Informazioni aggiuntive

  • Occhiello L'episodio, avvenuto in una seduta dell'agosto del 2016, emerge dalla relazione che ha portato al commissariamento per mafia del Comune. Nel dossier gli affidamenti a una ditta interdetta per 'ndrangheta e i contributi assistenziali a «persone controindicate». L'ex sindaco Papasso: «Un castello di sabbia»
Venerdì, 15 Dicembre 2017 15:33

«Riina fece fare la pace ai clan di Reggio»

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello La testimonianza del pentito Villani nel processo “‘Ndrangheta stragista”: «Prima degli attentati ai carabinieri ci fu una riunione nella Piana di Gioia Tauro con boss calabresi e siciliani. Il primo favore a Cosa nostra fu l'omicidio del giudice Scopelliti»

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello La relazione di Minniti sullo scioglimento inguaia minoranza e opposizione. E anche il sindaco: «Lui e il suo vice hanno difeso i boss mentre amministravano». Nel mirino l’affidamento di un bene confiscato a una coop. Mascaro: «Errori eclatanti»

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello La Cassazione annulla con rinvio l'ordinanza che aveva confermato la custodia cautelare per il senatore reggino. I difensori: «Nonostante i due provvedimenti in otto mesi, si trova in carcere da un anno e mezzo»

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello I carabinieri hanno arrestato il 55enne perché sorpreso mentre colloquiava in pieno centro cittadino con un altro pregiudicato

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello Dall’inchiesta su Taurianova emerge il ruolo del fratello dell’ex primo cittadino Romeo. Dalle forzature per un resort ai funerali con l’agenzia abusiva, dal Comune utilizzato come copertura alla banca “clandestina”. E il gip sottolinea «il ricorso alla violenza o alle minacce»

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello Respinto il ricorso del primo cittadino Marcello Coffrini che si era opposto alla decisione del consiglio dei ministri

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello La Corte d’appello di Reggio Calabria ribalta le sentenze precedenti e restituisce agli imprenditori di Palmi oltre 30 milioni di euro di beni (tra cui anche il noto Hotel Gianicolo di Roma). Erano stati confiscati perché considerati riconducibili ai Gallico

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello Le angherie della cosca Gallelli di Badolato a una famiglia di imprenditori agricoli. Gratteri: «La ‘ndrangheta è sempre stata interessata al latifondo. Con l’arrivo dei contributi europei l’interesse è cresciuto. Ma sono sempre di più quelli che denunciano»

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello L'ex procuratore di Reggio saluta e promette: «Non vi renderete conto che io sia andato altrove». L’indebolimento della ‘ndrangheta «è sotto gli occhi di tutti». Paci: «Un esempio di uomo delle istituzioni» - VIDEO
Pagina 1 di 65