Ultimo aggiornamento alle 18:37
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Ritardi negli stipendi, protestano i lavoratori dell`Arssa

I lavoratori dell`Arssa sono scesi in piazza stamattina a Cosenza, occupando anche la strada antistante la sede di viale Trieste dell`Agenzia. A riferirlo è un comunicato di Cgil, Cisl, Uil e Ugl d…

Pubblicato il: 07/08/2012 – 13:09
Ritardi negli stipendi, protestano i lavoratori dell`Arssa

I lavoratori dell`Arssa sono scesi in piazza stamattina a Cosenza, occupando anche la strada antistante la sede di viale Trieste dell`Agenzia.
A riferirlo è un comunicato di Cgil, Cisl, Uil e Ugl di Cosenza. Al centro della protesta il mancato pagamento dello stipendio di luglio e della quattordicesima. I lavoratori sono stati ricevuti dal commissario dell`Arssa, Maurizio Nicolai.
«Durante l`incontro – è detto nella nota dei sindacati – è stato ribadito come l`Agenzia non sia in deficit e, di conseguenza, i fondi per pagare i dipendenti ci sono. Mancano, però, i trasferimenti da parte dell`assessorato regionale al  bilancio».
«C`é molto malumore tra i lavoratori – sostengono Cgil, Cisl, Uil e Ugl – non solo perché non hanno ricevuto l`ultima mensilità, ma soprattutto perché non c`é certezza sui tempi di erogazione di quanto dovuto. Chiediamo quindi alla Regione che il problema venga risolto al più presto e che per il futuro il pagamento degli stipendi venga programmato per tempo e avvenga con puntualità. È giusto pensare di riformare l`ente, ma bisogna partire dalle cose basilari, come appunto l`erogazione degli stipendi».
A preoccupare i dipendenti dell`Arssa, infatti, accanto alla questione arretrati, il destino più complessivo dell`agenzia, oggetto di una riforma dai contorni ancora non ben definiti.
«I sindacati – è scritto ancora nel comunicato – sono pronti a dare il loro contributo di idee che ruotano attorno a dei principi che riteniamo imprescindibili. La riforma di Arssa e Afor deve essere fatta in maniera organica e complessiva. Bisogna poi tutelare il lavoro e la qualità dei servizi ed è necessario allontanare qualsiasi ipotesi di privatizzazione degli enti strumentali della Regione».
Proprio sulla riforma dell`Arssa e, in particolare, sul futuro dei lavoratori dell`ex Esac impresa e degli impianti di risalita di Camigliatello e Lorica, Cgil, Cisl, Uil e Ugl di Cosenza hanno organizzato una conferenza stampa per venerdì 10 agosto a Camigliatello Silano.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb