Ultimo aggiornamento alle 20:38
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

La Cgil a Guccione: come mai non ha partecipato allo sciopero?

CATANZARO «Abbiamo apprezzato i toni della tua posizione e intendiamo rassicurarti: non abbiamo cambiato posizione e visione dei problemi della sanità calabrese. Il nostro giudizio sulla gestione d…

Pubblicato il: 15/12/2014 – 12:04
La Cgil a Guccione: come mai non ha partecipato allo sciopero?

CATANZARO «Abbiamo apprezzato i toni della tua posizione e intendiamo rassicurarti: non abbiamo cambiato posizione e visione dei problemi della sanità calabrese. Il nostro giudizio sulla gestione del Piano di rientro gestito da Scopelliti è fortemente negativo». È quanto si afferma in una nota dell’ufficio stampa della Cgil calabrese che replica a quanto sostenuto dal consigliere regionale del Pd Carlo Guccione che aveva definito «stupefacente» la richiesta avanzata dalla Cgil a Oliverio di lasciare il generale Pezzi commissario al Piano di rientro sanitario. «Sappiamo che la battaglia per risanare, cambiare e qualificare la sanità calabrese – prosegue la nota della Cgil – è aspra e irta di ostacoli. La diversità di valutazione sta nelle diverse idee di governance della gestione del Piano di rientro così come delineata dall’accordo sul Patto per la Salute. Sottrarre la sanità alla politica, distinguere le funzioni di indirizzo politico e gestione tecnica del Piano e degli indirizzi, e sinergia fra le due figure è la dimensione nuova sulla quale governare questa difficile fase di rientro. Altra cosa sarà dal punto di vista istituzionale quando saremo tornati in ‘condizioni di normalità’. E su questo terreno auspichiamo dal nuovo presidente un impegno straordinario nell’interesse della salute dei cittadini calabresi. Aprire una pagina nuova e superare vecchie pratiche e questo riguarda tutti anche il sindacato».
«Ora – prosegue il comunicato – qualche domanda all’onorevole e compagno Guccione: le deliberazioni impugnate dal Consiglio dei ministri e votate in maniera bipartisan dal Consiglio regionale sono un buon viatico di credibilità per cambiare la sanità in Calabria? Ora un’altra domanda, a proposito di coerenza: abbiamo notato la tua assenza dallo sciopero generale tenuto nei giorni scorsi. È la stessa persona che in campagna elettorale girava nei luoghi di lavoro per chiedere il consenso dei lavoratori promettendo di battersi per i loro diritti? Spiegaci la ragione di questa tua assenza e quale coerenza c’è tra il Guccione della campagna elettorale e quello di consigliere eletto nel non partecipare allo sciopero generale. Per caso non si vuol disturbare con queste scelte il sommo manovratore? Quindi stai tranquillo sulle nostre coerenze e sulle nostre battaglie per cambiare la sanità mettendo fuori la politica dalla gestione. Vorremmo essere rassicurati anche noi delle tue coerenze. Con rispetto e stima».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x