Informazioni aggiuntive

  • Occhiello

    Ad “Hashtag” l’intervista del prete antimafia: «Mi chiesero soldi per gli amici in carcere, ma non capii che era un’estorsione. Poi un mio collaboratore li prese a bastonate». Quarant’anni in una realtà difficile come Lamezia: «Qui i clan fanno danni, ma politica e burocrazia non scherzano»

Clan "Rango-Zingari", condannati i pentiti

Martedì, 21 Marzo 2017 15:01

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello

    Dieci anni per Lamanna, nove per Bruzzese nel procedimento "Nuova Famiglia". Il Tribunale di Cosenza ha disposto anche quattro assoluzioni

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello

    I profughi hanno bloccato la statale 106. Lamentano le cattive condizioni in cui sono costretti a vivere e l'assenza di documenti

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello

    L'uomo si è scagliato con violenza contro la ragazza mentre era ferma ad una fermata dell'autobus, palpandola e procurandole contusioni ed escoriazioni per le quali è stata portata in Pronto soccorso

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello

    Il giorno della marcia per la Giornata della memoria in ricordo delle vittime innocenti delle mafie. I familiari aprono il corteo assieme a un gruppo di migranti minori. Don Ciotti: «Bene la presenza della Chiesa ma c'è ancora tanto da fare»

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello

    Il procuratore di Catanzaro: «Quella doc preferisce inabissarsi, non reagisce con i riflettori accesi. Sono entrate in azione persone che mitizzano i clan, degli ignoranti stupidi»

Registro tumori, qualcosa si muove

Lunedì, 20 Marzo 2017 18:42

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello

    I dati sull'incidenza della patologie oncologiche c'erano già per il Catanzarese. La legge regionale ha dato impulso anche per l'area Cosenza-Crotone e per Vibo. Per Reggio ci sarà da aspettare di più

Quella rivoluzione temuta dai clan

Lunedì, 20 Marzo 2017 18:05

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello

    di Paolo Pollichieni

Informazioni aggiuntive

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello

    La protesta di un padre che chiede al procuratore di Vibo di far rimpatriare le bambine dalla Slovacchia: «Sono state rapite dalla madre»