Amendola resta in carcere, la madre è ancora gravissima

Il gip ha convalidato l'arresto dell'uomo accusato di aver accoltellato la mamma durante una lite. La 61enne è ricoverata nell'ospedale di Cosenza ed è sottoposta a continue trasfusioni

Lunedì, 20 Marzo 2017 14:36 Pubblicato in Cronaca
L'appartamento dove Elisa Amendola è stata accoltellata L'appartamento dove Elisa Amendola è stata accoltellata

COSENZA Resta in carcere Valentino Amendola, il 35enne arrestato sabato scorso dopo aver accoltellato la mamma. La donna, Elisa Amendola, di 61 anni, è ancora in gravissime condizioni ricoverata nell'ospedale di Cosenza per ferite al cranio, al volto e alla gola. Il gip, lunedì mattina, ha convalidato l'arresto e ha emesso una misura di custodia cautelare in carcere.
Il giovane, assistito dall'avvocato Nicola Annetta, si è avvalso della facoltà di non rispondere. Il fatto è avvenuto nella notte di venerdì, in via Lucania, nel quartiere di via Panebianco, nel centro della città. La vittima, nel corso di una lite con il figlio, sarebbe stata prima strattonata finendo a terra dove ha sbattuto la testa e poi accoltellata alla gola con un coltello da cucina. Subito dopo giovane - secondo una prima ricostruzione fatta dagli inquirenti - sarebbe andato ad avvisare un parente confessandogli di avere «fatto una cavolata».
Il familiare ha chiamato il 113 ed è accorso sul posto. Gli agenti della polizia, appena arrivati, hanno trovato la donna riversa per terra in una pozza di sangue con vistose ferite al cranio. Il figlio si aggirava nei pressi sconvolto. La mamma è stata portata in ospedale dove è stata sottoposta a intervento chirurgico ed è ricoverata in gravissime condizioni nel reparto di Rianimazione. Gli agenti della Scientifica hanno sequestrato l'arma del delitto e l'appartamento, contestualmente gli investigatori hanno visionato tutte le immagini dei sistemi di videosorveglianza esistenti nella zona interessata. Il giovane è stato portato in questura dove è rimasto sempre in silenzio. Non ha detto una parola ed è in stato di shock. Le indagini - coordinate dal procuratore capo Mario Spagnuolo, dall'aggiunto Marisa Manzini e seguite dal pm di turno Giuseppe Visconti - hanno permesso di raccogliere una serie di elementi a carico del figlio, come le analisi condotte sugli indumenti e sulle scarpe dove sono state rinvenute numerose tracce di sangue. Secondo una prima ricostruzione il giovane avrebbe colpito la mamma con un coltello da cucina provocandole una profonda ferita alla gola.
La donna fa la collaboratrice scolastica e ha altri figli. Il giovane, invece, è disoccupato. Già in passato le forze dell'ordine erano intervenute per alcuni litigi. Alla base delle aggressioni ci sarebbero continue richieste di soldi da parte del figlio alla mamma. Le condizioni di Elisa Amendola da sabato restano sempre gravissime e la donna è sottoposta a continue trasfusioni.

Mirella Molinaro
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.