Corriere della Calabria - Articoli filtrati per data: Domenica, 01 Ottobre 2017

Indetta dalla Diocesi di Locri-Gerace, verrà celebrata il primo sabato del mese di ottobre dal 7 ottobre, nel santuario "Nostra Signora dello Scoglio", fondato da fratel Cosimo, a Placanica la «Giornata diocesana di preghiera per la conversione dei mafiosi e la riconciliazione con la casa comune». L'ha indetta, con proprio decreto, il vescovo di Locri-Gerace, mons.Francesco Oliva. «Una forte iniziativa spirituale e di riscatto - è detto in un comunicato della Diocesi - che vede la Chiesa protagonista in una terra difficile, deprivata e sotto la costante minaccia della 'ndrangheta. La Giornata è stata promossa in accoglimento dell'invito di papa Francesco a pregare il Signore, perché gli uomini e le donne delle diverse mafie smettano di fare il male, si convertano e, cambiando vita, riconoscano che il denaro degli affari sporchi e dei delitti mafiosi e' ignobile, puzza e produce un potere iniquo che, sfruttando carenze economiche, sociali e politiche, dà origine a deplorevoli progetti criminali».

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello Indetta dalla diocesi di Locri-Gerace, sarà celebrata il prossimo 7 ottobre nel santuario "Nostra Signora dello Scoglio". «Una forte iniziativa spirituale e di riscatto»

È stata riaperta oggi la linea ferroviaria Sibari-Crotone-Catanzaro Lido, con il completamento dei primi interventi di manutenzione straordinaria e potenziamento infrastrutturale realizzati da Rfi nel tratto Sibari-Catanzaro Lido. Ne dà notizia, con un comunicato, l'ufficio stampa della Giunta regionale. «Gli interventi, previsti nel Protocollo sottoscritto dal presidente della Regione Oliverio, dal ministro Delrio e dall'amministratore delegato di Rfi Gentile – è detto nella nota – hanno visto un investimento di 40 milioni di euro, con importanti lavori anche finalizzati alla sicurezza, come il consolidamento della galleria “Cutro” che ha determinato uno slittamento del termine dei lavori, inizialmente previsto per domenica 10 settembre e ritardato al 30 settembre, proprio per un cedimento parziale della volta in Galleria, tra Isola Capo Rizzuto e Cutro. I cantieri, che hanno operato in via continuativa da giugno scorso, hanno consentito tra l'altro il rinnovo di circa 40 chilometri di binari, la movimentazione di 120mila metri cubi di materiale, hanno visto l'impegno di oltre 300 addetti, la realizzazione di interventi in grado di innalzare i limiti di velocità del tracciato, incrementandone gli standard di affidabilità e sicurezza». «Il presidente Oliverio - si afferma ancora nel comunicato - ha manifestato grande apprezzamento per il lavoro svolto e ha ringraziato tutte le maestranze impegnate, che fanno ben sperare per i risultati da raggiungere entro il 2019 per l'intera tratta ferroviaria con il profondo rinnovamento del sistema ferroviario e per migliorare i servizi sia in termini di tempi di percorrenza, che di accessibilità». 

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello Completati i primi interventi di manutenzione straordinaria e potenziamento infrastrutturale realizzati da Rfi. Investimento da 40 milioni di euro. L’apprezzamento del governatore Oliverio

CATANZARO «Un primo incontro, finalizzato all'imminente organizzazione della conferenza programmatica, si è svolto stamane nella sede del Pd Calabria, a Lamezia Terme». Lo riferisce un comunicato dell'ufficio stampa del Pd Calabria. «L'evento, il cui allestimento è stato affidato dal segretario regionale Ernesto Magorno al deputato Nicodemo Oliverio - si aggiunge nella nota - prenderà vita a Gioia Tauro e si snoderà su una serie di tematiche, legate all'attualità della Calabria e ai grandi temi attorno ai quali si svilupperà il dibattito politico nei prossimi mesi, nell'ambito della Conferenza programmatica nazionale ma anche durante l'ormai imminente campagna elettorale per il rinnovo del Parlamento. Già selezionati alcuni temi, come turismo e agricoltura, infrastrutture e innovazione, lavoro e pari opportunità. Il senso della manifestazione è quello di elaborare all'interno del partito proposte e contributi che possano essere da stimolo e supporto all'azione del Governo regionale e, nello stesso tempo, proiettare il Pd Calabria verso i prossimi appuntamenti politici nazionali».

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello La riunione si è tenuta nelle sede regionale dem a Lamezia. Magorno ha affidato l’allestimento dell’iniziativa al deputato Nicodemo Oliverio

FERRARA Alberto Paloschi festeggia la 200esima gara in A tornando al gol nel massimo campionato dopo quasi due anni - ultima rete il 17 gennaio 2016 in Chievo-Empoli - ma al Crotone basta un ottimo quarto d'ora a inizio secondo tempo per tornare a casa con un punto prezioso. Finisce 1-1 lo scontro salvezza del "Mazza", con i calabresi che centrano un altro risultato positivo contro una rivale diretta a sette giorni dal 2-0 al Benevento. Si mangia invece le mani la Spal, che sta raccogliendo meno di quanto meriterebbe. Ma la serie A è anche questa. Semplici dà fiducia allo stesso undici che ha messo in difficoltà il Napoli, confermando Antenucci come spalla di Borriello in avanti, Lazzari e Costa sugli esterni e a protezione di Gomis il trio composto da Salamon, Vicari e Felipe. Cambia invece la coppia d'attacco nel Crotone rispetto a domenica scorsa: fuori Trotta e l'infortunato Tumminello e dentro Nalini e Simy, nel solito 4-4-2 di Nicola con Sampirisi e Rohden a destra e Martella e Stoian sull'altra corsia. I calabresi vogliono giocarsela a viso aperto e dopo un paio di minuti Mandragora chiama in azione Gomis, che si salva in angolo. Ma la Spal ci mette poco a prendere in mano il pallino del gioco e al 18' sfiora il vantaggio: cross di Costa dalla sinistra, torre di Borriello e girata di Antenucci di poco a lato. La squadra di Nicola comincia ad arretrare pericolosamente, una botta dalla distanza di Barberis è l'unico sussulto verso la porta ferrarese mentre nell'altra metà campo Antenucci prima e Viviani poi peccano solo nella mira. Poco prima della mezz'ora, però, arriva una doccia fredda per Semplici: Borriello ha un problema muscolare e alza bandiera bianca, con Paloschi che entra al suo posto.
Ma è un cambio provvidenziale perché al 39' lo stesso Paloschi sblocca la gara: Mora mette in mezzo, tiro di Antenucci che diventa un assist per l'ex Chievo che sul secondo palo, indisturbato, appoggia in rete. E nel finale di tempo ancora uno scatenato Antenucci va vicino al 2-0 ma la palla finisce larga. L'avvio di ripresa vede però in campo tutt'altro Crotone: Stoian dopo un'incertezza di Vicari (reattivo Gomis), Simy e quindi Rohden vanno alla conclusione facendo tremare i biancazzurri e al 14' arriva il pari proprio con l'attaccante nigeriano, a cui Salamon lascia troppo spazio per calciare dal limite e metterla nell'angolino basso. Solo a quel punto la Spal riesce a reagire, coi rossoblu che cercano di chiudere tutti gli spazi. Nicola prova a coprirsi di più con Faraoni per Rohden, Semplici risponde con Rizzo per Mora ma l'inerzia della gara non cambia: Spal che attacca a testa bassa, Crotone che si difende senza correre grossi rischi tranne al 41' quando Cordaz evita l'autogol di Ajeti e Simic anticipa provvidenzialmente Paloschi, pronto a ribattere in rete. È l'ultimo brivido, Nicola stringe i pugni, a Semplici restano ancora una volta soprattutto i complimenti.

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello Ai calabresi in trasferta a Ferrara basta un ottimo quarto d'ora a inizio secondo tempo per incassare un pareggio utilissimo in chiave salvezza

CATANZARO «È stata una giornata intensa e ricca di incontri quella di ieri per il presidente della Regione Mario Oliverio che, insieme ai consiglieri regionali Giuseppe Aieta e Mauro D'Acri e al presidente del Parco del Pollino, Mimmo Pappaterra, ha partecipato a due belle iniziative programmate dall'amministrazione comunale di Malvito all'interno di un programma denominato "Malvito, il Borgo della Storia" e che riguardano l'apertura dell'area archeologica di località Pauciuri e l'inaugurazione del castello normanno totalmente restaurato». È quanto si legge in un comunicato dell'ufficio stampa della Giunta regionale. «I due eventi, che hanno visto la partecipazione di sindaci, amministratori locali, autorità civili e religiose e di tantissimi cittadini provenienti dall'intera Valle dell'Esaro - si aggiunge nella nota - si inseriscono nel progetto “Le Vie del Duca” e fanno parte di un progetto finanziato dal Pisl Por Calabria Fesr 2007/2013 denominato “L'alchimia del tempo tra castelli e torri”. Nel corso della serata il presidente della Giunta regionale ha inaugurato anche la rinnovata cantina delle Tenute Mirabelli, un'azienda produttiva molto importante di questo territorio. «Oggi - ha detto Oliverio - è una giornata che rimarrà nella storia di Malvito e dell'intero comprensorio della Valle dell'Esaro. Avere recuperato questo straordinario patrimonio, che è segno di una presenza storica e culturale assai importante, significa non solo aver recuperato la memoria storica di questo luogo, ma soprattutto rafforzare l'attrattività turistica dell'intero territorio su cui esso insiste. L'apertura dell'area archeologica di Pauciuri e il restauro del castello normanno su cui abbiamo investito importanti risorse, fanno parte di un progetto più ampio che unisce il Pollino all'Altopiano Silano attraverso i due Parchi nazionali, attraversa la Sibaritide e definisce un itinerario. Sulla definizione degli itinerari in Calabria stiamo lavorando intensamente. Per dopodomani, in Regione, abbiamo convocato una riunione in cui discuteremo di un altro progetto che è denominato “La via dell'Appennino e dei Parchi” che prevede finanziamenti già disponibili e che collega diverse realtà. Su Retequattro sono state programmate, all'interno della nota trasmissione “I Viaggi del Cuore”, tre puntate che presenteranno tre diversi itinerari che esaltano e valorizzano le bellezze naturalistiche e storiche della nostra regione. La prima puntata verterà sulla figura di San Francesco di Paola e sul cammino a lui dedicato, recentemente riconosciuto nell'Atlante del Mibact, ma saranno protagonisti anche la chiesetta di Piedigrotta a Pizzo ed il Santuario di Santa Maria dell'Isola a Tropea. Nelle puntate successive saranno di scena il Cammino di Gioacchino da Fiore tra Corazzo e San Giovanni in Fiore, il Codex purpureus a Rossano, il Cammino Mariano del Pollino, il Santuario di Capocolonna, la grande Certosa di Serra San Bruno, la Varia di Palmi ed ancora Gerace, San Giovanni Therestis, la via Popilia e la tomba di Isabella d'Aragona nel Duomo di Cosenza. È una produzione di altissima qualità sulla quale abbiamo investito per valorizzare al massimo il nostro patrimonio storico, culturale e archeologico. Quest'area rappresenta un tassello importante di questo lavoro perché è situata all'interno di un territorio ricco di testimonianze, presenze e segni della storia che fanno del patrimonio storico, monumentale e archeologico un punto di attrazione unico nel contesto regionale e nazionale». «Su questa strada - ha aggiunto il presidente della Regione - dobbiamo e vogliamo continuare a camminare. Proprio oggi abbiamo tenuto a Catanzaro una riunione in cui abbiamo deciso di programmare a favore di una legge che tra poco approveremo in Consiglio regionale e che riguarda il recupero e la valorizzazione dei nostri borghi a cui destineremo consistenti risorse proprio perché abbiamo estremamente bisogno di far emergere questo patrimonio e di valorizzarlo. L'attrattività turistica della nostra regione passa per questa strada. Quest'anno abbiamo registrato il record massimo delle presenze turistiche in Calabria che, per la prima volta, non si sono concentrate solo nei mesi di luglio e agosto, ma hanno cominciato a spalmarsi anche in altri periodi dell'anno. È un risultato determinato non solo dalla ripresa del turismo interno, ma soprattutto dalla forte impennata del turismo internazionale ed è frutto di un'azione costante e mirata, rivolta soprattutto nei confronti di diversi paesi europei e tesa ad intercettare nuove domande turistiche. Il nostro obiettivo è quello di utilizzare le risorse nel modo più intelligente possibile e in maniera diversa rispetto al passato, quando si preferiva attaccare sui muri delle nostre città grandi manifesti pubblicitari e realizzare investimenti milionari che non producevano nulla. Noi abbiamo preferito percorrere una strada diversa, portando direttamente tour operator e rappresentanti della stampa estera a scoprire il nostro territorio, per poi proiettarlo sui mercati interni ed internazionali». «Su questa impostazione - ha concluso Oliverio - intendiamo continuare a lavorare per raggiungere risultati sempre più importanti, tesi a rilanciare e a valorizzare al massimo la nostra terra e a recuperare i ritardi decennali che per troppo tempo si sono accumulati nella nostra regione».

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello Il governatore, affiancato dai consiglieri regionali Aieta e D'Acri, ha tenuto a battesimo anche il sito archeologico di Pauciuri. «Una giornata che rimarrà nella storia dell'intero comprensorio della Valle dell'Esaro»

SERRA SAN BRUNO Nel corso del weekend i militari della Compagnia carabinieri di Serra San Bruno, guidati dal tenente Marco Di Caprio, hanno svolto un ampio servizio al termine del quale sono stati controllati 35 autoveicoli e circa 80 persone. Gli uomini dell’Arma nel corso del controllo hanno tratto in arresto per i reati di violenza, minaccia, resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale C.A., di 43 anni, incensurato, di Soriano. L’uomo, infatti, dopo essere stato fermato dai carabinieri per un normale controllo alla circolazione, avrebbe dapprima iniziato a inveire verbalmente contro i militari, per poi scagliarsi contro uno di loro, causandogli un ferimento di lieve entità. L’ arrestato è stato sottoposto al regime degli arresti domiciliari in attesa del rito direttissimo.
Denunciato inoltre un 79enne di Fabrizia che, una volta perquisito sempre a seguito di un controllo, è stato trovato in possesso di 2 coltellini a serramanico sottoposti a sequestro. Deferito anche un 62enne di Soriano per violazione degli obblighi inerenti la misura di prevenzione della sorveglianza speciale, poiché sorpreso alla guida di un motociclo privo di casco, targa e assicurazione. Durante i controlli alla circolazione stradale i militari hanno effettuato anche una serie di perquisizioni veicolari ed elevato contravvenzioni amministrative per un importo complessivo di 2500 euro.

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello Dopo essere stato fermato a Soriano per un normale controllo, l’uomo avrebbe dapprima iniziato a inveire verbalmente contro i militari, per poi scagliarsi contro uno di loro
Domenica, 01 Ottobre 2017 15:31

Cosenza, 70 Gd a sostegno di Guglielmelli

COSENZA «Riteniamo doveroso inserirci nel dibattito politico di questi giorni per ribadire con forza la nostra adesione alla ricandidatura di Luigi Guglielmelli, a cui chiediamo di continuare quel processo di rinnovamento della classe dirigente, oltre che vicinanza, ascolto e radicamento messo in atto in questi anni sul territorio della provincia di Cosenza». Così in un comunicato 70 esponenti dei Giovani democratici, l’organizzazione giovanile del Pd (in basso l’elenco completo dei sottoscrittori), annunciano il loro sostegno alla candidatura di Luigi Guglielmelli, segretario uscente, alla guida della federazione del Pd in provincia di Cosenza. «Crediamo che Luigi – prosegue la nota – abbia dimostrato, nel corso del suo mandato, equilibrio ed autorevolezza: doti necessarie per continuare a guidare, con rinnovato slancio, un centro nevralgico per la vita democratica del nostro partito, qual è la Federazione di Cosenza. A Luigi, con orgoglio già guida dei giovani democratici calabresi, va tutto il nostro rinnovato sostegno ed incoraggiamento a dare continuità agli ultimi anni di buona politica del Partito democratico sotto la sua guida e con l'ausilio di tutte le nostre migliori energie. La vera sfida – concludono i 70 esponenti dei Gd – parte proprio da qui: abbiamo bisogno di un partito sempre più aperto, plurale ed inclusivo per combattere i populismi e gli egoismi che purtroppo ad oggi imperano nello scenario politico. Infine nell'auspicio che abbia luogo in questi giorni un confronto ricco di contenuti, auguriamo buon congresso a tutti i tesserati del Partito democratico della provincia di Cosenza».

Andrea Capparelli, Coordinatore GD Acquaformosa

Francesco Tarantino, Segretario GD Aprigliano

Teresa Malito, già Coordinatore GD Casole Bruzio

Adolfo De Santis, Segretario GD Villapiana

Daniela Maratea, Segretario GD Scalea

Vincenzo Epifanio, Segretario GD Santa Domenica Talao-Orsomarso

Guglielmo Onorato, Segretario GD Cetraro

Adriana Amodio, GD Sant'Agata d'Esaro

Daniela Durante, Segretario GD Bonifati-Belvedere

Davide Santoro, Segretario GD Cariati

Teresa Anastasio, Segretario GD Calopezzati

Matteo Scrivano, GD Rovito

Giuseppe Fulci, Coordinatore GD Spezzano Sila

Carolina Pompilio, Segretario GD Castrovillari

Stefano Spina, Segretario GD Amantea

Teresa Aggazio, GD Bocchigliero

Mattia Lupinacci, Segretario GD Luzzi

Laura Scarpino, Segretario GD Scigliano

Stefania Bafaro, Coordinatore GD San Giovanni in Fiore

Giuseppe Umberto Conte, Coordinatore GD San Giovanni in Fiore

Vanessa Russo, Segretario GD Santo Stefano di Rogliano

Vincenzo Fallico, Segretario GD San Vincenzo La Costa

Fabio D'Ambrosio, già Segretario GD Serra Pedace

Antonio Santelli, Coordinamento GD Rende

Stefano Sansone, già Coordinatore GD Trenta

Walter Scarcella, Segretario GD Mandatoriccio

Gaspare Galli, Segretario GD Città di Cosenza

Piermassimo Arcangelo, Coordinamento GD Pietrapaola

Fernando De Donato, GD Pedace

Rosa Allevato, GD Pedace

Jacopo Pupo, già Segretario GD Spezzano Piccolo

Serena Salerno, Coordinamento GD Altomonte

Pietro Ritondale, Coordinatore GD Diamante

Gianluca Roberto, Segretario GD Cerzeto

Antonio Chiappetta, Presidente GD Città di Cosenza

Valeria De Padova, GD Castrovillari

Francesca Romito, GD Cosenza

Salvatore Talerico, GD San Giovanni in Fiore

Daniele Intrieri, GD Cosenza

Maria Crescente, Consigliere Comunale Cariati

Luigi Falbo, Assessore Comune di Rovito

Ludovico Serra, Capogruppo PD Spezzano Sila

Giuseppe Arcangelo, Consigliere comunale Pietrapaola

Marino Buongiorno, Assessore Comune di Rocca Imperiale

Pierfrancesco Balestrieri, Assessore Comune di Bisignano

Federico Pascuzzo, Consigliere comunale di Santo Stefano di Rogliano

Luigina Amodeo, Direzione Provinciale GD

Gabriele Piraine, Direzione Provinciale GD

Vincenzo Pittelli, Direzione Provinciale GD

Nicholas Abate, Tesoriere Provinciale GD

Francesco Alimena, Direzione Regionale GD

Luigi Misasi, Direzione Regionale GD

Vincenzo Covelli, Responsabile Organizzazione GD Calabria

Giuseppe Arcuri, Assemblea nazionale GD

Federica Fazio, Assemblea nazionale GD

Cristiana Viola, Direzione Nazionale GD

Marco Curcio, Direzione Nazionale GD

Carmine Quercia, Assemblea Nazionale PD

Vittorio Pecoraro, Responsabile Organizzazione Nazionale GD

Pasquale Villella, Coordinatore della Segreteria Provinciale GD

Luigi Madeo, Vicesegretario Provinciale GD

 

Michele Rizzuti, Segretario Provinciale GD

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello Gli esponenti dell’organizzazione giovanile del Pd supportano la candidatura del segretario uscente alla guida della federazione dem cosentina: «Continui il processo di rinnovamento della classe dirigente»
Domenica, 01 Ottobre 2017 15:05

A Villa in scena "Le memorie del punto G"

VILLA SAN GIOVANNI Uno spettacolo che viene dal cabaret retrò burlesque quello andato in sabato sera sul palco del Teatro Primo di Villa San Giovanni e in replica domenica alle 21,30. "Le memorie del punto G" di Golden Din Din, al secolo Lucia Pradelli è un progetto psico-pedagogico con uno scopo didattico che vuol trattare  l'educazione sessuale in maniera più ludica. Al servizio del piacere: la musica e la risata. La voce del suddetto punto (dalla regia, Saverio Zanoli) ci accoglie su una scena quasi nuda. Sul proscenio a destra un leggio e, alle sue spalle, un'ottomana in damascato dorato e rosso. A sinistra, in solitudine, uno sgabello nero porta su di sé oggetti non ben distinguibili dalla platea. Sulle soffuse note di "Ain't No Sunshine" di Bill Withers, la "voce" si presenta: «Buonasera, sono G, il punto G». Golden Din Din introduce il primo dei quattro personaggi che ci faranno compagnia per un'ora di spettacolo. Sulla scena, vestita con un lungo abito nero coperto da un impermeabile dorato, un cappello e un rossetto paillettato, trascina la sua valigia rossa e l'abbandona sul fondo scena. «Obiettivo è prenderci un momento di relax per lasciare che la sensualità attraversi il nostro corpo», dichiara Golden 007 e svela il leitmotiv della serata: un profondo e rilassante respiro. È importante prendersi del tempo, visto l'argomento trattato. Il punto G - che prende il nome dal  ginecologo tedesco Gräfenberg a cui viene attribuita la scoperta di questa parte anatomica femminile -, viene spiegato, cronologicamente, in quattro tempi: la scoperta del piacere, la consapevolezza del corpo, l'egoismo e la libertà. A ogni argomento è attribuito un personaggio: Golden 007, appunto, che vuole parlare di scoperta e ricerca per avvicinarci al punto G; la Geisha Golden, che mostra la consapevolezza del proprio corpo; Golden Crudelia, che impersona il sano egoismo e Golden Libertà, con la sua emancipazione. In questo spettacolo - che porta con sé l'effervescenza del burlesque con i toni caldi dello swing -, Golden Din Din gioca col pubblico coinvolgendolo in una costruzione drammaturgica in itinere. Viene realizzata una lavagna 3D umana per raffigurare l'esterno della vagina; quattro post it per riprodurre clitoride, uretra, vulva  e ano; viene mostrata l'elasticità delle pareti uterine; l'aspetto gioviale delle palline magiche orientali e la maestosità del vibratore, librato in aria da una splendida Golden Libertà vestita come la più nota Statua americana che lo sfodera al posto della fiaccola. Sono elencate ed esplicate le quattro fasi della risposta sessuale: il desiderio, l'eccitazione, il plateau e l'orgasmo, con un modesto elenco di vari, possibili e coloriti spasmi. Ma anche ventagli di piume nere che rilasciano feromoni in sala, e frustini neri. Con la bellezza delle sue curve, la sensualità del suo corpo e il talento della propria voce, Golden Din Din affascina, diverte e ammalia il numeroso pubblico in sala. Spiritosa e mai volgare, mostra la sessualità per quello che è: una pratica che ha bisogno di tempo e relax per essere vissuta in maniera funzionale. I respiri al termine di ogni esibizione (sono undici gli spazi musicali durante lo show), ci riportano alla tranquillità richiesta all'inizio. Le musiche - scelte perché legate al tema di cui si è parlato, ma anche per esprimere sensualità e giocare con l'immagine da diva di club -, lavorano per confezionare un prodotto che possa essere da buon auspicio affinché tutto quello di cui si è discusso in serata, possa essere portato da ogni spettatore nell'intimità delle proprie case. Del resto, lo spettacolo nasce da un progetto più ampio, quello de "La valigia rossa" (www.lavaligiarossa.it) con cui l'artista collabora da sei anni: «Io sono esperta in educazione sessuale, non sono terapeuta, non faccio incontri per curare e dare determinati tipi di terapie - commenta Lucia Pradelli -. Noi della "La valigia rossa" diamo delle informazioni e questo spettacolo si integra con un progetto che vuole fare educazione. Avevo bisogno di far divertire le persone mentre recepivano i concetti nelle nostre riunioni». In chiusura, Golden Din Din ritorna se stessa. Prende fiato, emette un profondo respiro ed esclama: «Ricordatevi che per il piacere dovete prendervi tempo». Esce di scena a luci spente, illuminando un cuore fluorescente disegnato sul seno che pulsa mentre si allontana. 

Miriam Guinea
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello Al Teatro Primo lo spettacolo di Golden Din Din, al secolo Lucia Pradelli. Un progetto psico-pedagogico che intende trattare l'educazione sessuale in maniera ludica, tra musica e risate

ROMA Due voli sanitari d'urgenza sono stati effettuati ieri, su richiesta delle Prefetture di Palermo e di Reggio Calabria, pervenuta alla Sala Situazioni di Vertice del Comando Squadra Aerea dell'Aeronautica Militare. Si è svolto nella mattinata il primo volo, effettuato con un Falcon 900, per trasportare un bimbo di cinque mesi da Palermo a Firenze, dove è stato poi trasferito d'urgenza all'Ospedale "Meyer". Nel primo pomeriggio, invece, un Falcon 50 ha trasportato da Reggio Calabria a Roma una donna di 61 anni, in imminente pericolo di vita e bisognosa di cure urgenti. La paziente, atterrata a Ciampino poco dopo le 15, e' stata trasportata all'Ospedale Spallanzani di Roma.

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello La donna è stata soccorsa e trasportata con un Falcon dell’Aeronautica perché in imminente pericolo di vita. Atterrata a Ciampino, è stata poi trasportata all'ospedale Spallanzani di Roma

Nei giorni scorsi i poliziotti dei Commissariati di Gioia Tauro e di Taurianova hanno arrestato, in flagranza di reato, due giovani, il 31enne Marco Recupero e il 24enne Michele D’Agostino che, durante un controllo, sono stati trovati in possesso di cannabis sativa per un peso totale di 306 grammi. I due sono stati individuati da una pattuglia della Polizia di Stato nei pressi della stazione ferroviaria di Gioia Tauro, il loro atteggiamento ha insospettito gli agenti che, immediatamente, li hanno sottoposti ad una perquisizione personale.  In uno zaino recato in spalla da uno dei due, gli agenti hanno rinvenuto, ben celato, un involucro in plastica contenente la sostanza stupefacente in questione. Il personale operante ha ritenuto opportuno estendere la perquisizione anche alle abitazioni dei due uomini, circostanza che ha consentito di rinvenire, presso l’abitazione del 31enne, altri 3 grammi di marijuana ed un bilancino di precisione che secondo la polizia potrebbe essere stato utilizzato, con estrema probabilità, per il frazionamento ed il confezionamento della cannabis. Le due persone, come disposto dall’Autorità giudiziaria competente, sono state accompagnate presso le rispettive abitazioni agli arresti domiciliari in attesa dell’udienza.   

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello Ai domiciliari un 31enne e un 24enne di Gioia Tauro. Sono stati fermati dalla polizia nei pressi della stazione ferroviaria
Pagina 1 di 2