Ultimo aggiornamento alle 8:20
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Un protocollo antimafia per i lavori sull'A3

COSENZA L’Anas, la Prefettura di Cosenza e l’Ati Vidoni SpA-Consorzio Grecale hanno sottoscritto a Cosenza un protocollo di intesa per la prevenzione e il contrasto delle infiltrazioni della crimin…

Pubblicato il: 23/09/2014 – 11:28
Un protocollo antimafia per i lavori sull'A3

COSENZA L’Anas, la Prefettura di Cosenza e l’Ati Vidoni SpA-Consorzio Grecale hanno sottoscritto a Cosenza un protocollo di intesa per la prevenzione e il contrasto delle infiltrazioni della criminalità organizzata nell’ambito dei lavori di adeguamento a raccordo autostradale della strada statale 534 “di Cammarata e degli Stombi” nel tratto tra lo svincolo autostradale di Firmo dell’autostrada Salerno-Reggio Calabria e lo svincolo di Sibari della strada statale 106 Jonica. «La firma dell’accordo – ha sostenuto il presidente dell’ Anas Pietro Ciucci – oltre a rappresentare uno strumento di massima trasparenza non solo per chi lavora nel settore ma soprattutto per il territorio, è una conferma ulteriore dell’impegno dell’Anas per questo nuovo strategico collegamento autostradale che prevede un investimento complessivo di oltre 143 milioni di euro, finanziato con i fondi Pon Reti e Mobilità 2007-2013. L’Anas ha già siglato numerosi protocolli d’intesa sia in Calabria che nel resto del territorio perché si sono rivelati uno strumento efficace per la prevenzione e il contrasto delle infiltrazioni della criminalità organizzata e perché crediamo sia importante costruire nuove infrastrutture nel massimo della trasparenza e della legalità. Questo nuovo protocollo è finalizzato a garantire una rapida e corretta esecuzione delle opere nel rispetto della legge, nonché a prevedere ulteriori misure convenzionali intese a rendere più stringenti le verifiche antimafia». Il protocollo disciplina l’obbligo per l’appaltatore, i subappaltatori e subcontraenti nei confronti dell’Anas di conferimento – preventivo alla stipula di qualsiasi contratto – dei dati della filiera relativi a società e imprese. L’obbligo di conferimento preventivo dei dati sussiste anche per le prestazioni di servizi, trasporti e forniture, noli a caldo e a freddo e per tutte le tipologie di prestazioni “sensibili”. L’accordo introduce modalità ferree di controllo sulla tracciabilità dei flussi economico-finanziari all’interno dei cantieri e, per garantire maggiore sicurezza contro i tentativi di condizionamento criminale, assicura che le assunzioni della manodopera locale siano regolate da procedure di reclutamento all’insegna della massima trasparenza. Qualora la Prefettura accerti tentativi di infiltrazione mafiosa ed emetta una informativa ostativa, la Stazione appaltante non rilascia il proprio nulla osta alla stipula del contratto, ovvero procede alla revoca dell’aggiudicazione o nega l’autorizzazione al subappalto e intima all’appaltatore o concessionario di far valere la risoluzione del subcontratto.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x