Ultimo aggiornamento alle 16:25
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Modena e Reggina, pari emozionante

Gol, spettacolo e tante amnesie difensive. La prima Reggina targata Gregucci, di scena a Modena, lascia molto a desiderare nella gestione della gara, ma dimostra una buona capacità di reazione: va …

Pubblicato il: 14/01/2012 – 17:52
Modena e Reggina, pari emozionante

Gol, spettacolo e tante amnesie difensive. La prima Reggina targata Gregucci, di scena a Modena, lascia molto a desiderare nella gestione della gara, ma dimostra una buona capacità di reazione: va sotto di una rete dopo pochi minuti, pareggia, si porta in vantaggio, a sua volta si fa rimontare e alla fine è costretta a inseguire, ottenendo il definitivo 3-3 in pieno recupero.
Quella del “Braglia” è una gara dalle mille emozioni. I padroni di casa passano in vantaggio al 6’ grazie a un autogol di Adejo, preferito in difesa ad Antonio Marino (che, a causa di un infortunio, gli subentra dopo un quarto d’ora). L’episodio sembra spianare la strada ai gialloblù. Ma dopo appena sette minuti i calabresi pervengono al pareggio con una forte conclusione da fuori area di Nicolas Viola.
A fare la gara sono gli emiliani, che sfiorano il raddoppio con l’ex Di Gennaro il quale, in diagonale, di sinistro, al 17’ colpisce in pieno il palo. Il Modena insiste, mantiene il possesso del pallone ma non riesce a sfondare. La Reggina si affida a qualche rara sortita offensiva, grazie soprattutto alla mobilità di Ceravolo e Campagnacci, ma non punge più di tanto. Si arriva così all’intervallo.
Nella ripresa, al 9’, i calabresi passano in vantaggio. A propiziare il secondo gol amaranto è un fallo da rigore di Perna (che viene espulso) su Bonazzoli. Dagli undici metri, Ceravolo non sbaglia e mette a segno il settimo sigillo stagionale, trafiggendo Guardalben.
Ma le emozioni non si esauriscono qui. Perché il cronometro fa appena cinque giri e il Modena pareggia con Stanco che, servito da Di Gennaro, vince un duello con Cosenza e batte il portiere Pietro Marino. Quest’ultimo, al 23’, è autore di una papera colossale in uscita, che – complice la difesa completamente immobile – favorisce il gol di Carini per il 3-2 in favore della formazione di Cuttone. E c’è ancora tempo per altri importanti appunti sul taccuino. Al 34’ Di Gennaro, su punizione, colpisce la traversa. Quattro minuti dopo i Canarini restano in nove per l’espulsione di Signori. E in pieno recupero, al 93’, D’Alessandro in mischia riesce a segnare il gol che fissa il punteggio sul 3-3, anche perché un minuto dopo viene annullata una rete al Modena per fuorigioco, a conferma del fatto che la retroguardia della squadra di Gregucci va abbondantemente rivista. La Reggina resta al sesto posto a quota 32, in zona play off. Ma ormai sente il fiato sul collo di Varese e Juve Stabia che distano solo una lunghezza.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x