Politica

Cronaca

Società

Sport

Corriere della Calabria

ROMA Prima giornata dei campionati italiani di taekwondo a Riccione e a vincere è la linea verde. Tra i campioni delle prima delle due giornate dedicate alle cinture nere, spicca il tiolo di Antonio Flecca, catanzarese non ancora 18enne che è arrivato fino al gradino più alto del podio senza particolari difficoltà. Titolo baby anche per Simone Crescenzi, campione della categoria 63 kg, con indicazioni positive in vista del quadriennio olimpico post Rio. Completa il quadro il titolo del ventunenne Luciano Bonaccorso nella categoria 68 chilogrammi. Gli altri titoli italiani di oggi sono stati conquistati da Maddalena Tortorella (46 kg), Silvia Rossi (49 kg), Jessica Salsedo (53 kg), Margherita Zocco (57 kg) e Saverio Brutto (58 kg).

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello

    Il baby Antonio Flecca, non ancora 18enne, trionfa a Riccione

PLACANICA I carabinieri della Stazione di Placanica e i colleghi dello Squadrone eliportato Cacciatori Calabria, hanno arrestato Stefano Taverniti, 26enne del posto. Dopo una perquisizione domiciliare, il giovane è stato trovato in possesso di un mini arsenale, composto da due fucili calibro 28, risultati rubati a Monte San Savino, in provincia di Arezzo, circa 170 cartucce di vario calibro, 6 grammi di cocaina e un bilancino di precisione. La sorpresa più grossa, però, i militari l'hanno trovata in una terreno agricolo adiacente l'abitazione di Tavernieri. Lì, nascoste in un contenitore di plastica, i carabinieri hanno trovato banconote per un totale di 270mila euro. Un "tesoretto" che è stato sequestrato assieme al resto del materiale trovato nella perquisizione. Il 26enne è stato portato nel carcere di Locri.

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello

    Un giovane di 26 anni è stato arrestato dai carabinieri a Placanica dopo una perquisizione

Sabato, 12 Dicembre 2015 20:41

Il Tg web – Edizione delle 19,30

Sabato, 12 Dicembre 2015 18:43

«Fratelli 'ndranghetisti, cambiate vita»

REGGIO CALABRIA «Soprattutto a chi è legato alla 'ndrangheta voglio dire che, certo, Dio è misericordioso con tutti, anche con loro; ma Egli non copre mai il peccato: al contrario, lo scopre, lo svela, perché possa essere sconfitto». Lo ha detto l'arcivescovo di Reggio Calabria, monsignor Giuseppe Fiorini Morosini, durante l'omelia dopo l'apertura della porta Santa. «Fratelli 'ndranghetisti, sappiamo - ha aggiunto - come i vostri loschi affari, economici e criminali, tengono sotto scacco la nostra Regione e la nostra città: Dio vi offre l'occasione di mollare la presa che avete sulla nostra vita sociale, economica e politica. Sappiatene approfittare: ecco ora il momento favorevole. Non crediate, però che basti attraversare una porta (fosse pure la porta giubilare) e baciare un crocifisso perché tutto si ricomponga nella misericordia di Dio. Il Signore vi insegue e vi chiede un cambiamento di vita».

Informazioni aggiuntive

GIOIA TAURO Un uomo è morto in seguito a un incidente sull'autostrada A3, all'altezza di Gioia Tauro. Il conducente è stato colto da un malore durante la guida, ha sbandato e impattato il guardrail della corsia di sorpasso. Il traffico è stato temporaneamente bloccato in entrambe le direzioni per permettere l'atterraggio dell'elisoccorso. L'uomo è morto prima degli interventi del personale sanitario.

A3 CHIUSA Anas comunica che sull'autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria il traffico è momentaneamente bloccato in direzione nord (Salerno) al km 393,5 nel territorio comunale di Gioia Tauro. Sul posto è presente il personale dell'Anas per lo spostamento del mezzo incidentato e la pulizia del piano stradale, al fine di ripristinare in piena sicurezza per gli utenti le normali condizioni di viabilità.

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello

    Un uomo è stato colto da un malore ed è andato a sbattere. È deceduto prima dell'intervento dei sanitari. Autostrada chiusa in direzione nord all'altezza di Gioia Tauro

CATANZARO L'ex assessore e consigliere regionale, Pietro Amato, ha lasciato il Pd ed è stato nominato commissario della federazione provinciale del Psi di Catanzaro. A darne notizia è un comunicato del segretario regionale dei socialisti, Luigi Incarnato.

L'INCARICO «La nomina di Amato è stata assunta alla unanimità – riporta il comunicato – dalla segreteria regionale del Psi sulla base dei poteri assegnati dallo statuto. Amato per oltre 40 anni ha svolto le funzioni di direttore generale di importanti Comuni del Catanzarese. Per 20 anni è stato consigliere comunale socialista a Catanzaro dove ha anche ricoperto l'incarico di capogruppo del partito ed è stato anche presidente della Provincia di Catanzaro».
All'interno dell'ormai ex partito, il Pd, Amato ha svolto l'incarico di primo coordinatore provinciale durante la fase di costituzione del partito. Il neo commissario provinciale di Catanzaro ha assunto i poteri sostitutivi e rappresenterà il Psi fino alla celebrazione del congresso di federazione. Il segretario nazionale del Psi e viceministro alle Infrastrutture, Riccardo Nencini, in un messaggio, ha formulato ad Amato gli auguri di buon lavoro.

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello

    L'ex assessore regionale è stato nominato commissario della federazione provinciale di Catanzaro. 

CATANZARO «Nella legge di Stabilità è stato votato un emendamento per le Province in disequilibrio economico. Un intervento di cui potrà beneficiare anche la provincia di Crotone, in forte difficoltà». Ad annunciarlo la deputata calabrese Dorina Bianchi (Ap) prima firmataria di un emendamento che ha sollecitato il governo proprio sulla questione delle Province in disequilibro. «Un emendamento - aggiunge - che va nella direzione di sostenere gli enti provinciali, anche e soprattutto nella rinegoziazioni dei mutui contratti. Un aiuto concreto per un equilibrio finanziario degli enti, senza il quale non si potranno assicurare servizi ai cittadini».

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello

    La deputata Ap Dorina Bianchi annuncia il voto su un provvedimento alla legge di Stabilità per rinegoziare i mutui contratti dagli enti in dissesto

Sabato, 12 Dicembre 2015 16:22

Scandalo Calabria etica, altri 11 indagati

CATANZARO Nuovi indagati per lo scandalo Calabria etica. La Procura di Catanzaro, su disposizione del sostituto procuratore Graziella Viscomi, ha iscritto nel registro degli indagati 11 persone, tra membri delle commissioni esaminatrici (8) e del Collegio dei revisori dei conti della società in house della Regione Calabria. L'indagine si basa sulle presunte assunzioni clientelari avviate nel novembre 2014, in piena campagna elettorale per il rinnovo del consiglio regionale e a pochi mesi dalle amministrative di Lamezia Terme, che hanno visto come candidato a sindaco Pasqualino Ruberto, a quel tempo presidente della Fondazione. Ruberto aveva già ricevuto un avviso di garanzia per abuso d'ufficio e peculato e subito un sequestro preventivo di beni superiore ai 361mila euro. Nell'inchiesta figura tra gli indagati anche l'ex dg "reggente" del dipartimento Lavoro, Vincenzo Caserta.

GLI INDAGATI I nuovi indagati sono Antonello Catanese, Domenico Pisano, Maurizio Scerra, Gabriele Tadiana, Ulisse Mancari, Francesco Avollo, Sonia Libico, Michele Parise, Patrizia Nicolazzo, Massimiliano Vena e Maria Francesca Cosco. Otto di loro sono stati componenti delle commissioni esaminatrici che hanno selezionato i nuovi collaboratori della società in house. Dovranno rispondere del reato di abuso d'ufficio in concorso con lo stesso Ruberto. I tre revisori, invece, sono accusati di atti omissivi nel vigilare sull'attività dell'ente. 

GLI INTERROGATORI Il primo interrogatorio di Ruberto è stato fissato per il prossimo mercoledì. Gli altri indagati saranno sentiti la settimana successiva, tra il 22 e il 23 dicembre.

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello

    La Procura di Catanzaro allarga l'inchiesta sulle assunzioni clientelari ai membri delle commissioni esaminatrici e ai revisori dei conti. La settimana prossima iniziano gli interrogatori

AMANTEA La chiesa conventuale di San Bernardino di Amantea, animata dai frati minori conventuali, è stata scelta dalla Diocesi di Cosenza quale Santuario Giubilare della Misericordia per la zona marina della Diocesi. L'anno giubilare inizia lunedì 14 dicembre alle 18 con l'apertura della Porta Santa del convento. Tutti i giorni dell'anno i frati francescani saranno disponibili ad accogliere i pellegrini con il sacramento della confessione per poter dispensare la Misericordia di Gesù a tutti. L'anno sarà scandito dalla Messa ogni giorno, l'adorazione eucaristica si terrà tutti i giovedì alle 17, mentre la coroncina alla divina misericordia ogni venerdì alle 15.
Momento importante dell'anno giubilare ci sarà con la "Celebrazione francescana del Perdono di Assisi" il prossimo 1 e 2 agosto. Oltre alle attività liturgiche ogni giorno nella chiesa di San Bernardino si svolgono opere di misericordia quale l'accoglienza dei poveri con un pasto a pranzo e l'ascolto e la consolazione di quanti bussano alle porte del convento francescano.

Informazioni aggiuntive

  • Occhiello

    Il convento dei francescani è stato scelto come sede marina della Diocesi di Cosenza. L'apertura della porta santa si terrà lunedì 14 dicembre

Sabato, 12 Dicembre 2015 15:39

Renzi lancia il "sindaco" Leonardi

FIRENZE «Tanti ragazzi della Leopolda si stanno mettendo in gioco nei propri territori. E formazione della classe dirigente vuol dire innanzitutto coraggio». Così il premier Matteo Renzi durante i lavori della Leopolda, che è in corso a Firenze. «A Platì, in Calabria, in dieci anni ci sono stati due scioglimenti per mafia: sono stati assassinati amministratori, lo Stato sembra assente, lontano. Annarita Leonardi è una trentenne del Pd che alle prossime elezioni, sfidando con molto coraggio e un po' di incoscienza tanti benpensanti della sua terra, ha deciso di candidarsi».

«CONTRO LA PAURA» Dopo il presidente del Consiglio è toccato alla stessa Leonardi, 30 anni, originaria di Reggio Calabria, prendere la parola dal palco della Leopolda 6: «Andiamo avanti per battere la paura». La giovane dirigente del Pd calabrese ha ricevuto applausi quando ha ricordato la difficile situazione del comune calabrese che «da dieci anni non ha amministrazioni stabili, ha subito due scioglimenti per mafia, e ha avuto due sindaci uccisi per mano della 'ndrangheta». Leonardi ha spiegato che «la cosa meno saggia era candidarsi... e invece io l'ho fatto, sono candidata e resto al loro fianco». Ovvero, al fianco dei bambini di Platì, delle donne che «sanno tutte ricamare», dei due preti «tornati dopo 30 anni di missione in Africa», e di tutto un paese che, ha raccontato, ha un'età media sotto i 40 anni.
«Non so come andrà a finire – ha detto – non so se qualcuno si candiderà contro di me, ma il 14 novembre quando ho aperto il comitato elettorale tantissimi sono venuti a farmi gli auguri: abbracciandomi per la prima volta mi hanno chiamato sindaco, e mi hanno fatto capire che ho fatto la scelta giusta».

Informazioni aggiuntive

Pagina 1 di 2