Occupazione femminile, al via il bando Ue per 12 milioni

L’avviso è stato pubblicato sul portale di Calabria Europa. Prevede risorse per conciliare i tempi di vita e di lavoro delle donne. Oliverio: è una misura forte e innovativa Lunedì, 17 Luglio 2017 12:23 Pubblicato in Politica

CATANZARO «È in pre-informazione sul portale istituzionale “Calabria Europa” l'avviso “Reti territoriali per la Conciliazione tra i tempi di vita e di lavoro” con una dotazione finanziaria di circa dodici milioni di euro a valere sul Por Calabria Fesr Fse 2014-2020». È quanto si apprende da un comunicato stampa della giunta regionale. «Questa misura forte e innovativa - ha detto il presidente della Regione Mario Oliverio - è compresa nel Piano d'inclusione attiva, fortemente voluto dalla giunta, e mira a sostenere l'occupazione femminile attraverso le Reti territoriali di Conciliazione, quale robusti presidi territoriali pubblico-privati che dovranno essere in grado di incidere positivamente sulla qualità dei servizi per l'infanzia e l'adolescenza e sui percorsi occupazionali delle donne calabresi. Tale intervento è un significativo strumento di rafforzamento dei servizi per l'occupazione, al centro delle nostre politiche e che continueremo a sostenere con altri bandi della programmazione comunitaria».
«Per richiedere il contributo di finanziamento - informa la nota - possono partecipare all'avviso le Reti territoriali di Conciliazione già costituite o da costituire, composte massimo da dieci soggetti pubblici e privati, che opereranno sulla base di un Accordo territoriale di genere per la messa in rete di servizi e interventi nell'ambito territoriale di riferimento».
«I soggetti ammissibili al presente avviso - spiega il comunicato - sono: ambiti territoriali della Calabria; centri per l'impiego; associazioni di categoria, sindacati, enti bilaterali; soggetti ed organizzazioni del terzo settore, del privato sociale e del volontariato; ordini, collegi, associazioni professionali; soggetti pubblici o privati portatori di interessi diffusi e coerenti con le finalità della rete. Gli ambiti di intervento finanziabili sono: Sviluppo e promozione delle Reti territoriali di Conciliazione; erogazione di Buoni servizio per l'accesso ai servizi socio educativi per la prima infanzia (tra 0 a 3 anni) e per l'adolescenza (tra 3 e 14 anni); adozione di forme di erogazione e fruizione flessibile dei Servizi per l'infanzia e per l'adolescenza».
«Attraverso questo bando - ha detto l'assessore al Lavoro Federica Roccisano - vogliamo accrescere le prospettive occupazionali delle donne e valorizzare lo strumento delle reti e della sussidiarietà territoriale quali strumenti di programmazione del welfare calabrese. Il bando, infatti, ha il duplice obiettivo di alleggerire il carico familiare a favore delle tante donne che necessitano di un supporto in materia di conciliazione vita-lavoro, ma anche l'obiettivo di supportare le realtà sociali e non, che si occupano di infanzia e adolescenza nella nostra Regione e che avranno la possibilità di beneficiare dei Bonus servizio erogati alle donne che saranno accompagnate nei percorsi occupazionali».
«Il costo totale ammissibile del progetto presentato a valere sul presente avviso - conclude la nota - non deve essere superiore a 300 mila euro. Il contributo concedibile è pari al 100% del totale delle spese ammissibili. L'avviso pubblico è in pre-informazione sul portale “Calabria Europa”, nella pagina dedicata, per consentire ai soggetti interessati di prenderne adeguata visione prima della pubblicazione ufficiale».