Ultimo aggiornamento alle 21:25
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Catanzaro, Ciconte: il nuovo ospedale si farà

CATANZARO “Proprio così l’ospedale di Catanzaro, il nuovo ospedale si farà anche perché è previsto sin dal 2007. Infatti, nonostante l’assoluta inattività, inerzia e apatia sull’argomento del …

Pubblicato il: 17/05/2015 – 13:57

CATANZARO “Proprio così l’ospedale di Catanzaro, il nuovo ospedale si farà anche perché è previsto sin dal 2007. Infatti, nonostante l’assoluta inattività, inerzia e apatia sull’argomento del centrodestra di Abramo, di Scopelliti e Tallini, oggi la questione sanità è al centro dell’agenda della giunta regionale di Mario Oliverio”. E’ quanto si afferma in un documento congiunto firmato dai presidenti dei circoli del Pd di Catanzaro a conclusione dell’incontro avuto con il vicepresidente della Regione, Vincenzo Ciconte. “Non si tratta solo di una struttura piuttosto che di un’altra – prosegue la nota – questa giunta di centrosinistra lavora alacremente ad un concetto di sanità finalmente all’altezza delle attese di una popolazione che troppo spesso è dovuta emigrare per farsi curare. L’esponente dell’esecutivo regionale ha fissato in tempi molto rapidi un incontro a seguito della polemica davvero poco credibile emersa sulla stampa per bocca di alcuni “autorevoli” politici locali. Tanto autorevoli da conoscere con dovizia di particolari che l’ospedale ad oggi non è stato realizzato per loro responsabilità, perché sono stati incapaci di dare seguito all’accordo di programma, risalente appunto al 2007, che vincola i fondi per la costruzione dell’ospedale all’accorpamento tra università e aziende ospedaliera”. “I soldi per costruire l’ospedale – riporta ancora il documento – sono ancora lì e non rimarranno, certo, a lungo fermi perché verranno utilizzati per la costruzione dello stesso. E’ questo un punto di principio sul quale il consigliere regionale della città di Catanzaro assicura non vi sarà mai alcun passo indietro e non per campanilismo bensì perché la città di Catanzaro è ormai destinata, in modo irreversibile, a rappresentare il centro di eccellenza sanitaria della Calabria. Tutto ciò sta nei fatti, per la struttura oncologica del Ciaccio, già riferimento regionale, per la cardiologia tra le migliori d’Italia, per l’urgenza-emergenza e grazie alla presenza solida dell’università di medicina della regione che cresce in qualità e prospettiva. Si parla di costruire una rete calabrese il cui Polo nevralgico è già Catanzaro, ma che non può più consentire che resistano ospedali inadeguati al servizio da svolgere come tanti presenti ancora oggi sul territorio per effetto degli ultimi anni di scellerata gestione”. Alla riunione hanno partecipato i presidenti Daniela Critelli (Catanzro Lido), Giuseppe Risadelli (Corvo), Maurizio Caligiuri (Santa Maria), Pasquale Puzzonia (Mater Domini), Antonio Gigliotti (Catanzaro Nord), Pasquale Squillace (Catanzaro Centro “E.Lauria”).”L’incontro tra i segretari di circolo e il vicepresidente Ciconte – è precisato ancora nel testo – è stato aggiornato nell’ottica di una continua e puntuale dialettica sulle questioni cogenti e di programmazione per la città capoluogo di regione”.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb