Ultimo aggiornamento alle 23:06
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

Larghe intese al gusto `nduja

ROMA Larghe imprese e larghe intese al sapore di `nduja. Una celebrazione bipartisan celebrata nello spazio eventi il Palazzetto di Roma ha visto “trasversalmente” schierati volti noti e meno noti …

Pubblicato il: 12/12/2013 – 11:37
Larghe intese al gusto `nduja

ROMA Larghe imprese e larghe intese al sapore di `nduja. Una celebrazione bipartisan celebrata nello spazio eventi il Palazzetto di Roma ha visto “trasversalmente” schierati volti noti e meno noti della politica calabrese e di tutto ciò che le ruota attorno. L`occasione era, mercoledì 4 dicembre, la presentazione del nuovo libro di Andrea Guccione, presidente dell`associazione Assud, Consuma meridionale (Imprimatur editore). La conferenza – moderata dalla giornalista Giancarla Rondinelli, già portavoce del governatore Giuseppe Scopelliti oggi inviata di “Porta a porta” e firma de L`Ora della Calabria – ha visto la partecipazione di esponenti dell`imprenditoria e della comunicazione italiana. Tra questi il giornalista di Panorama, Carlo Puca, che ha firmato anche la prefazione del volume di Guccione, la senatrice berlusconiana Paola Pelino e il suo collega alla Camera Ignazio Abrignani – molto vicino a Claudio Scajola –, affiancati dal senatore Antonio Caridi e dal deputato Enza Bruno Bossio, fresca di intervista su Repubblica.it alla voce “Peones”. Non poteva mancare il consigliere regionale Carlo Guccione, parente dell`autore del libro, e il presidente di Fareambiente Vincenzo Pepe. Gran cerimoniere l`avvocato e docente di diritto dell`informazione Cataldo Calabretta consulente giuridico della giunta regionale. Allure delle grandi occasioni con il patron di Harmont & Blaine Domenico Menniti.
Mancava solo Scopelliti, ma sarebbe stato davvero impagabile vedere se, fra una tartina piccante e un bicchiere di Cirò, il gusto e l`orgoglio di Calabria poteva riavvicinare il governatore e uno dei suoi più feroci “marcatori a uomo” sul tema sanità (fanno fede comunicati e conferenze stampa). Madrina d`eccezione della gremita iniziativa è stata la conduttrice tv, calabrese doc, Elisabetta Gregoraci che si è detta «orgogliosa di essere una donna meridionale» benché preferisca trascorrere i periodi di vacanza con Briatore e Nathan Falco in Kenya piuttosto che nella sua Soverato. «Con grinta – si legge in un comunicato dai toni giubilanti – la Gregoraci ha denunciato le criticità che affliggono il Mezzogiorno, come la carenza di infrastrutture adeguate, o il disinteresse del mondo politico, ringraziando invece gli imprenditori che continuano a credere nel suo adorato Sud e a investire sul territorio». Un`analisi in perfetto stile antipolitico-grillino che non dev`essere piaciuta molto ad Antonio Caridi, già assessore regionale alle Attività produttive.
«Fiero delle sue radici meridionali» anche il presidente Guccione, così come dei tanti talenti del Mezzogiorno che hanno scelto di non fuggire all`estero e di mettere al servizio della propria terra competenze e professionalità. Nel libro, l`autore ripercorre le storie esemplari di sei aziende, una per ogni regione del Sud, che testimoniano, con i loro successi, di avercela fatta e che rappresentano il made in Italy nel mondo con un nuovo atteggiamento culturale di responsabilità e amore per il territorio. E ha spiegato la sua ricetta di sviluppo per il Sud: «Con il consumo prevalentemente meridionale di beni, servizi, infrastrutture materiali e immateriali, il Mezzogiorno potrebbe trattenere una quota considerevole del Prodotto interno lordo che, invece, sistematicamente “emigra” verso il Nord Italia o l’estero. Al Sud non serve il lamento storico dei presunti torti subiti così come non sono bastati i miliardi piovuti da Roma e dall’Europa. Al Mezzogiorno occorre un cambio di mentalità, del senso del vivere e della società, una nuova cultura del cittadino-consumatore e dell’impresa».
Spazio anche alle eccellenze gastronomiche grazie a un`appetitosa degustazione di prodotti offerta dal Gruppo d`azione Locale Cilento Regeneratio srl, presieduto da Carmine D`Alessandro, insieme al Patto Magna Graecia, presieduto dal sindaco di Giungano Franco Palumbo, ai gustosi dolci realizzati con un`eccellenza della terra di Calabria come il bergamotto di Reggio Calabria ai pregiati vini dell`azienda Librandi.
Nel corso dell`evento, a Calabretta, Gregoraci e Rondinelli sono stati consegnati dei prestigiosi riconoscimenti, realizzati dal maestro orafo Michele Affidato, per il loro impegno nella campagna Regalati la Prevenzione, volta a sensibilizzare l`opinione pubblica sull`importanza di prevenzione e diagnosi precoce nella lotta ai tumori. (0070)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x