Ultimo aggiornamento alle 23:06
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

«Reggio è un posto terribile, un "miracolo" che qualcuno veda lì i Bronzi»

REGGIO CALABRIA Un servizio costruito sul dialogo a distanza tra Simonetta Bonomi, soprintendente regionale dei beni archeologici, e Paolo Barbera, consigliere circoscrizionale messinese. Botta e r…

Pubblicato il: 17/08/2013 – 14:00
«Reggio è un posto terribile, un "miracolo" che qualcuno veda lì i Bronzi»

REGGIO CALABRIA Un servizio costruito sul dialogo a distanza tra Simonetta Bonomi, soprintendente regionale dei beni archeologici, e Paolo Barbera, consigliere circoscrizionale messinese. Botta e risposta a “Uno mattina estate” tra due punti di vista inconciliabili, divisi dallo Stretto e dalla questione del “trasferimento” dei Bronzi di Riace. «Sarebbe la privazione di un elemento identitario», secondo la Bonomi. «Potrebbero essere visti da centinaia di migliaia di persone e sono senza casa da 1.390 giorni», secondo Barbera.
Scontro di campanile con la cultura e l`identità sullo sfondo. E pure un pizzico di delusione registrata tra i turisti («siamo delusi di trovarli così») in visita nelle sale del restauro, offerte dal consiglio regionale.
Ma il punto non è se sia meglio Reggio Calabria o Messina. Se – come dice la soprintendente – spostare le statue sia pericoloso se mancano le condizioni di sicurezza. Philippe Daverio, critico d`arte dalle opinioni piuttosto esplicite, lo sottolinea non proprio en passant: «Reggio Calabria è un posto terribile, Messina è un posto terribile. È un miracolo che la gente vada a Reggio Calabria. I Bronzi, quando erano esposti a Roma, hanno fatto in pochi mesi più visitatori di quanti ne abbiano fatto in anni lì». Non c`entra nulla neppure lo stop ai lavori per la costruzione del nuovo museo: «Il museo è bello, ha dei materiali ottimi, ma non ci andava nessuno perché la città è una catastrofe, ed è grottesco pensare che i Bronzi possano essere un richiamo turistico per quelle zone».
Opinioni esplicite, appunto. Confortate da Paolo Conti, giornalista del Corriere della Sera presente in studio: «Stimo la Bonomi, ma uno dei problemi dei Bronzi è proprio questa insistenza sul dato identitario. Non si può immaginare che i Bronzi siano la leva del cambiamento di Reggio Calabria. È possibile che queste opere debbano appartenere a una sola città e non a un`identità nazionale?». E sembrano tornare le proposte, anche recenti, di trasferire le statue a Firenze. Il ministro alla Coesione territoriale, Carlo Trigilia, porta poi la discussione su un piano più politico. Non si sbilancia e ricorda, pur condividendo «le note pessimistiche di Daverio, che sui Bronzi qualcosa è stato fatto. Il museo sarà inaugurato a gennaio del prossimo anno: vogliamo valorizzare dal punto di vista della fruizione questa risorsa straordinaria. Ma restano problemi di mentalità da parte delle classi dirigenti locali, non solo in Calabria ma in tutto il Meridione». E partono le immagini di Pompei, che rischia di cadere a pezzi mentre la mostra che le ha dedicato il British museum colleziona record di ingressi e di guadagni. Un po` come capita ai Bronzi: visitatissimi solo quando sono lontani da “casa”. (0020)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x