Ultimo aggiornamento alle 14:01
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

"Gambling", latitante arrestato a Venezia

VENEZIA Si è costituito a Venezia Davide Taher, 47 anni, uno dei 41 indagati dell’operazione Gambling della Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria contro il gioco illecito on line cont…

Pubblicato il: 02/09/2016 – 19:24
"Gambling", latitante arrestato a Venezia

VENEZIA Si è costituito a Venezia Davide Taher, 47 anni, uno dei 41 indagati dell’operazione Gambling della Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria contro il gioco illecito on line controllato dalla ‘ndrangheta e che ha portato, nel luglio 2015, anche al sequestro di 56 imprese nazionali ed estere, 1.500 punti commerciali e 82 siti nazionali e internazionali, per un valore stimato pari a circa 2 miliardi di euro. Il latitante si è costituito alcuni giorni fa all’ aeroporto di Venezia, arrivato con un volo da Barcellona, agli investigatori della Dia di Padova che l’hanno portato in carcere dove poi è stato sentito dal gip lagunare David Calabria. L’operazione Gambling era stata condotta da carabinieri, guardia di finanza squadra mobile e Direzione investigativa antimafia (Dia) di Reggio Calabria assieme al Servizio centrale di investigazione sulla criminalita’ organizzata (Scico) e al nucleo speciale Frodi tecnologiche di Roma della Gdf. Per la procura reggina Taher è considerato uno dei soci occulti di “Larabet” – la società con concessione dei Monopoli di Stato che serviva da copertura per le giocate verso l’estero – ed è risultato titolare della società rumena ‘Timi Sun e della Proworld con sede a Panama, verso le quali sarebbero confluiti i proventi della struttura criminale al cui vertice c’era Mario Gennaro. «La difesa avvierà il ricorso presso il Tribunale del riesame la prossima settimana, nel quale chiederemo gli arresti domiciliari per Taher. Sicuramente si difenderà dalle accuse nell’ambito del processo e gia’ ha chiarito diverse cose nel suo primo interrogatorio: intanto la sua posizione è stata stralciata rispetto a quella degli altri indagati, in attesa di ricevere l’avviso di conclusione delle indagini» ha detto ad Agipronews il legale di Taher, Luca Cianferoni.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x