Ultimo aggiornamento alle 12:30
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

PALAZZO INFETTO | Laratta: «Finisce una devastante stagione politica»

REGGIO CALABRIA Lo scioglimento del consiglio comunale di Reggio Calabria, pone la parola fine ad una lunga e devastante stagione politico-amministrativa. Leggiamo le urla scomposte di leader nazio…

Pubblicato il: 12/10/2012 – 14:23
PALAZZO INFETTO | Laratta: «Finisce una devastante stagione politica»

REGGIO CALABRIA Lo scioglimento del consiglio comunale di Reggio Calabria, pone la parola fine ad una lunga e devastante stagione politico-amministrativa. Leggiamo le urla scomposte di leader nazionali del Pdl e degli esponenti regionali dello stesso partito contro lo scioglimento del comune di Reggio». È quanto afferma in una nota il parlamentare calabrese del Pd, Franco Laratta. Che subito dopo aggiunge: «Abbiamo ascoltato stamane nell`Aula della Camera l`intervento violento e inaccettabile del reggino Francesco Nucara che accusa duramente il ministro per lo scioglimento del comune di Reggio, arrivando a chiedere “lo scioglimento della Questura e del tribunale di Reggio Calabria”. Parole che si commentano da sole. È evidente che Nucara e il Pdl non hanno ancora letto le oltre 200 pagine della Relazione degli Ispettori ministeriali, pagine che qualcuno ha definito “devastanti”. La contiguità e l`infiltrazione mafiosa, sono provate con tanto di fatti, eventi, nomi e cognomi. Relazione `tecnica` e non politica.  Come tecnico è il consiglio dei ministri che all`unanimità  ha deciso per lo scioglimento del consiglio comunale. Come politico era il ministro del precedente governo, “costretto” da fatti e denunce parlamentari e degli organi dello Stato sul territorio, a inviare gli ispettori ministeriali al comune di Reggio Calabria».  
Secondo Laratta «i vertici del Pdl, scandalizzati per lo scioglimento del consiglio comunale di Reggio, forse non sanno che Negli uffici della “M.G.I.M srl” di Milano,  è nata anche la “Multiservizi” – la società  mista al 51% del comune di Reggio Calabria e, al 49%, della cosca De Stefano-Tegano – di cui parla la relazione di accesso del prefetto Piscitelli, alla base dello scioglimento del consiglio comunale di Reggio Calabria per la contiguità  con la `ndrangheta. Ma chi chiede di tacere, davanti all`evidenza drammatica dell` “occupazione mafiosa” del comune di Reggio, sa benissimo che questo significa abbondare la città  e la Calabria nelle mani delle cosche, senza nemmeno provare a combatterle! Mentre a Reggio, come in tutta la Calabria, sono tantissimi coloro che hanno voglia di isolare e scacciare le cosche e la loro sfacciata arroganza.  In quarantamila, qualche tempo fa, sfilarono per le strade di Reggio contro l`arroganza criminale che aggrediva i magistrati e le istituzioni democratiche. Assistiamo increduli al tentativo di scaricare ogni colpa e tutte le responsabilità  dello scioglimento, sul sindaco e sull`amministrazione uscente. Noi dobbiamo attenerci ai fatti reali per capire come sono andate le cose».
In ogni caso, per l`esponente democrat «è necessario voltare rapidamente pagina in Calabria. Non possiamo far vivere alla nostra terra, una lunga agonia, dalla quale ne uscirebbe del tutto distrutta. Questo non lo possiamo permettere».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x