Ultimo aggiornamento alle 12:30
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

PALAZZO INFETTO | E Scopelliti fa finta che la Relazione non esista

CATANZARO Neppure nel giorno della presentazione della Borsa del turismo religioso, il governatore Scopelliti è riuscito a trattenere la sua manifestazione di disappunto per lo scioglimento del con…

Pubblicato il: 24/10/2012 – 10:40
PALAZZO INFETTO | E Scopelliti fa finta che la Relazione non esista

CATANZARO Neppure nel giorno della presentazione della Borsa del turismo religioso, il governatore Scopelliti è riuscito a trattenere la sua manifestazione di disappunto per lo scioglimento del consiglio comunale di Reggio Calabria. Questa volta ha esternato intervenendo a Uno Mattina. E “bocciando” ancora la decisione del ministro dell`Interno, Annamaria Cancellieri: «Non è una vittoria per il Paese e per la democrazia, e lo dico con grande rammarico e con grande tristezza». Questo nonostante, ieri, lo stesso ministro abbia chiarito che il governo moltiplicherà gli sforzi per evitare (anche se non sarà facile) al Comune il dissesto finanziario, una misura che potrebbe porre fine (se fossero accertate responsabilità dirette di Scopelliti negli anni in cui era sindaco) alla sua carriera politica.
Nonostante i tentativi del ministro, dunque, il presidente della Regione – in studio assieme a monsignor Mario Lusek, direttore della Cei per la Pastorale del Turismo per presentare “Aurea”, la Borsa del Turismo religioso che si svolgerà a Paola (Cosenza) da domani al 27 di ottobre – ha aggiunto che «il percorso non sarà facile, né agevole perché quando c`è un deficit di democrazia e quando vengono meno gli organi di governo è più difficile il percorso di rilancio e di ripresa di una comunità». Parole pronunciate come se la Relazione che ha portato allo scioglimento non esistesse. Né per quello che riguarda le contiguità negli uffici, né per i rapporti pericolosi tra clan e politica: «Reggio – ha sostenuto ancora Scopelliti – meritava ben altro e soprattutto la politica, quella non contigua e né quella che si fa infiltrare, rappresenta il più grande antidoto e su questo bisognava puntare per recuperare sempre di più un percorso di legalità e la capacità di una città che era in grande crescita negli ultimi dieci anni. Una città che aveva ottenuto lo status di città metropolitana riconosciuta dal Parlamento. Tutto questo andava certamente considerato in maniera diversa». Le 230 pagine poste alla base dello scioglimento raccontano un`altra verità. Per ergersi a difensori della “democrazia” basta far finta che non siano mai state scritte.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x