Nautica, nasce Confapi Calabria: racchiude il 90% delle aziende

Formalizzata oggi a Cosenza la costituzione della nuova filiera. Innocenza Giannuzzi eletta presidente Mercoledì, 11 Ottobre 2017 21:04 Pubblicato in Società

COSENZA È stata formalizzata oggi, a Cosenza, la nascita della filiera Confapi Nautica dove sono confluite le aziende del Consorzio Blu Calabria 37, organizzazione che rappresenta il 90% delle imprese di settore in Calabria. Lo rende noto Confapi in un comunicato. La filiera, prosegue la nota, comprende gli armatori calabresi della nautica da diporto e tutto il sistema nautico: dai maestri d'ascia, ovvero gli artigiani del settore, ai noleggi e i rimessaggi, dall'attività produttiva del comparto ittico alle associazioni di vela, i lidi, l'attività alberghiera e portuale.
Presidente di Confapi Nautica è stata eletta Innocenza Giannuzzi, già a capo del consorzio Blu Calabria 37, mentre alla vicepresidenza Giuseppe Ranieri. Del direttivo fanno parte anche Claudio Guarascio, con delega al settore Attività portuali, Luca Ranieri, rappresentante della filiera giovani, Cosimo Depinto, Michele Fabiano, Mario Barletta, Rosario Musmeci.
«La dimensione nazionale di Confapi – afferma Innocenza Giannuzzi – ci consentirà di aderire ai tavoli di concertazione a livello romano, per diventare quel supporto che serve a far decollare la nostra regione. Hanno sempre accusato noi calabresi di essere poco inclini alla collaborazione, di guardare soltanto al nostro orticello e di non essere capaci di fare rete. Con iniziative come quella di oggi dimostriamo di essere in grado di metterci insieme, creare relazioni, sinergie che possano giovare a noi imprenditori e alla nostra meravigliosa terra».
«La filiera Confapi Nautica appena costituita – afferma il presidente di Confapi Calabria Francesco Napoli – andrà ad arricchire e rinforzare la già nutrita e variegata famiglia Confapi. Si tratta per noi di una filiera importantissima perché la nautica non è solo attività cantieristica, ma comprende tutto quello che riguarda il mare. E mare significa economia, cibo, turismo, storia. Il mare è una risorsa capitale per una regione che ha una tradizione ittica come quella calabrese. Il settore nautico rappresenta quindi una parte importante dell'economia regionale con possibilità di crescita che solo in parte si possono prevedere, potenzialità che spaziano in tanti settori e ambiti diversi». Il prossimo 23 ottobre una rappresentanza del settore sarà all'ambasciata della Corea del Sud per un incontro.