Ultimo aggiornamento alle 0:05
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

"Alta tensione", sequestrati beni per un valore di due milioni di euro a Natale Iannì

REGGIO CALABRIA Beni per circa due milioni di euro sono stati sequestrati da agenti della Divisione anticrimine della Questura di Reggio Calabria, che hanno eseguito un decreto di sequestro emesso …

Pubblicato il: 24/02/2012 – 12:36
"Alta tensione", sequestrati beni per un valore di due milioni di euro a Natale Iannì

REGGIO CALABRIA Beni per circa due milioni di euro sono stati sequestrati da agenti della Divisione anticrimine della Questura di Reggio Calabria, che hanno eseguito un decreto di sequestro emesso dal Tribunale di Reggio Calabria, Sezione misure di prevenzione. Destinatario del provvedimento è Natale Iannì, 45 anni. Iannì è stato tratto in arresto in esecuzione di un`ordinanza di custodia cautelare in carcere nell`ambito dell`operazione denominata “Alta tensione” dell`ottobre 2010 a carico di 34 persone accusate di associazione per delinquere di tipo mafioso per aver fatto parte della cosca di `ndrangheta “Borghetto-Caridi-Zindato”, operante principalmente nei quartieri meridionali di Reggio Calabria. L`indagine, condotta dalla squadra mobile e coordinata dal procuratore distrettuale antimafia di Reggio, Giuseppe Pignatone, si era occupata delle vicende criminali dei quartieri “Modena”, San Giorgio e Ciccarello, un`area cittadina, dove il sodalizio criminale aderente al cartello dei Libri di Cannavò era in grado di esercitare una costante azione coercitiva nei confronti di imprenditori e commercianti, vittime di estorsioni, danneggiamenti e imposizione di ditte riconducibili al sodalizio mafioso negli appalti edili pubblici e privati. Le successive indagini patrimoniali, condotte dall`ufficio Misure di prevenzione della Divisione polizia anticrimine, avrebbero dimostrato che Iannì, in virtù della sua appartenenza al sodalizio mafioso, era riuscito ad accumulare un consistente patrimonio immobiliare e commerciale certamente sproporzionato rispetto ai redditi dichiarati. Tra i beni sequestrati, due aziende con sede legale a Reggio Calabria; due unità immobiliari in località Santo Stefano d` Apromonte-Gambarie; quattro unità immobiliari adibite ad autorimesse e negozi site a Reggio Calabria; un`unità immobiliare sempre a Reggio Calabria; quattro autovetture; conti correnti e varie polizze assicurative.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x