Ultimo aggiornamento alle 23:03
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Il papà di Fabiana: rispettate le donne

CORIGLIANO CALABRO «Siamo stati trafitti, annientati nel più profondo del nostro cuore, nell’ anima di genitori, di tre sorelle, degli amici, di una comunità intera». Lo afferma Mario Luzzi, il pap…

Pubblicato il: 25/05/2014 – 22:00
Il papà di Fabiana: rispettate le donne

CORIGLIANO CALABRO «Siamo stati trafitti, annientati nel più profondo del nostro cuore, nell’ anima di genitori, di tre sorelle, degli amici, di una comunità intera». Lo afferma Mario Luzzi, il papà di Fabiana, la sedicenne uccisa un anno fa a Corigliano dal suo fidanzato, in una lettera aperta dopo la manifestazione svoltasi sabato scorso. «Una brutalità – ha aggiunto – che ha colpito una nazione, i nostri governanti, le istituzioni, le forze dell’ordine, persone singole di ogni età schieramento politico e credo religioso. E a voi tutti che in questo momento, io e la mia famiglia, vogliamo rivolgerci per ringraziarvi per l’affetto, per il conforto, per la vicinanza, per la partecipazione, per l’amore genuino e puro che in questo lungo e terribile anno ci avete dimostrato, con opere silenziose, con le vostre lacrime che solcano il viso e anche l’anima, con i vostri abbracci confortanti, con la vostra educazione, con il vostro tremore e il vostro rispetto». «E a voi – ha proseguito Mario Luzzi – che mi rivolgo, non lasciando nessuno senza un forte abbraccio dal profondo del cuore come padre, come marito, come nonno e come uomo. L’amore è per me la qualità più nobile che un essere umano possa dimostrare nella sua breve vita». «Ho appreso nel corso del mio cammino – evidenzia inoltre Mario Luzzi – qualità importanti che sono il fondamento della vita, basate sull’amore. L’amore è longanime e benigno. L’amore non è geloso, non si vanta e non si gonfia, non si comporta indecentemente, non cerca i propri interessi, non si irrita, non tiene conto dell’ingiustizia, ma si rallegra della verità. Sopporta ogni cosa, spera ogni cosa, soffre ogni cosa». «L’amore – sostiene ancora Luzzi – non viene mai meno. Con queste parole ben fisse nella nostra mente dobbiamo fare leva sui sentimenti di tutti, in modo che con le nostre azioni possiamo dare una svolta a questa società malata e poter “Amare il Prossimo come noi stessi”. La vita di ogni essere umano ha un valore inestimabile e va rispettata perché è il dono più importante che il nostro Creatore ci ha dato insieme al complemento di ogni uomo, il regalo più bello e sublime: la Donna. E a loro che deve andare tutto il nostro rispetto e amore, in quanto mogli, madri donatrici di vita compagne e figlie. E a voi giovani figli maschi che rivolgo il mio cuore, per dirvi che non bisogna, in questo breve arco temporale che è la vita, trovare il tempo per odiare i nostri simili e soprattutto le donne. Bisognerebbe invece, riempire il cuore e la mente di rispetto e di amore per le donne, portatrici di vita. Vorrei dirvi chissà quante altre cose, ma spero che con il tremendo fatto accaduto a Fabiana e a tutta la mia famiglia, sia di monito per tutti a ritrarsi dal commettere qualsiasi atto violento nei confronti delle donne». «Possano – conclude – la vostra mente e il vostro cuore essere rivolti solo a compiere opere lodevoli, opere di considerazione, di partecipazione, con il solo scopo di un mondo migliore in cui crescere i vostri figli,i vostri nipoti. Abbracciandovi tutti … da un padre con il cuore trafitto dal dolore , ma per sempre pieno d’amore per la vita». (0090)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x