Terina, lavoratori: «Oliverio ci riceva con urgenza»

I dipendenti del settore amministrativo e manutenzione chiedono una «presa di coscienza e provvedimenti immediati». Un incontro per «attuare proposte possibile prima che gli strumenti diventino obsoleti» Giovedì, 12 Ottobre 2017 18:02 Pubblicato in Politica
Fondazione Terina Fondazione Terina

CATANZARO «Abbiamo deciso di chiedere ufficialmente un incontro urgente al presidente della giunta regionale, Mario Oliverio». A scriverlo sono i lavoratori dei settori amministrativo e manutenzione dell'ente in house della Regione Calabria.
«La crisi profonda in cui versa la Fondazione Terina - scrivono -, unico ente di ricerca della Regione, impone infatti una presa di coscienza e provvedimenti immediati. Non si può più rimandare la soluzione di questo annoso problema: il governo regionale non può più limitarsi a dire di avere ereditato un ente allo sfascio. Dopo tre anni non è accettabile questa indifferenza verso i lavoratori e verso uno dei laboratori più attrezzati d’Italia in materia di sicurezza e qualità agroalimentare, guarda caso in un settore chiave per l’economia calabrese».
«In altre parti d’Italia e d’Europa le nostre strumentazioni avanzate costituirebbero il perno della innovazione e dello sviluppo dell’agroalimentare di qualità, qui in Calabria invece fanno la muffa – si legge nella nota dei lavoratori -, anche per colpa di burocrati e politici grigi che neanche li conoscono. Un elemento ulteriore di vergogna nazionale che non mancheremo di evidenziare con proteste fortissime se l’esecutivo guidato da Mario Oliverio continuerà ad ignorarci. Non è possibile che gli impegni messi nero su bianco dalla regione in tutti questi anni, dopo estenuanti lotte e scioperi estremi, debbano rimanere lettera morta».
«Oggi siamo esattamente allo stato in cui ci trovavamo anni fa. E questo perché la regione non ha sentito l’obbligo civile e morale, prima ancora che istituzionale di applicare la normativa contenuta nella legge di riordino 24 del 2013 che su Terina dispone con chiarezza, tracciando un senso ben preciso.
Nel frattempo l’ente di fatto è in default, gli arretrati stipendiali sono quattro, le sue potenzialità sono paralizzate. È uno stato di cose che offende i lavoratori, la città di Lamezia Terme e un’intera regione che non può beneficiare di un autentico gioiello dell’innovazione quali sono i nostri laboratori».
«Chiediamo, pertanto, al presidente Oliverio di riceverci con urgenza per attuare subito le uniche proposte possibili, peraltro coerenti con la legge di riforma e con il buon senso: pagamento immediato degli stipendi, trasferimento del personale ad altri enti, acquisizione dei beni immobili fruttiferi e dei laboratori della Fondazione da parte di altre strutture regionali, prima che le relative strumentazioni costate milioni di euro diventino obsolete. Non consentiremo più, d’ora in avanti – concludono i lavoratori -, che alcuni burocrati insensibili e scollati dal tessuto sociale calabrese si limitino a dire che una legge di riordino applicata per altri enti non possa invece attuarsi per la Fondazione. Il tempo del “non si può” è finito».