Ultimo aggiornamento alle 14:57
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Assunzioni all"Annunziata", Papalia: i numeri non reali

COSENZA «Sarà per il caldo o il clima vacanziero, ma il numero di assunzioni all’ospedale dell’Annunziata di Cosenza circolato in questi giorni non è quello reale. Saranno, infatti, soltanto 35 i n…

Pubblicato il: 08/08/2015 – 14:32
Assunzioni all"Annunziata", Papalia: i numeri non reali

COSENZA «Sarà per il caldo o il clima vacanziero, ma il numero di assunzioni all’ospedale dell’Annunziata di Cosenza circolato in questi giorni non è quello reale. Saranno, infatti, soltanto 35 i nuovi medici e 20 gli infermieri che forse arriveranno. Gli altri sono 33 medici e 20 infermieri già in servizio da anni che finalmente, si spera, saranno stabilizzati visto che il decreto Scura promesso per la data del 7 agosto al momento non risulta ancora firmato». Ad affermarlo, in una nota, è Teresa Papalia della Cgil Medici di Cosenza.
«L’ospedale, in queste condizioni, continuerà a rimanere con i problemi di sempre – prosegue Papalia – e certamente non migliorerà le sue performance con soli due nuovi primariati previsti (ortopedia e ostetricia) che non si capisce, oltretutto, sulla base di quali criteri siano stati individuati di fronte ad altre emergenze esistenti in ospedale».
Secondo la rappresentante sindacale, «si continua con un pericoloso gioco al rinvio». «Nella sanità – sostiene Papalia –, in particolare in quella cosentina, non si può che concordare con il presidente Oliverio: c’è una deriva con una tendenza all’aggravamento della situazione. Le ultime “indecisioni” lo dimostrano. La sanità calabrese continua a rimanere nel guado e a essere gestita solo con annunci fumosi. Direi – afferma ancora – anche che vive il suo periodo più buio e preoccupante perché non s’intravede una volontà accompagnata da un progetto capace di garantire livelli di assistenza adeguati. Si sperava in un cambiamento che non c’è stato – conclude l’esponente della Cgil medici –. La struttura regionale, in conflitto con quella commissariale, appaiono come l’incudine e il martello con cui si continua ad ammaccare il sistema sanitario regionale a discapito dei calabresi e degli operatori sanitari».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x