Ultimo aggiornamento alle 23:44
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Cosenza, il dg dell'Asp dà un incarico all'ex "capo" di suo figlio

COSENZA Qualche settimana fa, il direttore generale dell’Asp di Cosenza Raffaele Mauro ha nominato la propria compagna al vertice di un’importante commissione dell’Azienda sanitaria provinciale, il…

Pubblicato il: 24/02/2016 – 14:51
Cosenza, il dg dell'Asp dà un incarico all'ex "capo" di suo figlio

COSENZA Qualche settimana fa, il direttore generale dell’Asp di Cosenza Raffaele Mauro ha nominato la propria compagna al vertice di un’importante commissione dell’Azienda sanitaria provinciale, il Comitato consultivo zonale. Era il 4 febbraio e la delibera numero 33 sanciva quella “promozione” in un posto strategico per l’Asp. Tra le altre cose, infatti, da quella poltrona si decide quali medici inviare nelle varie discipline di competenza delle strutture dell’Asp. Poche ore prima, lo stesso manager ha messo la propria firma su un altro atto che riguarda, in maniera indiretta, ancora un membro della sua famiglia.
Con la delibera numero 30 del 4 febbraio, Mauro decide di costituirsi parte civile in un procedimento penale in corso nel Tribunale di Castrovillari. A rappresentare l’Asp, «come da procura speciale rilasciata dal direttore generale e da convenzione stipulata tra le parti», sarà l’avvocato Vincenzo Belvedere, stimato penalista cosentino. Tutto legittimo, per carità. C’è, però, un particolare curioso a fare da cornice alla nomina: nello studio dell’avvocato Belvedere lavora il figlio del direttore generale, Giustino, giovane legale che non viene menzionato né nella delibera di nomina, né nella convenzione siglata il 20 gennaio scorso tra l’avvocato e il manager. Convenzione che fissa il costo per l’ente (che impegna 6.421 euro) e specifica che «i tariffari sono stati diminuiti del 70% per la fase istruttoria e del 50% per le altre fasi del giudizio». Una seconda delibera con risvolti familiari (anche se indiretti) nel breve volgere di qualche ora. Un piccolo record per il neo direttore generale.

«NON LAVORA PIÙ PER ME» «Ho appena letto l’articolo di cui in oggetto, che cita un incarico ricevuto dal dg dell’Asp di Cosenza, in relazione ad una costituzione di parte civile in processo da omicidio volontario, oltre che per ipotesi di truffa e falso, che, anche a carico di medico dipendente dell’Asp di Cosenza, sarà chiamato dinanzi al gup del Tribunale di Castrovillari». Vincenzo Belvedere invia una nota per chiarire alcune questioni relative all’incarico e al suo rapporto professionale con il figlio del direttore generale Mauro: «Voglio ribadire che non sono il “capo” di nessuno, tantomeno del figlio del dottor Mauro, che, avendo a suo tempo compiuto la pratica professionale presso il mio studio, è titolare, essendo avvocato da più tempo, di proprio studio professionale in Cosenza». Belvedere, inoltre, si fa portavoce di un’altra precisazione che Mauro indirizza al Corriere della Calabria a qualche settimana dalla pubblicazione di un altro articolo e chiarisce che la dottoressa Cesira Ariani «non è la compagna del dottor Mauro, come la testata ha per due volte scritto». 

 

 

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x