Ultimo aggiornamento alle 7:24
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Cambio di programma: Consiglio convocato il 20 gennaio

REGGIO CALABRIA Contrordine: la seduta del consiglio regionale sarà convocata per martedì 20 gennaio (sempre alle ore 15) e non per giovedì prossimo, come annunciato nel pomeriggio di oggi in …

Pubblicato il: 12/01/2015 – 16:21
Cambio di programma: Consiglio convocato il 20 gennaio

REGGIO CALABRIA Contrordine: la seduta del consiglio regionale sarà convocata per martedì 20 gennaio (sempre alle ore 15) e non per giovedì prossimo, come annunciato nel pomeriggio di oggi in una nota ufficiale di Palazzo Campanella. Il cambio di data sarebbe stato deciso dallo stesso presidente dell’assemblea, Tonino Scalzo. Nelle prossime ore dovrebbe essere inviata la comunicazione ufficiale che modificherà l’agenda del parlamentino calabrese.
Resta invariato, invece, l’elenco delle proposte che sarà portato all’attenzione del Consiglio, che dovrà innanzitutto dare il via libera al nuovo Statuto regionale. Tra i punti salienti della seduta ci sarà proprio la “proposta di legge statutaria” (firmata dai consiglieri del Pd Battaglia, Irto e Romeo e dal vicepresidente del Consiglio D’Agostino) da tempo annunciata dal governatore Mario Oliverio. Le modifiche determineranno l’introduzione del “consigliere delegato”, che si occuperà di settori specifici della vita della Regione e parteciperà alle riunioni della giunta. Il punto forse più importante riguarda però la cancellazione delle limitazioni tra assessori esterni e interni. In base alle norme in vigore, Oliverio potrebbe nominare solo 3 componenti “non eletti” su sei. La nuova “Magna charta”, invece, lascerà “mani libere” al presidente, che potrà comporre la sua squadra di governo senza tenere conto di vincoli statutari. Per emendare la costituzione regionale, però, serve una doppia approvazione in Consiglio, per cui le modifiche potrebbero diventare efficaci solo al termine dell’iter previsto. Altro punto all’ordine del giorno sarà “l’approvazione del programma di governo”, ovvero dell’elenco delle riforme dell'”agenda Oliverio”.
Oggi, intanto, è stato il primo giorno a Palazzo Campanella di Scalzo. Tra incontri con dirigenti e personale amministrativo e diversi impegni politici, il presidente del Consiglio ha avviato l’attività istituzionale della decima legislatura. «In sinergia con il progetto di rinnovamento della Calabria che ha nel presidente Mario Oliverio il suo interprete principale, intendo far funzionare al massimo delle sue possibilità il Consiglio. Ho avuto già modo di apprezzare – ha affermato Scalzo – il capitale umano del Consiglio e sono certo che tutto il personale sosterrà i nostri sforzi per migliorare l’efficienza dell’assemblea, che dovrà essere aperta al cittadino e trasparente in ogni provvedimento che verrà assunto. Fuori da queste mura – ha aggiunto – c’è una Calabria che ci ha dato fiducia e noi non dobbiamo e non possiamo deludere. Con la prima seduta, eleggendo subito, come mai era accaduto, il Presidente del Consiglio e Ufficio di Presidenza, si è voluto dare un forte segnale di concretezza ed operatività. Un’unica finalità è al centro dei nostri pensieri: costruire, passo dopo passo, una Regione in grado di affrontare e vincere le sfide che ha davanti».

 

Pietro Bellantoni

p.bellantoni@corrierecal.it

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x