Oliverio, unitamente al management ed ai tecnici aziendali di Ferrovie della Calabria, domani mattina presenzierà alla riattivazione della linea che avverrà con una corsa treno che collegherà Soveria Mannelli a Catanzaro con partenza da Soveria alle ore 9,45. 
I lavori ultimati sono parte del più ampio programma di riqualificazione e di rilancio della linea ferroviaria Cosenza - Catanzaro lido, fortemente voluto dal presidente Oliverio, ed in misura significativa già finanziato dalla Regione Calabria con fondi specifici. 
Si evidenzia che la società Ferrovie della Calabria, in relazione agli impegni assunti ed in considerazione della delicatezza e della difficoltà dei lavori effettuati, ha rispettato i tempi di ripresa del servizio sulla tratta, rientrando in un pieno regime di normalità e ponendo fine ai disagi che inevitabilmente si sono verificati nelle fasi di lavorazione di tale importanza.

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello Domani sarà riattivata la tratta con il governatore Oliverio e i vertici della società Ferrovie della Calabria. I lavori fanno parte della riqualificazione della linea tra Cosenza e Catanzaro Lido. Il 3 novembre l'apertura al pubblico
Mercoledì, 01 Novembre 2017 18:07

Il bando dei BoCs Art sul tavolo dell'Anac

COSENZA La cultura e come viene amministrata, anzi affidata. I fogli del bando di gara per la gestione e la direzione artistica dei “BoCs Art” o residenze d’artista che sono state realizzate dall’amministrazione comunale di Mario Occhiuto sono dal mese di agosto sulle scrivanie dei giudici del Tar di Catanzaro. Una sequela di atti, quelli proposti dal ricorrente: la società “Piano B” contro il comune di Cosenza che al termine dell’istruttoria e della valutazione della commissione esaminatrice aveva affidato la gestione dei BoCs all’associazione Raiku. Nella prima sentenza sull’affidamento i giudici hanno disposto l’annullamento del bando e quindi di tutte le procedure che ad esso si collegavano perché come scrivono «i commissari (che hanno valutato l’offerta ndr) non devono aver svolto ne possono svolgere alcun’altra funzione o incarico tecnico o amministrativo relativamente al contratto del cui affidamento». Il cavillo giudiziario che permette a Pino B di spuntarla è il ruolo dalla dottoressa Maria Cersoso che aveva ricoperto il ruolo di responsabile del procedimento. Attività dell’associazione Raiku bloccata e comune di Cosenza condannato anche al pagamento di una penale al fine di evitare che potessero sorgere altri contenziosi perché, comunque, l’associazione che al termine del bando di gara era stata indicata come vincitrice aveva svolto il suo lavoro. Cinquantuno giorni per la precisione. La sentenza raffredda gli animi ma fatta la legge, anzi in questo caso la sentenza, trovato l’inganno. Da palazzo dei Bruzi per la Raiku arriva l’affidamento delle residenze artistiche in via diretta. Niente bando o valutazione di altre offerte. Risultato che non cambia e Piano B che si appella nuovamente ai giudici del tribunale amministrativo. I togati, visto il precedente e valutato come sia stato realizzato un escamotage per «affidare il servizio alla stessa ditta che aveva ottenuto l’aggiudicazione viziata e illegittima», dichiara anche questa volta nullo il contratto che lega comune e Raiku e condanna di comune di Cosenza al rimborso delle spese, quantificate in 2mila 500 euro, a Piano B. L’intera vicenda viene inoltre trasferita all’autorità anticorruzione. Saranno Cantone e i suoi collaboratori a vigilare sull’intera vicenda.

 

mi. pr.  

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello Il Tar aveva annullato il bando dell'affidamento dei servizi per «aggiudicazione viziata e illegittima». Il Comune di Cosenza aveva proceduto per via diretta con la ditta “incriminata” Raiku. La società ricorrente si è appellata nuovamente ai giudici. Ora la parola spetta all'anticorruzione
Mercoledì, 01 Novembre 2017 17:57

Sequestrate due lavatrici industriali a Montalto

 

COSENZA I militari della Stazione carabinieri forestale di Montalto Uffugo a seguito di controlli mirati alla prevenzione di reati ambientali hanno posto sotto sequestro per mancata autorizzazione allo scarico due lavatrici industriali all’interno di una lavanderia nel Comune di Montalto Uffugo. Dai controlli è infatti emerso che la ditta confluiva le acque reflue industriali derivanti dalla lavorazione della stessa in pubblica fognatura attraverso un sistema interno fognario, tutto ciò avveniva senza le dovute autorizzazioni previste per lo scarico delle acque in fognatura. Si è pertanto deferito all’autorità giudiziaria il proprietario della lavanderia per violazione alla normativa ambientale, posto sotto sequestro le due lavatrici industriali ed i pozzetti interessati agli scarichi delle stesse.

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello I sigilli dei carabinieri sono scattati per la mancanza di autorizzazioni. La ditta confluiva le acque reflue in una fognatura pubblica attraverso un sistema interno. Denunciato il titolare
Mercoledì, 01 Novembre 2017 17:49

A Lorica l'edizione 2017 del Premio Sila

 

COSENZA Il prestigioso Premio, giunto alla 27ª edizione, quest'anno farà tappa a Lorica il prossimo 3 novembre presso il Centro sportivo Lorica. Tra i vincitori della 27ª edizione ci sono: Pippo Callipo, Franco Laratta, Mimmo Lucano, Lino Polimeni, Giusy Regalino, Antonello Martino, Nicole Orlando, Niko Stumpo. A tutti i premiati andrà una targa realizzata per l'occasione dal maestro orafo Michele Affidato. Il Premio Sila viene assegnato ogni anno a quanti si sono particolarmente distinti nell'impegno sociale, culturale, nelle professioni, a favore della crescita della Calabria. La cerimonia di consegna del riconoscimento, alle 17 del 3 Novembre nell'incantevole scenario di Lorica, sul lungolago.  

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello Tra i vincitori Pippo Callipo, Franco Laratta, Mimmo Lucano, Lino Polimeni, Giusy Regalino, Antonello Martino, Nicole Orlando, Niko Stumpo. Il riconoscimento andrà alle personalità che hanno contribuito alla crescita della Calabria. L'evento il 3 novembre
Pagina 1 di 3