Ultimo aggiornamento alle 22:12
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Roma, in manette i killer di Marfurt. Due sono calabresi

ROMA È stato ingannato e ucciso, con un`esecuzione a sangue freddo, da un suo vecchio amico di scuola cresciuto con lui nella stessa borgata. È un romano di 47 anni il killer di Paolo Marfurt, ucci…

Pubblicato il: 18/01/2013 – 15:13
Roma, in manette i killer di Marfurt. Due sono calabresi

ROMA È stato ingannato e ucciso, con un`esecuzione a sangue freddo, da un suo vecchio amico di scuola cresciuto con lui nella stessa borgata. È un romano di 47 anni il killer di Paolo Marfurt, ucciso la sera del 3 ottobre 2012 a Vermicino, alla periferia sud di Roma. L`uomo è finito in manette assieme ad altre due persone, di 43 e 38 anni, tutti arrestati dai carabinieri del Nucleo investigativo di Frascati con l`ausilio di quelli del Comando provinciale di Crotone. La vittima faceva affari con un`agenzia assicurativa di pratiche auto a Torre Angela, il quartiere della capitale dove viveva. E proprio i suoi amici e soci avrebbero progettato il suo omicidio, a causa del suo carattere litigioso e in particolare per la sua insistente voglia di arricchirsi sempre di più con quel giro d`affari, sul quale gli investigatori stanno tentando di fare luce. I contrasti principali erano sorti con il 38enne, un calabrese con precedenti per droga, il quale era in stretti rapporti con l`altro amico, il titolare dell`agenzia di 43 anni, romano ma anche lui di origini calabresi. Il sospetto è che attraverso quell`ufficio siano stati ricettate auto e riciclato denaro sporco. Proprio il titolare dell`agenzia di pratiche auto avrebbe organizzato il tranello e procurato un appuntamento a Marfurt con l`altro amico di vecchia data, il 47enne che ha poi ucciso la vittima. Si sono diretti insieme in un ristorante dove spesso cenavano, hanno attraversato una stradina oscura tra i vigneti, probabilmente con la scusa di discutere di un affare e qui Marfurt è stato ucciso con un colpo alla testa e quattro al torace. Le indagini proseguono e al momento non è escluso che tra gli arrestati, qualcuno avesse rapporti con la `ndrangheta.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x