Ultimo aggiornamento alle 21:57
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Scopelliti: depurazione, spetta ai Comuni fare la loro parte

CATANZARO «Siamo partiti da un presupposto: la Calabria si trovava in procedura d`infrazione comunitaria. E su questa base abbiamo programmato gli interventi». Così il governatore Peppe Scopelliti …

Pubblicato il: 04/05/2012 – 16:22
Scopelliti: depurazione, spetta ai Comuni fare la loro parte

CATANZARO «Siamo partiti da un presupposto: la Calabria si trovava in procedura d`infrazione comunitaria. E su questa base abbiamo programmato gli interventi». Così il governatore Peppe Scopelliti – nel corso della conferenza stampa di oggi – ha chiarito lo scopo principale del piano sulla depurazione e delle bonifiche finanziato lo scorso 30 aprile dal Cipe. Un piano da oltre 260,5 milioni che punterà dunque a sanare il pregresso per non incorrere nel rischio di dover pagare le sanzioni previste in caso di condanna della corte di giustizia europea. In particolare 217,6 milioni – circa 160 milioni messi a disposizione dal Cipe e oltre 57 da fondi privati – sono stati programmati per il sistema della depurazione e oltre 42,9 milioni in tema di bonifiche di discariche abusive per le quali appunto l`Europa aveva aperto una procedura di infrazione fin dal 2003.
Grazie a questi fondi si potrà intervenire per il superamento di questa procedura in materia di depurazione in 14 aree cosiddette “omogenee” e nella bonifica di 40 aree contaminate dai residui di rifiuti pericolosi. E sempre in tema di depurazione il piano prevede anche la realizzazione di ulteriori due interventi definiti dal presidente Scopelliti «necessari per prevenire nuovi contenziosi con l`Europa». Interventi che interesseranno uno la città di Catanzaro e l`altro la fascia costiera vibonese.
Tutte azioni, è stato ribadito, che «dovranno essere messe in campo con la partecipazione attiva dei Comuni interessati agli interventi». «Le risorse ora ci sono – ha tenuto a precisare Scopelliti – ma devono essere i Comuni a mettersi al lavoro per realizzarli. Noi abbiamo già avviato la concertazione con queste amministrazioni e vigileremo affinché le opere siano messe in appalto al più presto». A questo proposito il presidente ha affermato che «c`è stato un impegno formale per mettere a bando gli interventi entro il 31 dicembre».
Interventi che dunque non serviranno a tamponare la situazione prima dell`arrivo della prossima estate. Su questo aspetto il governatore ha annunciato che «metteremo in moto, come lo scorso anno, un monitoraggio con le capitanerie di porto mentre le procure sono già al lavoro per individuare responsabilità penale».
E poi c`è la partita aperta con i Comuni per quanto attiene l`utilizzo dei 38 milioni messi a disposizione già dall`agosto scorso dalla Regione con fondi Por. «Nei prossimi giorni – ha detto Scopelliti – valuteremo la situazione visto che fino a febbraio solo 2 comuni su 42 avevano risposto al nostro appello di programmare interventi». Il governatore ha anche bacchettato sulla passata gestione della depurazione. «Dal 2000 al 2010 – ha sostenuto – sono stati spesi 461 milioni nel settore di cui 310 tra il 2005 e il 2010. Risorse che sono state utilizzate senza comprendere la strategia visto che la procedura d`infrazione rilevata dall`Europa era in atto già dal 2003». Una linea condivisa dall`assessore all`Ambiente, Francesco Pugliano che ha rimarcato come «quei 310 milioni spesi dalla Regione nel passato non hanno tenuto conto della diffida e della procedura d`infrazione poi avviata dalla comunità europea». Viceversa Pugliano ha sottolineato come «grazie alle risorse liberate dal Cipe si potrà intervenire per prevenire, oltre ai danni ambientali, anche i danni economici dovuti alle sanzioni che rischiavano di essere comminate dall`Europa».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x