Ultimo aggiornamento alle 14:11
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Monsignor Morosini: Non mi riconosco nelle parole di Gravano

REGGIO CALABRIA «In riferimento alla nota di Michele Gravano, segretario generale Cgil Calabria, afferente la lettera inviata da monsignor Giuseppe Fiorini Morosini, arcivescovo metropolita di Regg…

Pubblicato il: 14/09/2013 – 20:19
Monsignor Morosini: Non mi riconosco nelle parole di Gravano

REGGIO CALABRIA «In riferimento alla nota di Michele Gravano, segretario generale Cgil Calabria, afferente la lettera inviata da monsignor Giuseppe Fiorini Morosini, arcivescovo metropolita di Reggio Calabria-Bova, al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, l`arcivescovo intende specificare come non si riconosce affatto nelle dichiarazioni attribuitegli da Gravano». È quanto si legge in una nota dell`Ufficio comunicazioni sociali della Diocesi.
«In particolar modo – prosegue la nota – circa i riferimenti espressi dal presule a riguardo della grave situazione della Locride, il segretario generale Cgil Calabria dichiara: “Adombrare però, come emerge dalla lettera (che può darsi non risponda al suo effettivo pensiero) che causa di ciò (della grave situazione della Locride, ndr) possa essere la politica di contrasto dello Stato alla illegalità e alle cosche è del tutto sbagliato”. Monsignor arcivescovo rassicura i lettori e le Istituzioni tutte di non aver mai scritto al Presidente della Repubblica né lasciato intendere ad alcuno che la causa della situazione della Locride possa essere la politica di contrasto dello Stato alla illegalità e alle cosche. Se il senso delle parole è quello oggettivo allora è sufficiente riportare il passaggio della lettera scritta da Monsignor Morosini al Presidente Napolitano per aver chiara la posizione di sua eccellenza in merito: “Sig. Presidente, debbo, però esprimerle tutto il mio rammarico per la politica che viene adottata nei confronti della Locride: non è una politica di liberazione e di riscatto, perché incentrata prevalentemente sulla repressione. Nulla da eccepire sull`azione di repressione della delinquenza, ma è necessaria un`azione di prevenzione, che non può essere svolta solo a livello di educazione teorica e morale”. Si deduce che monsignor Morosini, se le parole della lettera hanno un significato, ritiene che per risolvere la grave situazione della Locride non è sufficiente l`azione repressiva della criminalità, della quale riconosce la necessità (nulla da eccepire etc…), perché ad essa deve essere unita quella di promozione del territorio, che manca. Forse la lettera è stata letta con eccessiva fretta, e con più eccessiva fretta si è passato allo scritto».
«Quanto poi al sospetto che l`affermazione di monsignor Arcivescovo “può darsi non risponda al suo effettivo pensiero” – conclude la nota – è utile ribadire che sua eccellenza è una persona coerente. Scrive quello che pensa». (0090)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x