Quali scelte per il neosindaco di Paola

di Fabio Sarpa* Giovedì, 29 Giugno 2017 09:31 Pubblicato in Contributi
Il Comune di Paola Il Comune di Paola

La tornata amministrativa appena conclusa oltre a scrivere la parola fine a una delle peggiori campagne elettorali degli ultimi tempi (complice l’astio tra i due contendenti finali) ha, finalmente, consegnato il neosindaco alla città di Paola. Quest’ultimo, infatti, dovrà lavorare sin da subito per trasformare le promesse elettorali – naturalmente quelle per il bene comune -  in realtà ovvero in servizi alla collettività. In altre parole dovrà dimostrare di possedere le giuste capacità utili ad adeguarsi al cambiamento sollecitato e richiesto sia dal legislatore, attraverso le continue novità normative introdotte, che dai cittadini e dalla loro crescente richiesta di bisogni. Molte decisioni nel primo periodo, alcune di natura politica altre di tipo amministrativo, serviranno a disegnare l’attività di indirizzo politico-amministrativo che si vorrà adottare. La stessa, tra l’altro, non potrà prescindere dalla scelta di coloro che verranno chiamati a far parte della giunta comunale: settori che saranno occupati (si spera) dalle migliori intellighenzie capaci di rispondere ai bisogni della collettività e non ai soliti interessi di partito. In altre parole professionisti che dimostreranno le normali competenze utili a coordinarsi con la burocrazia comunale, costretta spesso e volentieri a operare in condizioni di difficoltà, abbandonata a se stessa, per difetto di formazione continua e fiducia, che dovrà essere guidata dalla politica capace e preparata.
Il neoeletto sindaco oltre ad effettuare le normali verifiche di cassa ereditate dalla precedente amministrazione e a presentare le linee programmatiche in consiglio, per come previsto dal legislatore, sarà chiamato a compiere la giusta ricognizione di ciò che sono i problemi e i bisogni reali nell’immediato (siamo a stagione estiva ormai iniziata) e nel medio/lungo periodo, sia degli operatori economici che della popolazione in generale. Infatti, nei giorni a venire, si dovrà migliorare il decoro e la pulizia della città attraverso la manutenzione straordinaria del verde pubblico e della spiaggia, un piano di disinfestazione e derattizzazione, il rifacimento della segnaletica orizzontale e la risoluzione all’abbandono indiscriminato dei rifiuti; successivamente, attraverso il coordinamento degli uffici, sarà importante pianificare e programmare la risoluzione ai problemi più rilevanti. Infine, ma non per ultimo di importanza, dovrà impegnarsi nella stesura della relazione di inizio mandato, adempimento con cui delimitare ciò che è stato lasciato dalla precedente amministrazione rispetto a ciò che andrà a fare.
Solo così si costruiranno le basi da cui rinvenire una netta linea di demarcazione rispetto agli errori del passato.

*specializzando PA