Ultimo aggiornamento alle 23:19
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Italcementi, gruppo Pd: «Serve l`impegno della giunta regionale»

VIBO VALENTIA Il gruppo regionale del Partito Democratico ha stilato un ordine del giorno che sarà presentato domani nel corso della riunione del Consiglio a proposito della vertenza dello stabilim…

Pubblicato il: 24/07/2013 – 17:50
Italcementi, gruppo Pd: «Serve l`impegno della giunta regionale»

VIBO VALENTIA Il gruppo regionale del Partito Democratico ha stilato un ordine del giorno che sarà presentato domani nel corso della riunione del Consiglio a proposito della vertenza dello stabilimento della Italcementi di Vibo Valentia. Oltre agli occupati dell`indotto, sono 82 i lavoratori alle dirette dipendenze dell`azienda che rischiano di perdere il lavoro. «L`ordine del giorno, che si spera – è detto in una nota – possa essere condiviso dall`intera assise regionale impegna il Presidente Scopelliti e il suo esecutivo a fare quanto necessario per rilanciare l`attività del tavolo tecnico permanente con l`obiettivo di raggiungere una soluzione della vertenza e a chiedere al Governo centrale di avviare un confronto con i vertici aziendali di Italcementi, nonché di verificare con i vertici dell`Anas le reali esigenze di cemento dei cantieri». Nel documento si afferma, tra l`altro, che «a seguito della decisione assunta dall`azienda di delocalizzare all`estero la produzione, lo stabilimento Italcementi di Vibo Marina, dopo oltre settant`anni di attività, è stato definitivamente chiuso. Una decisione che ha ulteriormente acuito le già rilevanti tensioni sociali presenti nel Vibonese per la perdurante crisi economica e produttiva che ha pesantemente investito il territorio». Il gruppo regionale del Pd, « pur riconoscendo il lodevole impegno profuso dal prefetto di Vibo Valentia, Michele Di Bari, evidenzia che «il tavolo tecnico permanente composto dai principali attori istituzionali non è riuscito ad oggi ad individuare soluzioni condivise riguardo le diverse ipotesi di riconversione dell`impianto. L`azienda, inoltre, continua testardamente a non prendere in esame la possibilità di ripresa della produzione, non volendo considerare le opportunità rinvenenti nel settore delle opere pubbliche, dai lavori di completamento della Salerno-Reggio Calabria e dalle modifiche da più parti richieste del Patto di stabilità per favorire la ripresa degli investimenti da parte degli enti locali». Una situazione drammatica che ha portato per lungo tempo 13 lavoratori a salire in cima al silos più alto dell`impianto, ad oltre 90 metri. «Si tratta di una situazione – conclude il gruppo regionale Pd – che pone le famiglie dei lavoratori e l`intera comunità vibonese a vivere con crescente timore e apprensione il precipitare della situazione, senza peraltro intravedere all`orizzonte prospettive credibili di soluzioni concrete».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x