In Calabria si “spende” mezzo miliardo per maghi e cartomanti

La denuncia del Codacons che ha istituito un sportello per sostenere le vittimi dei raggiri. «Professionisti che approfittano dei bisogni e delle debolezze»

CATANZARO È pari a mezzo miliardo di euro in Calabria il giro d’affari annuo di maghi, cartomanti, veggenti e occultisti. È quanto stima il Codacons Calabria che ha deciso di istituire uno sportello per “tutelare le vittime dei sedicenti maghi”. «Il ragguardevole giro d’affari che gravita attorno a questo settore – afferma il vicepresidente nazionale del Codacons, Francesco Di Lieto – purtroppo non conosce crisi. Questi “professionisti della magia”, approfittando dello stato di bisogno, dell’ignoranza, delle umane debolezze, non esitano ad utilizzare ogni mezzo per reclutare nuovi clienti e così le trappole scattano attraverso la rete, le linee telefoniche, gli spot televisivi». «Nella maggior parte dei casi – secondo il Codacons – nell’opera dei “maghi” si individuano estremi di reato come abuso della credulità popolare ma anche l’illecito di ciarlataneria. Per questo motivo abbiamo deciso di rivolgerci a tutte le Procure calabresi per contrastare questi “professionisti dell’inganno”».







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto