Ultimo aggiornamento alle 10:30
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

INCHINO AL BOSS | «Sospendere le processioni se c'è il sospetto di infiltrazioni»

ROMA «La scelta di campo deve essere netta, senza se e senza ma. E deve riguardare tutti, anche i vescovi e i preti calabresi»: le parole di Papa Francesco vanno intese come un “ordine”, per questo…

Pubblicato il: 08/07/2014 – 9:13
INCHINO AL BOSS | «Sospendere le processioni se c'è il sospetto di infiltrazioni»

ROMA «La scelta di campo deve essere netta, senza se e senza ma. E deve riguardare tutti, anche i vescovi e i preti calabresi»: le parole di Papa Francesco vanno intese come un “ordine”, per questo sarebbe necessario “sospendere” le processioni se c’è il sospetto di infiltrazioni. Lo ha affermato Nicola Gratteri, procuratore aggiunto di Reggio Calabria, in un colloquio con il Messaggero dopo l’episodio dell'”inchino” di Oppido Mamertina.
Secondo il magistrato, intervistato anche da il Fatto Quotidiano, ora «la ‘ndrangheta ha sfidato ufficialmente il Papa» e «si va allo scontro o si cerca la mediazione. Può succedere di tutto». Ma c’è anche la possibilità che le ‘ndrine «tentino di recuperare il dialogo mediando con i preti compiacenti, i mafiosi sono molto generosi coi prelati. E grandi donazioni comprano appoggi importanti».
«Finalmente dopo un secolo e mezzo abbiamo un Papa che ha avuto il coraggio di scomunicare i mafiosi», ha sottolineato, «e la Chiesa deve cambiare corso: Non dico che abbiamo una Chiesa collusa, ma che ci sono preti collusi e preti coraggiosi».
«La ‘ndrangheta – ha continuato – si nutre di consenso popolare. Il mafioso ama farsi vedere vicino al prete e al vescovo perché questa è una forma di esternazione del potere». Ora il Papa «è venuto e ha posto un diktat. Non solo per i mafiosi. Mi auguro che tutti, a questo punto, siano coerenti con l’ordine».
A proposito dell’annuncio da parte del ministro dell’Interno di inviare 800 uomini in Calabria, Gratteri è scettico: «Io non li ho visti. Sono in Calabria da 29 anni e ho sentito tante promesse e proclami. E invece le forze dell’ordine hanno macchine fatiscenti e senza benzina».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x