Ultimo aggiornamento alle 21:57
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Calabria Lavoro, «illegittima» la trattenuta Irpef sui lavoratori

L’Azienda Calabria Lavoro sta continuando ad applicare l’Irpef del 23%, per l’erogazione delle spettanze relative alle politiche attive, ai lavoratori percettori di mobilità in deroga, nonostante q…

Pubblicato il: 30/06/2014 – 13:36
Calabria Lavoro, «illegittima» la trattenuta Irpef sui lavoratori

L’Azienda Calabria Lavoro sta continuando ad applicare l’Irpef del 23%, per l’erogazione delle spettanze relative alle politiche attive, ai lavoratori percettori di mobilità in deroga, nonostante questa trattenuta non sarebbe dovuta. È quanto denuncia la Cgil della Piana di Gioia Tauro. «Sbagliare è umano, perseverare è diabolico! Ciò che stanno subendo mensilmente i lavoratori e le lavoratrici – si legge in una nota – è inaccettabile. Riteniamo illegittimo l’atteggiamento di Calabria Lavoro nei confronti di coloro i quali prestano la propria opera attraverso tirocini formativi presso enti pubblici e privati e che stanno pagando la crisi sulla propria pelle in modo ancora più accentuato». Il sindacato aveva già ripetutamente invitato l’azienda a rimborsare le somme «illegittimamente trattenute», ma la risposta da parte di Calabria Lavoro non è mai arrivata. «L’azienda, con silenzio assordante, aria di superiorità, superficialità ed arroganza, ha continuato per la sua strada – si legge ancora nella nota – ignorando la richiesta delle organizzazioni sindacali ma soprattutto, quel che è peggio, infischiandosene dei danni economici che sta continuando a causare alle lavoratrici, ai lavoratori e alle loro famiglie. Ribadiamo che tale trattenuta risulta essere non dovuta, come si evince dalla Manifestazione d’Interesse, pubblicata dalla Regione Calabria (Burc del 5 luglio 2013, n° 27 parte terza) e come recita l’articolo 34 del Dpr 601/1973».
Per questi motivi, e vedendo «margini di un colloquio per responsabilità del Commissario», Pasquale Melissari, la Cgil chiede l’intervento della presidente facente funzioni, Antonella Stasi, e dell’assessore al Lavoro, Nazzareno Salerno, invitandoli a convocare le parti «per evitare tensioni sociali».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x