Ultimo aggiornamento alle 15:58
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

Comunali a Catanzaro, l`Api e Angela Napoli: «Sì a un candidato Udc»

Corsi e ricorsi storici. Cinque anni fa fu proprio l`allora sindaco uscente Sergio Abramo a puntare su un originale “terzo polo” (composto, tra gli altri, dall`ex missino Mimmo Tallini e dall`ex co…

Pubblicato il: 16/02/2012 – 11:22
Comunali a Catanzaro, l`Api e Angela Napoli: «Sì a un candidato Udc»

Corsi e ricorsi storici. Cinque anni fa fu proprio l`allora sindaco uscente Sergio Abramo a puntare su un originale “terzo polo” (composto, tra gli altri, dall`ex missino Mimmo Tallini e dall`ex comunista Pino Soriero) e sul candidato Franco Cimino, anche lui figlio dello Scudocrociato, contro il candidato del centrodestra “ufficiale” Mario Tassone. Il parlamentare non giunse neanche al ballottaggio, mentre Cimino perse la poltrona di sindaco per i voti che Michele Traversa e Wanda Ferro fecero convergere sul “nemico” Rosario Olivo. Ora i principali attori di quella vicenda si trovano ad affrontarsi di nuovo ma a ruoli invertiti. Sergio Abramo è, infatti, il candidato in pectore del Pdl, ma trova a sbarrargli la strada l`Udc di Mario Tassone e di suo figlio Gianluca, da poco nominato segretario cittadino. Lo Scudocrociato vuole un suo candidato. E così Catanzaro potrebbe rappresentare il punto di rottura dell`asse tutto calabrese Udc-Pdl e sancire la nascita ufficiale del Terzo Polo. A dare manforte al giovane segretario catanzarese, che ieri aveva pubblicamente avanzato la rivendicazione di un proprio candidato a sindaco, sono scesi in campo la coordinatrice regionale di Fli, Angela Napoli, e il portavoce dell`Api provinciale Francesco Mauro.?La Napoli, in una nota stampa, precisa che «solo il coordinatore regionale e i coordinatori provinciali Fli Calabria, sentiti i relativi esecutivi, sono autorizzati a partecipare alle trattative con i partiti del terzo polo e con altre forze politiche o associazioni». Un passaggio che lascia intuire fughe in avanti di qualche dirigente di Fli su terreni non di sua competenza. La Napoli traccia la linea: mai con Scopelliti. E se qualcuno di Fli si siede a qualche tavolo dicendo altro è avvisato.?Comunque, aggiunge, «prendo atto favorevolmente dei passi in avanti che anche nella nostra regione il Fli sta facendo nel favorire la costituzione, assieme a Udc, Mpa e Api della nuova aggregazione politica necessaria a rappresentare il punto di riferimento per tutti quei cittadini che hanno perso fiducia nelle istituzioni e che vengono attratti dall`antipolitica. Futuro e libertà –  continua Angela Napoli – si augura che, a partire dalla città di Catanzaro, capoluogo di regione, si possa affermare quanto ricercato al tavolo delle trattative regionale e provinciale del terzo polo, rispetto all`individuazione di un candidato a sindaco dell`Udc sul quale far convergere, eventualmente, anche altre forze politiche moderate».?«Chi milita in Futuro e libertà – spiega – non ha certamente alcuno spirito carrieristico, ma mira solo a riportare entusiasmo, passione e amore in coloro che, candidati per gestire la cosa pubblica, hanno il dovere di far riavvicinare i cittadini alle istituzioni, aiutando la nostra meravigliosa terra a riappropriarsi delle sane risorse umane e territoriali utili a far sentire tutti parte integrante di una comunità che vuole crescere.?«A livello nazionale Futuro e libertà sta sostenendo il governo Monti, condividendo la necessità di cambiare stagione politica nell`interesse dell`Italia e lo sta facendo assieme a Udc, Mpa e Api; ed è proprio lo stesso spirito nazionale che ci porta a sperare che in Calabria si possa dare avvio al nuovo cantiere politico, che tenga conto – conclude la parlamentare calabrese – anche delle molte disponibilità presenti nel mondo cattolico, nel sindacato e nella società civile».
Sulla stessa linea anche l`Api catanzarese che, attraverso il portavoce Mauro, esprime «apprezzamento al segretario cittadino dell’Udc Gianluca Tassone per l’impegno che sta mettendo in campo insieme alle altre forze del “terzo polo” per costruire il “polo dei moderati”». L`Api è pronta a sostenere un nome dello Scudocrociato, «una candidatura autorevole che sappia intercettare il consenso dei moderati, della società civile e di quelle forze politiche che, per ovvie ragioni si trovano ancora collocate “provvisoriamente” negli ormai superati schieramenti di centro destra e di centro sinistra e pronte ad abbracciare un progetto politico serio e alternativo. Una candidatura – prosegue Mauro – che sappia stimolare la politica locale a riprendersi il ruolo che gli è proprio; cioè il ruolo di interpretare e fare propri i bisogni reali dei cittadini catanzaresi. Catanzaro ha bisogno di un messaggio di serietà e di serenità per il futuro; non vi è spazio per veti pregiudiziali contro nessuno, ma bisogna lanciare un progetto inclusivo di ampio respiro che unisca cattolici democratici, liberali e riformisti nel “polo dei moderati” per costruire il prossimo futuro dei catanzaresi. Urge – conclude il portavoce dell`Api provinciale – che la politica mette al centro delle proprie scelte la dignità della persona umana e sappia dare ai catanzaresi risposte concrete in tema di lavoro, di crescita economica e di sviluppo sociale».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x