Corriere della Calabria - Articoli filtrati per data: Giovedì, 17 Aprile 2014

REGGIO CALABRIA «Porte aperte alla Procura». Lo ha detto il Procuratore della Repubblica di Reggio Calabria, Federico Cafiero de Raho, rivolgendo un appello ai cittadini a «collaborare con l`autorità giudiziaria per combattere i fenomeni d`illegalità». Cafiero de Raho, che è intervenuto ad un convegno di Libera per ricordare alcune vittime della `ndrangheta, è tornato a parlare di «zona grigia» facendo riferimento a chi «punta a confondere le carte per mantenere il controllo del territorio e alimentare quella strategia della confusione per disorientare i cittadini, annullando il senso dello Stato e creando incertezza e un terribile senso di sfiducia nei confronti delle istituzioni». «Se ognuno fosse vigile sull`illegalità che lo circonda e lo segnalasse - ha concluso il Procuratore di Reggio Calabria - si potrebbe intervenire quasi in tempo reale nel contrasto alla criminalità organizzata».
«Le coste calabresi sono l`esempio di una cultura urbana sbagliata, illegale», ha aggiunto ancora Cafiero de Raho. «Se tutto questo è accaduto negli anni - ha proseguito - significa che qualcuno lo ha permesso. Non vi è stato un serio contrasto per scelta, per paura e a volte per interesse». Secondo Cafiero de Raho, «è vitale a questo punto riprendersi gli spazi di democrazia e il governo del territorio, sottraendoli alla cappa mafiosa ed agli interessi speculativi che si muovono dietro l`abusivismo edilizio».

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello Il Procuratore è intervenuto a un convegno organizzato da Libera invitando i cittadini a collaborare con l`autorità giudiziaria. «È vitale a questo punto riprendersi gli spazi di democrazia e il governo del territorio, sottraendoli alla cappa mafiosa ed agli interessi speculativi che si muovono dietro l`abusivismo edilizio».
Venerdì, 18 Aprile 2014 00:56

SERIE B | La Reggina sprofonda a Palermo

PALERMO Altra vittoria per il Palermo dopo il trionfo nel derby con il Trapani. Stavolta ad essere sconfitta con un gol di Dybala è la Reggina che sprofonda sempre più in zona retrocessione. Nei primi minuti i rosanero partono all`attacco ma la Reggina di chiude bene in difesa. Il Palermo sblocca il risultato al 29` con Paulo Dybala. L`attaccante raccoglie una respinta corta di Pigliacelli, dopo un tiro di Barreto, e insacca. Al 40` gli uomini di Iachini hanno una buona occasione con Terzi che dopo una punizione di Barreto si ritrova la sfera fra i piedi. Il difensore però tutto solo in area crossa per Bolzoni che a quel punto era in fuorigioco. Nella ripresa ci prova due volte Lazar ma senza centrare la porta, mentre Pisano di testa la mette di poco al lato.

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello I padroni di casa vincono con un gol di Dybala. Calabresi sempre più in zona retrocessione
Venerdì, 18 Aprile 2014 00:50

SERIE B | Vittoria in casa del Crotone

CROTONE Il Crotone ha battuto il Varese 3-2 nell`anticipo della trentacinquesima giornata del campionato di serie B. A siglare le reti dell’incontro, nel primo tempo, Pavoletti (9’) per il Verona, a cui replica dopo appena 6 minuti Giannone del Crotone; nei primi minuti del secondo tempo il vantaggio di Cataldi (C), quindi il veronese Pavoletti (24’) e il definitivo 3-2 di Bernardeschi (38’) su rigore. Espulsi al 14` del st Damonte (V) per doppia ammonizione e al 38` st Blasi (V) per fallo su ultimo uomo.

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello Nell’anticipo della 35/ma giornata successo dei pitagorici per 3-2 sul Varese

COSENZA «Abbiamo puntato sul rinnovamento, sul coinvolgimento della società civile, sull`entusiasmo ma anche sull`esperienza e sull`autorevolezza». È quanto afferma l`Ufficio di presidenza regionale di Forza Italia, che si è riunito a Cosenza all`indomani della presentazione delle liste per il rinnovo del Parlamento europeo. «Forza Italia in Calabria guarda al futuro: i vecchi e stanchi riti della politica, fondati su logiche clientelari e calcoli di basso cabotaggio elettorale, non ci interessano. Quella del prossimo 25 maggio è una battaglia politica in cui vogliamo volare alto per cambiare il volto della nostra regione, portando più Italia e più Sud in Europa».  
«Per quanto ci riguarda siamo soddisfatti della composizione della nostra lista – prosegue l`organismo presieduto dalla coordinatrice regionale Jole Santelli – perché, in linea con quanto indicato dal presidente Berlusconi, rappresenta una perfetta sintesi di freschezza delle idee e di solido respiro europeo». 
«Agli elettori della nostra regione – prosegue – proponiamo sia giovani energie ed espressioni della società civile che rappresentano la linfa vitale della Forza Italia del futuro, sia personalità di alto profilo che hanno già rappresentato ai massimi livelli il Paese in Europa, con ruoli di vero peso politico. Forza Italia ha intrapreso una grande e profonda azione di rinnovamento nella sostanza e nella forma. Noi non manderemo mai a rappresentarci chi ha solo intenzione di andare in Europa a scaldare la sedia per una lunga vacanza ben remunerata». (0040)

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello L`Ufficio di presidenza azzurro soddisfatto delle liste: «Sintesi perfetta»

Pesanti ombre si addensano sui lavori per il rifacimento dello stadio Nicola Ceravolo di Catanzaro. La Procura della Repubblica ha acceso i suoi riflettori per chiarire i contorni di una vicenda che, allo stato, appare inquietante. Siamo ancora in una fase embrionale dell`indagine, ma si parte da un dato: ben prima che le buste venissero aperte qualcuno già sapeva il nome della ditta che avrebbe effettuato l`opera. Infatti, circa un mese prima che la commissione del Comune capoluogo rendesse noto il nome dell`azienda vincitrice, un imprenditore si è presentato al comando della Guardia di finanza. Agli investigatori ha detto chiaro e tondo che l`affidamento dell`appalto era già stato deciso e ha fornito i nomi dei vincitori. Poche settimane dopo le anticipazioni dell`imprenditore si sono trasformate in realtà. A questo punto sono partiti gli accertamenti degli inquirenti che, in questi mesi, hanno acquisito in copia tutte le carte relative all`appalto e al suo affidamento per trovare riscontri alla dettagliata denuncia. Nei giorni scorsi il pm titolare dell`indagine Vincenzo Russo ha nuovamente sentito, come persona informata sui fatti, l`imprenditore autore della denuncia “premonitrice”. Un lungo colloquio su cui, al momento, vige il più stretto riserbo. Toccherà adesso agli inquirenti verificare se siano stati consumati degli illeciti o come altro sia stato possibile anticipare di un mese l`esito di un appalto pubblico da oltre 4 milioni di euro.
Era il 3 dicembre scorso quando la commissione giudicatrice, presieduta dal capo dell`area tecnica del Comune, Giuseppe Cardamone e composta dall’architetto Giuseppe Carpanzano, dal geometra Giovanni De Santis (in rappresentanza della Lega calcio) e dal segretario verbalizzante, Antonio Fusinato, alla presenza dei rappresentanti delle cinque ditte che hanno partecipato al bando di gara, ha aggiudicato la gara all’associazione temporanea di imprese “Ro.Gu.–Costantino–Co.Es.” con un punteggio complessivo di 80,7065 punti su 100. L’organismo ha assegnato i punteggi in base alla somma delle valutazioni relative ai progetti tecnici, ai costi e alla tempistica di esecuzione dei lavori delle offerte pervenute. L’Ati vincitrice ha presentato un ribasso economico pari allo 0,318%, per un importo totale di 4 milioni 169mila 698 euro circa e un cronoprogramma che prevede - a partire dalla consegna dei lavori - 60 giorni per il rifacimento del campo A e dei box dello stadio e 360 giorni per il completamento di tutte le opere di riqualificazione. Il cantiere non è stato ancora aperto in attesa del via libera del Coni di Roma. (0080)

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello Indagine della Procura di Catanzaro dopo che un imprenditore, ben prima che le buste venissero aperte, aveva fornito alla guardia di finanza il nome della ditta vincitrice

LAMEZIA TERME «Esprimiamo rammarico e pieno disappunto per la mancata elezione unitaria del presidente della commissione di garanzia regionale del partito democratico calabrese. Ancora una volta, dopo la elezione del segretario regionale e del presidente del partito si è voluto operare un’altra forzatura che ha provocato un’ulteriore spaccatura verticale dell’organismo». È quanto sostengono in una nota Carmelo Salvino, Antonio Rubinetto, Domenico Cento e Giuseppe Corigliano, tutti rappresentanti dell`area Canale nella commissione di garanzia nel Pd calabrese.
«Infatti il presidente della commissione – proseguono i quattro – è stato eletto senza la presenza del numero legale dell’organismo e priva quindi di una maggioranza qualificata. È stato eletto un presidente di parte e non un garante. Hanno partecipato al voto ed espresso il loro consenso solo cinque componenti su dieci. Noi siamo stati costretti a non partecipare al voto perché, ancora una volta, è stato declinato il nostro invito  a rinviare la elezione per  pervenire  ad una scelta condivisa».
«Insistendo su questa linea – è la conclusione dei rappresentanti dell`area Canale – il segretario Ernesto Magorno si deve rendere conto che genera solo la delegittimazione delle funzioni di direzione politica ed una grave lesione all’immagine ed alla credibilità del partito». (0030)

Mentre si pensa alla Pasquetta in riva al mare o in montagna riscaldati da un bel sole, in Calabria continua a nevicare e a imperversare il maltempo. Tempi imbiancati a Camigliatello. In diverse zone della nostra regione temporali, temperature più rigide e nel Cosentino non smette di piovere. Anche per domani sono previste nubi sparse.
Si stanno verificando disagi alla viabilità su alcune strade statali. Sulla 107, tra San Pietro in Guarano e San Giovanni in Fiore e tra Camigliatello e Silvana Mansio, la circolazione è interrotta per alcuni mezzi bloccati perché sprovvisti di catene o pneumatici da neve. I mezzi dell`Anas sono in azione per ristabilire la circolazione.
Eppure, secondo i metereologi, c`è da stare tranquilli. Saranno una Pasqua e una Pasquetta caratterizzate da temperature miti ovunque, con il picco di 27 gradi in Sicilia. Ma ci sarà bel tempo soprattutto al Sud, mentre al Centro si prevede qualche annuvolamento e al Nord c`è il rischio di rovesci sparsi. Le previsioni sono del Centro Epson Meteo. Le temperature per le giornate di Pasqua e del Lunedì dell`Angelo, spiega il Centro, saranno in generale miti e piuttosto gradevoli. Previsti, in particolare, valori massimi compresi tra i 16 e i 20 gradi al Nord, tra i 19 e i 23 al Centro e tra i 20 e i 27 al Sud e in Sicilia. Il tempo sarà in prevalenza bello e soleggiato al Sud. (0050)

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello In Calabria temperature rigide e temporali. Tetti imbiancati a Camigliatello. Disagi sulla statale 107. I metereologi assicurano: domenica e lunedì sarà bel tempo
Giovedì, 17 Aprile 2014 20:37

Idv spinge sulle primarie per la Regione

COSENZA «Basta con le discussioni ed i rinvii più o meno tattici: il centrosinistra calabrese deve subito fissare la data delle primarie di coalizione e scegliere il candidato più idoneo alla corsa per la presidenza della Regione». È quanto affermano, in una nota congiunta, il segretario nazionale di Italia dei valori Ignazio Messina e il segretario regionale Mario Caligiuri.
«All’indomani del fallimento disastroso di Scopelliti e della destra – prosegue la nota – la Calabria deve rialzarsi dalle macerie prodotte negli ultimi quattro anni in settori fondamentali della vita pubblica regionale come la sanità, l’ambiente, i rifiuti, il lavoro e il territorio e creare nuove condizioni e opportunità di rilancio e di sviluppo. C’è bisogno di una nuova classe dirigente che sappia utilizzare ed investire al meglio le risorse europee ed abbia la voglia e la capacità di rilanciare e valorizzare settori trainanti della nostra economia come l’agricoltura, il turismo e, soprattutto, il nostro grande patrimonio storico, archeologico e monumentale, per ridare speranza e lavoro a tantissimi giovani che, in questi anni, hanno ripreso la strada dell’emigrazione e della fuga dalla Calabria».
«Per realizzare tutto questo – aggiungono Messina e Caligiuri – non possiamo più perdere altro tempo. Il compito a cui è chiamato il centrosinistra è gravoso e carico di difficoltà. Per cambiare le cose non basta sostituire il colore di una maglietta o azzeccare uno slogan più o meno accattivante, ma serve mettere in campo un vero e proprio progetto di rottura con un modo di essere e di fare politica che, finora, ha prodotto soltanto ritardi, sprechi e disastri».
«Occorre, dunque – concludono i due massimi esponenti di Idv a livello nazionale e regionale – scegliere subito il candidato alla presidenza della Regione ed elaborare un progetto che sia capace di aggregare il maggior numero di forze civiche, sociali, culturali ed imprenditoriali presenti nella società calabrese, che faccia esprimere al meglio le nostre migliori energie sulla base del merito e non delle appartenenze e che, soprattutto, sia espressione ed interprete attento e fedele delle esigenze e delle richieste che provengono dalle comunità e dai territori calabresi». (0030)

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello Il segretario nazionale Messina e quello regionale Caligiuri: «Non possiamo perdere tempo per la costruzione del programma»

COSENZA «L`ennesimo incidente mortale avvenuto sulla ss 107 Silana-Crotonese non può lasciare più indifferenti le autorità e gli enti che, in qualche modo, vi hanno competenza per la manutenzione ordinaria e straordinaria». Lo afferma il consigliere regionale Mimmo Talarico.   «Stiamo parlando – aggiunge – di un`arteria fondamentale, strategica, percorsa ogni giorno da migliaia di veicoli. Ciò nonostante continuano ad insistervi una serie di criticità che vanno immediatamente rimosse, a cominciare dalla qualità del manto stradale (quasi tutti gli incidenti mortali sono avvenuti con l`asfalto bagnato), che andrebbe adeguato alle particolari condizioni atmosferiche che generalmente riguardano quel territorio. So che sulla questione si è costituito un comitato di cittadini che, nei giorni scorsi, ha recapitato una petizione al presidente della Provincia Oliverio, il quale, a sua volta, avrebbe dichiarato di interessare prontamente l`Anas». «Nel frattempo – conclude Talarico – un`altra persona ha perso la vita. Basta. Faccio appello all`Anas, alla Provincia, al governo, affinché si predispongano interventi urgenti per rendere quella strada più sicura. Non c`è più tempo da perdere». (0050)

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello Il consigliere regionale, dopo l`ennesimo incidente mortale, chiede interventi urgenti per «rendere quella strada più sicura»

LAMEZIA TERME Scopelliti dimentica le promesse, le sue stesse parole all`indomani della sentenza di condanna, e scappa via dalla Calabria. È un giudizio caustico quello che l`ex governatore Agazio Loiero, Sandro Principe, Damiano Guagliardi e Pasquale Tripodi, riservano alla candidatura del governatore alle prossime elezioni europee. «Dopo tutte le promesse, le illusioni e gli slogan di cambiamenti epocali, propinati in abbondanza nella sua lunghissima campagna elettorale e riconfermati con una continua prosopopea dopo la vittoria, Scopelliti fugge via dalla Calabria e cerca di rifugiarsi in Europa, sempre che il suo neonato partito riesca a raggiungere il quorum e sempre che lui riesca ad essere eletto».
I quattro consiglieri regionali d`opposizione ricordano come Scopelliti, dopo la condanna nel processo Fallara, avesse «ripetutamente annunciato che si sarebbe dimesso perché non accettava di restare alla guida della regione con l’onta di un verdetto così severo (6 anni), in considerazione del fatto che, come più volte ha affermato nel corso di questi giorni, la Calabria non sarebbe stata legittimata agli occhi del Paese. Sembrava un atto d’amore verso il suo territorio e su questo tamburo hanno continuato tutti, da Quagliariello agli altri. Ora invece scappa, non facciamo  fatica a immaginare dopo grandi conflitti interni al suo partito, documentati peraltro dal tira e molla sulla candidatura delle ultime ore».
Nei prossimi giorni il centrosinistra terrà una conferenza stampa dove si annuncia un`analisi impietosa dell`operato del governatore in questa legislatura. «Entreremo nel dettaglio della filastrocca propinata da Scopelliti – spiegano Loiero, Principe, Guagliardi e Tripodi –, di tutto quello che è stato fatto in questi quattro anni di governo, di tutte le cose promesse e soprattutto delle tante cose che non sono state realizzate, cominciando dallo stato di abbandono in cui versa la sanità per arrivare all’ambiente e al ciclo dei rifiuti, passando per la perdita dei fondi europei, sino alla gestione a dir poco avventurosa del personale, settore nel quale sulla conoscenza e sul merito ha prevalso il solo profilo della fedeltà. Consapevoli che oggi la situazione della Calabria è infinitamente peggiore rispetto a come l’ha trovata il centrodestra, per offrire un quadro reale e non illusionistico della situazione calabrese». (0040)

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello Giudizio tranchant di Loiero, Principe, Guagliardi e Tripodi. Annunciata una conferenza stampa per sottolineare le mancanze del centrodestra
Pagina 1 di 3