Ultimo aggiornamento alle 12:28
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Abusivismo, sei sequestri nel Reggino

REGGIO CALABRIA Sono stati intensificati, da parte del Corpo Forestale dello Stato, i controlli relativi all’abusivismo edilizio. Personale del Cfs appartenente ai comandi stazione, coordinati dal …

Pubblicato il: 20/07/2016 – 10:34
Abusivismo, sei sequestri nel Reggino

REGGIO CALABRIA Sono stati intensificati, da parte del Corpo Forestale dello Stato, i controlli relativi all’abusivismo edilizio. Personale del Cfs appartenente ai comandi stazione, coordinati dal comando provinciale di Reggio Calabria, ha accertato, in particolare sul versante Tirrenico, la presenza di sei manufatti abusivi, in spregio alla normativa che disciplina la materia edilizia. Durante i controlli sul territorio, personale del comando stazione Cfs di Sant’Eufemia d’Aspromonte, ha posto sotto sequestro tre manufatti abusivi, di cui due in agro del Comune di Palmi, il cui proprietario era tale C.A., ed uno in agro del Comune di Bagnara Calabra, il cui proprietario era tale L.F., entrambi deferiti all’Autorità Giudiziaria competente. Successivamente personale del comando stazione Cfs di San Roberto, ha posto sotto sequestro tre ulteriori manufatti, tutti in agro del Comune di Scilla, di cui due erano di proprietà di tale C.E. ed uno di proprietà di tale D. M. V.. Tutti i soggetti sono stati denunciati per abusivismo edilizio, in quanto la normativa prevede che la realizzazione di una costruzione su terreno sottoposto a vincolo idrogeologico, sia subordinata al nullaosta della Regione e al successivo permesso di costruzione rilasciato dal Comune. Le pattuglie Cfs hanno realizzato questo importante risultato grazie ad accertamenti, esperiti nell’immediatezza, sia tramite strumentazione Gps Magellan in dotazione al Cfs, sia mediante Sim (Sistema informativo della montagna) e successivi accertamenti catastali, che hanno permesso di risalire con esattezza ai proprietari dei manufatti abusivi. La repressione del fenomeno dell’abusivismo edilizio, rappresenta uno dei compiti prioritari del Corpo Forestale dello Stato, difatti la cementificazione del territorio, non supportata da un’attenta valutazione da parte degli enti preposti al rilascio di autorizzazioni e prescrizioni, oltre che compromettere la bellezza paesaggistica, incrementa quei fenomeni di instabilità e fragilità del territorio che molto spesso pongono in pericolo concreto l’incolumità pubblica.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x