Ultimo aggiornamento alle 0:00
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

"AEMILIA" | Le precisazioni di Consulfiduciaria

Tramite il suo legale, Simone Lonati, la Consulfiduciaria – citata nell’articolo sul piano Cutro del boss Grande Aracri, in cui si dava atto dell’acquisizione da parte della società del 93% di Faec…

Pubblicato il: 28/02/2015 – 9:05
"AEMILIA" | Le precisazioni di Consulfiduciaria

Tramite il suo legale, Simone Lonati, la Consulfiduciaria – citata nell’articolo sul piano Cutro del boss Grande Aracri, in cui si dava atto dell’acquisizione da parte della società del 93% di Faecase – pretende di far sapere che «precisa che tale affermazione non corrisponde al vero. La Consulfiduciaria spa è, infatti, una società fiduciaria autorizzata all’esercizio di tale attività ai sensi della legge 23 novembre 2009 n. 1966. Al pari di ogni altra società fiduciaria, gli acquisti, in particolare di partecipazioni, sono effettuati su mandati ricevuti da clienti che ne divengono gli effettivi proprietari, essendo attribuita alla società fiduciaria solo una legittimazione a disporre in conformità alle indicazioni vincolanti del proprio mandato. In concreto, nessuna partecipazione intestata a Consulfiduciaria è di sua proprietà ma il «titolare effettivo» è un soggetto che ha conferito un mandato di intestazione fiduciaria; a lui e solo a lui vanno riferiti gli interessi economici propri del bene intestato fiduciariamente. L’unico interesse della fiduciaria è di ricavare da tale servizio una commissione». Inoltre, i legali della società si preoccupano di precisare che «a tutela del rischio di acquisire mandati di soggetti non affidabili, le società fiduciarie si avvalgono, come si è avvalsa Consulfiduciaria nel caso che ci interessa, di sofisticati strumenti informatici per adempiere agli obblighi di “adeguata verifica” del mandante. Al momento del conferimento del mandato a Consulfiduciaria, nessuna segnalazione esisteva con riferimento al mandante, il cui nominativo è segnalato nel sistema informatico a far data dalla fine del mese di gennaio 2015.In conclusione – si insiste – diversamente da quanto riportato nell’articolo, Consulfiduciaria spa non possiede alcuna partecipazione della società Faecase».

Il Corriere della Calabria non può che ringraziare per la precisazione, ma allo stesso tempo non può far altro che consigliare alla società di segnalare le medesime circostanze al Ros dei carabinieri che nell’informativa finale (pag. 103, 1240 1270) dell’operazione “Aemilia” afferma testualmente:«Faecase srl, codice fiscale 03812170276, numero Rea Ve-340768, avente dal 07/01/2008 sede a Caorle (Ve) in viale Panama n°25, capitale sociale 20mila euro suddivisi tra la società Consulfiduciaria spa di Milano via Gabba n°6 (socio maggioritario) e la società “Immobiliare srl di Arcole (Vr via Mansoldo n°22/a, amministratore dal 15/12/2011 Oppido Raffaele nato a Crotone il 08/10/1977, residente ad Arcole (Vr) in via Bernardi n°5, operante nel settore della compravendita, locazione, amministrazione, costruzione di immobili ed attività edili in genere. (Vol. H all. 1-9)”». Inoltre, se come viene comunicato è vero che «Consulfiduciaria spa non possiede alcuna partecipazione della società Faecase», medesima precisazione dovrebbe essere inviata alla Camera di commercio, secondo cui il 93% della Faecase è detenuto da Consulfiduciaria, mentre il 7% è in mano a Immobiliari gemelle, su cui i legali della società potranno trovare ampi e dettagliati riferimenti nell’inchiesta “Aemilia”.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x