Ultimo aggiornamento alle 14:07
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

La denuncia del Pdci: «Gli scavi di piazza Italia sono visitabili a giorni alterni»

REGGIO CALABRIA «Perché gli scavi di piazza Italia, a Reggio Calabria, sono aperti solo a giorni alterni?». È la domanda-denuncia che il Partito dei Comunisti italiani rivolge al sindaco Demetrio A…

Pubblicato il: 13/08/2012 – 16:27
La denuncia del Pdci: «Gli scavi di piazza Italia sono visitabili a giorni alterni»

REGGIO CALABRIA «Perché gli scavi di piazza Italia, a Reggio Calabria, sono aperti solo a giorni alterni?». È la domanda-denuncia che il Partito dei Comunisti italiani rivolge al sindaco Demetrio Arena. «Su precisa e dettagliata segnalazione di alcuni cittadini – prosegue il segretario cittadino Ivan Tripodi –abbiamo dovuto registrare, con nostra enorme sorpresa, che gli scavi di Piazza Italia, inaugurati in pompa magna qualche mese fa, sono fruibili dai visitatori a giorni alterni. Come se si trattasse dei giorni di visita del medico di famiglia, gli scavi di Piazza Italia sono aperti al pubblico, fra l’altro per poche ore, nei giorni di martedì, giovedì, sabato e domenica. Pertanto, se un “turista” o un cittadino volesse visitare gli scavi nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì troverà l’ingresso tragicamente sbarrato. Evidentemente  il modello-Reggio, marca Scopelliti prevede la città turistica part-time: un obbrobrio che fa inorridire».
L`esponente del Pdci prova a fare  un po` di ironia: «Sembra una barzelletta da spiaggia, ma, purtroppo, è la stucchevole realtà che chiunque può tranquillamente constatare. È proprio vero: a Reggio Calabria la realtà supera ampiamente anche la più bizzarra e sfrenata fantasia. La vocazione turistica a giorni alterni è l’ultima perla, una sorta di capolavoro amministrativo, inventata dal sindaco Arena e dalla sua disastrosa amministrazione che fa di tutto per continuare la fallimentare gestione Scopelliti». Le conclusioni di Tripodi sono ancora di più al vetriolo: «Auspichiamo che il prefetto Piscitelli e il ministro dell’Interno Cancellieri, attraverso l’ormai inevitabile scioglimento del consiglio comunale, pongano, al più presto, fine a questo scempio amministrativo che, nel suo fallimento, non conosce soste e confini».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb