Ultimo aggiornamento alle 11:28
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

Reggio, De Raho all`assemblea di Confindustria: «Coscienza economica e civica devono convivere»

REGGIO CALABRIA Nel corso dell`assemblea annuale, l’associazione degli industriali reggini ha tracciato il bilancio degli ultimi dodici mesi di attività in cui, scrive il direttivo in una nota, è s…

Pubblicato il: 08/07/2013 – 20:43
Reggio, De Raho all`assemblea di Confindustria: «Coscienza economica e civica devono convivere»

REGGIO CALABRIA Nel corso dell`assemblea annuale, l’associazione degli industriali reggini ha tracciato il bilancio degli ultimi dodici mesi di attività in cui, scrive il direttivo in una nota, è stato avviato «un nuovo percorso etico per il rilancio economico». Si parla dunque di un «deciso cambio di direzione» che il presidente, Andrea Cuzzocrea, ha rimarcato più volte. Al tavolo dei relatori il senatore Nico D’Ascola, componente della commissione Giustizia di Palazzo Madama, e il procuratore della Repubblica di Reggio Calabria, Federico Cafiero De Raho, intervenuto in merito all’azione repressiva della magistratura contro le infiltrazioni delle cosche nel tessuto produttivo locale.
Parlando della scommessa lanciata sul fronte della legalità, Cuzzocrea ha rilevato: «Nei nostri riguardi è sorta una certa diffidenza, e in alcuni casi vera e propria insofferenza, di un pezzo del mondo politico». Concentrandosi sulle vicende reggine, poi, il presidente degli industriali ha avuto modo di lodare l`impegno della Commissione straordinaria che guida il Comune. «A Reggio Calabria – ha detto Cuzzocrea – sono arrivati uomini di grande qualità morali e professionali. In novembre è stata approvata la nuova procedura di pre-dissesto finanziario, che grazie al senatore De Sena, ha consentito di accedere ai primi fondi per superare le emergenze; di grande importanza infine, il decreto 35 del marzo scorso, cosiddetto “Sblocca pagamenti”, grazie al quale il Comune ha beneficiato di un’erogazione straordinaria di 187 milioni di euro, la metà dei quali è stata già accreditata presso il conto di Tesoreria. È di ieri – ha aggiunto – la pubblicazione dei dati sui pagamenti del Comune; ed è grande la soddisfazione con la quale abbiamo verificato, leggendo le oltre 300 pagine di cifre e di date, che il Comune farà fronte entro il prossimo mese alla totalità dei debiti maturati al 31.12.2012 dai piccoli-medi fornitori, assicurando alle imprese locali l’ossigeno indispensabile alla sopravvivenza». Inutile negare, però, che la situazione è ancora critica: «Pesano le incognite sugli ingenti crediti vantati nei confronti del Comune, sulle oscure vicende delle società miste, sulla soffocante pressione fiscale, sul dramma del terzo settore e sull’enorme difficoltà nel garantire servizi pubblici essenziali». Apprezzamenti anche sul versante giustizia «nei confronti del lavoro che Procure e Tribunali stanno conducendo».
Un intervento a tutto campo quello del presidente degli industriali reggini che, inevitabilmente, non poteva eludere i temi legati alla città, all’area dello Stretto, a Gioia Tauro, al settore turistico e ai trasporti. «Sulle grandi incompiute come il Centro integrato di Mortara o il Palazzo di Giustizia, esigiamo estrema chiarezza. Non esiteremo – ha affermato Cuzzocrea – a tutelare in sede civile gli interessi e i diritti delle aziende di questa provincia. Ci sono stati imprenditori che hanno scritto pagine importanti della storia di questa città, come il compianto presidente della nostra associazione, il commendatore Lillo Mauro, che non si sono mai voltati dall’altra parte davanti all’incalzare dei problemi collettivi».
Un altro tema caldo affrontato nell`assmblea degli industriali reggini è quello della presenza dello Stato nel mondo economico in generale e nella gestione delle imprese in particolare. «Se prendiamo in esame l’articolo 41 della nostra Costituzione – ha spiegato D’Ascola – verifichiamo dati alla mano che le imprese trovano nello Stato non solo un alleato ma a volte anche un limite. Spostandoci dai cavilli giurisprudenziali è evidente la sfiducia da parte del mondo economico nei confronti della politica e delle istituzioni. La crisi che abbiamo vissuto e purtroppo stiamo ancora vivendo ha sottolineato l’inefficienza delle misure posto in essere che invece di arginare il problema hanno trasformato una crisi inizialmente finanziaria in una crisi economica profonda. Lo Stato deve capire in quale situazione deve essere presente in maniera preponderante e quando invece deve stare “dietro le quinte” ad osservare da un determinata distanza».
Ma quando si parla dell’economia reggina, è sempre bene considerare i veri ostacoli che ancora ne impediscono il decollo. «Il presidente Cuzzocrea – ha detto in proposito il procuratore De Raho – ha giustamente posto l’accento sull’impegno profuso dal mondo imprenditoriale locale a favore della legalità. Un impegno che non deve essere mai disgiunto dalla realtà in cui vive un’impresa. La nostra coscienza economica insieme a quella civica, devono convivere, sovrapponendosi, in un unico luogo. Gli ultimi ingenti sequestri di cocaina – ha aggiunto il procuratore capo – effettuati nel porto di Gioia Tauro, sono stati possibili in larga parte proprio grazie all’utilizzo di fonti confidenziali. Naturalmente non vanno sottaciuti i numerosi problemi che oggi è costretto ad affrontare, specie nel Mezzogiorno, il mondo dell’impresa. Su tutti il sistema bancario i cui meccanismi di controllo non riescono, come invece accade negli Usa, ad arginare il dilagare di numerose operazioni illegali. Il tutto a fronte delle mille difficoltà che un semplice cittadino incontra quando deve chiedere un mutuo. In tal senso l’ultimo capitolo della vicenda De Masi appare emblematico».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x