Ultimo aggiornamento alle 15:02
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Idv preme per l`istituzione di una Procura nazionale per gli infortuni sul lavoro

REGGIO CALABRIA In Calabria le morti bianche sono un fenomeno in continua crescita: alle 10 vittime del lavoro registrate nel 2010, si aggiungono le 18 del 2011, per un incremento pari al 95%. Sono…

Pubblicato il: 18/04/2012 – 13:34
Idv preme per l`istituzione di una Procura nazionale per gli infortuni sul lavoro

REGGIO CALABRIA In Calabria le morti bianche sono un fenomeno in continua crescita: alle 10 vittime del lavoro registrate nel 2010, si aggiungono le 18 del 2011, per un incremento pari al 95%. Sono solo alcuni dei dati esposti questa mattina durante l’incontro “Con le famiglie delle vittime del lavoro”, ospitato nella sede del consiglio regionale. A illustrare le condizioni in cui si trovano i lavoratori calabresi sono stati la senatrice Patrizia Bugnano, membro della commissione parlamentare sul fenomeno degli infortuni sul lavoro, il consigliere regionale Giuseppe Giordano e il presidente Anmil Francesco Costantino. Il quadro complessivo parla di una situazione preoccupante, a causa della carenza dei controlli e del mancato rispetto delle regole relative alla sicurezza. «La prevenzione – ha esordito Giordano – deve prevalere su ogni altro aspetto».
L’esponente Idv ha subito dopo ricordato quanto fatto negli ultimi anni, ponendo l’accento soprattutto sulla battaglia condotta dal movimento dipietrista a favore dei contributi di solidarietà per le famiglie delle vittime: «Uno strumento importante che mancava. Uno dei tanti atti che le istituzioni devono mettere in campo per iniziare un percorso scrupoloso di sostegno a queste persone». Giordano ha anche sottolineato l’importanza della nuova legge regionale che nell’aggiudicazione degli appalti pubblici favorisce le aziende che presentano i giusti requisiti di sicurezza per i propri lavoratori. Qualcosa si muove, dunque, anche se si deve fare ancora molto per contrastare efficacemente il fenomeno delle morti bianche. Per questo la senatrice Bugnano rilancia la proposta avanzata tempo fa dai procuratori di Torino Gian Carlo Caselli e Raffaele Guariniello, che prevede la costituzione di una procura nazionale per gli infortuni sul lavoro. «L’Idv – ha detto la parlamentare – sta predisponendo un disegno di legge al fine di creare questo organismo sovranazionale che accerti le responsabilità in tempi certi». Oltre a questo, l’Idv ha avanzato una proposta legislativa a favore delle vittime dell’amianto. Anche se, stando alle parole della senatrice, sembra proprio che il governo Monti non voglia approntare nessuna nuova misura per ridurre il numero delle vittime sul lavoro. «Questo esecutivo – è la sua considerazione – è disinteressato a questi temi, anche se avrebbe la possibilità di varare proposte migliorative». Il tutto in un contesto nazionale dove – secondo gli accertamenti della commissione parlamentare – emergono criticità diffuse in tutte le Regioni, dove spesso non funzionano i comitati di coordinamento, non è chiaro a chi spetti il dovere del controllo e nelle quali risulta quasi smantellato il sistema sanzionatorio per le imprese irregolari. «In particolare – ha continuato la senatrice – in Calabria il numero di cantieri ispezionati si riduce sempre più, determinando un trend negativo». «Dall’inizio dell’anno sono già 103 i morti in Italia, cioè uno al giorno – ricorda il presidente Anmil Costantino -. A questa cifra va aggiunta quella dei familiari, anch’essi vittime che devono essere supportate. La sicurezza, oltre che un obbligo, comporta anche meno carico fiscale per tutti i cittadini».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb

x

x