Ultimo aggiornamento alle 22:35
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Cinisi, anche Gianni Speranza percorre i cento passi in memoria di Impastato

A 34 anni dall’omicidio di uno dei uomini-simbolo della lotta alla mafia, anche il sindaco di Lamezia Terme, Gianni Speranza, ha partecipato a Cinisi all’iniziativa intitolata “I 100 passi in ricor…

Pubblicato il: 09/05/2012 – 15:35
Cinisi, anche Gianni Speranza percorre i cento passi in memoria di Impastato

A 34 anni dall’omicidio di uno dei uomini-simbolo della lotta alla mafia, anche il sindaco di Lamezia Terme, Gianni Speranza, ha partecipato a Cinisi all’iniziativa intitolata “I 100 passi in ricordo di Peppino Impastato”. Cento passi, come la misura dello spazio che separava la casa dell’attivista politico e conduttore radiofonico (ora sede dell’associazione dedicata a lui e alla madre) dall’abitazione del boss Gaetano Badalamenti, che ne ordinò l’omicidio. Una distanza che è stata percorsa, nell`anniversario della morte di Impastato, dai tanti sindaci, tra cui Speranza, e rappresentanti delle istituzioni che hanno aderito all’iniziativa promossa da Avviso pubblico e dall’associazione “Casa memoria Felicia e Peppino Impastato”.
«Percorrere i “cento passi” – ha dichiarato il primo cittadino di Lamezia Terme –, ricordando Peppino Impastato, è stata un`esperienza toccante e commovente. A distanza di tanti anni rievocare l`impegno e gridare la verità su quanto accadde è fondamentale per i nostri giovani e per il nostro futuro. Alle vittime della mafia intitoleremo luoghi pubblici e tante iniziative, prima tra tutte la nuova edizione di “Trame”, dal 20 al 24 giugno».
La manifestazione in ricordo portavoce di “Radio Aut” è stata caratterizzata da una serie di momenti di alto significato simbolico. In contrada Feudo, presso il casolare dove è stato assassinato Impastato, si è tenuto il raduno dei sindaci, con il successivo presidio. Poi, c`è stata l`apposizione della prima pietra della memoria del percorso “I cento pensieri di Peppino” alla presenza di rappresentanti del comune di Cinisi e di Graziano Delrio, presidente nazionale dell’Anci. Quest’ultimo progetto è stato promosso dall’associazione “Casa memoria Felicia e Peppino Impastato”, dal Museo della ’ndrangheta e dalla Fondazione con il Sud. Nel corso dell`iniziativa è stato presentato anche il rapporto di Avviso pubblico intitolato “Amministratori sotto tiro. Intimidazioni mafiose e buona politica”.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x