Ultimo aggiornamento alle 23:56
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Rosarno, catturati i latitanti Albanese e Cacciola

ROSARNO È stato sorpreso all’interno di un’azienda per la lavorazione degli agrumi in contrada “Testa d’acqua”, nel comune di Rosarno, il trentaquattrenne Gregorio Cacciola, latitante dalla fine di…

Pubblicato il: 05/01/2015 – 8:18
Rosarno, catturati i latitanti Albanese e Cacciola

ROSARNO È stato sorpreso all’interno di un’azienda per la lavorazione degli agrumi in contrada “Testa d’acqua”, nel comune di Rosarno, il trentaquattrenne Gregorio Cacciola, latitante dalla fine di luglio scorso perché accusato di riduzione in schiavitù e traffico di sostanze stupefacenti nell’ambito dell’operazione Mauser-Sacco matto, coordinata dalla Dda di Reggio Calabria. I carabinieri della Compagnia di Gioia Tauro hanno arrestato anche i presunti fiancheggiatori di Cacciola. Si tratta di Natalia e Hanna Yakinchuk e Seryi Chibru, tutti di etnia rom. Gregorio Cacciola è il fratello di Antonio Cacciola e i due sono ritenuti i capi dell’omonima cosca della ‘ndrangheta di Rosarno. Gregorio Cacciola, oltre che di traffico di sostanze stupefacenti, è accusato di avere ridotto in schiavitù la cognata Giuseppina Multari, collaboratrice di giustizia, dopo l’arresto del fratello Antonio, di fatto segregandola in casa. L’uomo era sfuggito all’arresto anche grazie alla complicità di tre persone, due donne ed un uomo di etnia rom, che insieme ad altri elementi del clan avevano provveduto a rifornirlo di ogni necessità. Nel corso dei controlli effettuati durante la scorsa notte a Rosarno, i carabinieri di Gioia Tauro ed i “Cacciatori” di stanza a Vibo Valentia hanno anche arrestato Vincenzo Albanese, di 37 anni, bloccato in una casolare tra gli abitati di Gioia Tauro e Rosarno, e destinatario di un mandato di arresto con l’accusa di essere uno dei pusher più attivi sulla “piazza” di Rosarno.

 

CACCIOLA GRUPPO AUTONOMO

«I Cacciola – ha detto il comandante del Reparto operativo dei carabinieri di Reggio Calabria, tenente colonnello Gianluca Valerio – si presentano da tempo come gruppo criminale dotato di una certa autonomia nella ‘ndrangheta di Rosarno. Sono molto attivi nel traffico di stupefacenti, che importano dalla Germania e dall’Olanda, alimentando così lo spaccio a Rosarno e nei territori limitrofi. Insieme a Gregorio Cacciola, siamo riusciti ad arrestare Vincenzo Albanese, latitante da un mese, che deve rispondere di associazione per delinquere e traffico di sostanze stupefacenti». 

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x