Ultimo aggiornamento alle 8:58
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Regione, nominati i dg

CATANZARO Questa volta la fumata è bianca. La giunta regionale ha nominato i dirigenti generali “reggenti” dei vari dipartimenti per assicurare la continuità dell’attività amministrativa. Si tratta…

Pubblicato il: 11/02/2015 – 16:55
Regione, nominati i dg

CATANZARO Questa volta la fumata è bianca. La giunta regionale ha nominato i dirigenti generali “reggenti” dei vari dipartimenti per assicurare la continuità dell’attività amministrativa. Si tratta, come è evidente, di nomine a tempo. L’esecutivo Oliverio ha infatti dato mandato alle strutture competenti di predisporre l’avviso pubblico per la selezione e il reclutamento dei nuovi manager. Per adesso, insomma, siamo di fronte a scelte obbligate dal quadro normativo vigente. 
Proprio per sottolineare il carattere temporaneo e transitorio degli incarichi, il governatore e i tre assessori hanno deciso di puntare su dirigenti interni già incaricati della reggenza o impegnati in tali funzioni.
Motivo per cui il dipartimento Presidenza è stato affidato a Giuseppe Bianco, quello Salute continuerà a essere guidato da Bruno Zito così come Pasquale Anastasi sarà ancora a capo di quello Istruzione, turismo e beni culturali. Domenico Pallaria rimane al vertice del dipartimento Lavori pubblici e viene collocato pure alla guida di quello Urbanistica-Ambiente. A Luigi Bulotta, dg uscente del dipartimento Controlli, sono state affidate le chiavi del nuovo maxi-dipartimento del Personale, mentre Antonio De Marco è il responsabile di quello denominato Sviluppo economico – Lavoro e politiche sociali. Al Bilancio è stato riconfermato Filippo Di Cello mentre Benito Spanti guiderà l’Avvocatura regionale.
Nuova promozione per Carmelo Salvino, che dopo essere stato promosso a commissario della Fondazione Terina, adesso guiderà anche il dipartimento Agricoltura di cui era dirigente di servizio. Di fondi Ue e Programmazione comunitaria si occuperà, invece, Fortunato Varone.
L’Autorità di Audit è appannaggio di Carmelo Barbaro (già dirigente di questo settore), da pochi giorni divenuto commissario di Calabria Etica. Al vertice della Stazione unica appaltante arriva Mario Donato, già dirigente di servizio del settore Demanio della Regione.
Fin qui le decisioni ufficializzate a Palazzo Alemanni. Per il resto si dovranno aspettare gli esiti della selezione pubblica e, dunque, le scelte della giunta sulla valutazione dei vari curricula. Il governatore spera di riuscire a mettere su una squadra di altro profilo, con dentro esponenti del mondo della cultura e delle università. E non è da escludere che quando ci sarà da completare l’esecutivo, Oliverio non possa ricorrere a una delle tante personalità di spicco che operano nei tre atenei calabresi.
Lasciato Palazzo Alemanni, il presidente e l’assessore Carlo Guccione sono volati a Roma. Per giovedì è in programma un incontro con il ministro del Lavoro Giuliano Poletti. In agenda un incontro, concordato da tempo, su ammortizzatori sociali e cassa integrazione. «Come abbiamo già fatto per le pendenze del 2013 – spiega Oliverio – vogliamo chiudere al più presto la partita sugli arretrati del 2014, in modo da ristabilire l’equità e i diritti di chi dovrebbe accedere alla cassa integrazione, ma non riceve sostegno».

an. ri.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x