Ultimo aggiornamento alle 7:55
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Reggina, resta Breda. Per ora

Lillo Foti “commissaria” Roberto Breda. La Reggina va avanti con l`allenatore scelto a inizio stagione e indicato dal direttore sportivo Simone Giacchetta, sebbene la luna di miele sia ormai finita…

Pubblicato il: 12/12/2011 – 20:09
Reggina, resta Breda. Per ora

Lillo Foti “commissaria” Roberto Breda. La Reggina va avanti con l`allenatore scelto a inizio stagione e indicato dal direttore sportivo Simone Giacchetta, sebbene la luna di miele sia ormai finita. Resta in panchina l`ex salernitano, ma – sul piano tecnico, s`intende – è stato messo “sotto tutela”. Il faccia a faccia tra società e allenatore si è concluso con la riconferma di quest`ultimo, che però gode di una fiducia condizionata. Forse a tempo.
Per il momento si va avanti così. Senza entusiasmo, ma con l`obiettivo di ridurre al minimo l`impatto sulla squadra. Bisogna cercare di arrivare alla sosta natalizia limitando i danni; poi si vedrà.
Sulle decisioni di Foti hanno inciso, certamente, diversi fattori. In primo luogo, quello di carattere economico. Puntare su un allenatore solo per il gusto di cambiare avrebbe potuto costituire, nella visione del presidente della Reggina, un male ulteriore. Non avrebbe giovato una decisione supportata anche dalla consapevolezza di fare la cosa giusta, ma non sostenuta da atti consequenziali e coerenti. Ancora brucia sulla pelle del patron amaranto la serie di errori inanellati negli ultimi anni di serie A, quando furono cambiati diversi tecnici ma nessuno riuscì a imprimere una vera svolta sul piano del gioco e del carattere. La dirigenza del Sant`Agata avrebbe invano tentato di esercitare pressioni su Breda affinché rassegnasse le dimissioni. Ma il tecnico (giustamente, dal suo punto di vista) avrebbe risposto picche.
Nelle ultime ore si erano fatte insistenti le voci di un possibile accordo con Franco Lerda. L`ex tecnico del Torino e del Crotone a Reggio sarebbe sceso volentieri, rimettendosi in discussione e tentando di rilanciarsi dopo la fine della sua esperienza in granata. Lerda, peraltro, quest`anno ha seguito diverse partite della Reggina in trasferta. Casualità? Difficile pensare che sia così. Con ogni probabilità, è da ritenere le basi per un accordo economico non siano state trovate. Potrebbe però trattarsi di un discorso lasciato in sospeso, di una trattativa da riprendere più avanti. Resta solo da chiedersi, per il bene della squadra amaranto, se costituisca o meno un fatto positivo che quel connubio, non concretizzatosi finora, si trasformi domani in realtà.
La piazza, invece, sogna Gigi De Canio: uno degli allenatori più amati e tecnicamente più preparati che la Reggina abbia mai avuto, protagonista di una stagione indimenticabile, quella 2002/2003, che si concluse con la vittoria nello spareggio di Bergamo che sancì la permanenza dei calabresi in serie A. Un campionato che, in riva allo Stretto, in tanti sperano ancora di poter vivere da protagonisti. Ma le incognite, oggi, restano tante.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x