Ultimo aggiornamento alle 17:56
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Regione, inizio settimana di proteste alla Cittadella

CATANZARO Si annuncia abbastanza turbolento l’inizio della settimana per gli inquilini della Cittadella regionale. Tanto turbolento che c’è il rischio che le manifestazioni di protesta organizzate …

Pubblicato il: 11/12/2016 – 10:27
Regione, inizio settimana di proteste alla Cittadella

CATANZARO Si annuncia abbastanza turbolento l’inizio della settimana per gli inquilini della Cittadella regionale. Tanto turbolento che c’è il rischio che le manifestazioni di protesta organizzate nei pressi della sede della Regione Calabria si sovrappongano. Proprio per questa ragione l’Ugl ha deciso di spostare a martedì 13 dicembre la manifestazione dei precari dell’Asp di Cosenza inizialmente prevista per lunedì. Il primo giorno della settimana, infatti, è quello scelto dai dipendenti dei Centri per l’impiego della Calabria per dare il via a uno sciopero e al sit-in organizzato dai comparti Funzione pubblica di Cgil, Cisl e Uil.
La protesta di lunedì è stata annunciata dai segretari generali regionali Alfredo Iorno, Antonio Bevacqua Elio Bartoletti: «Ormai, archiviato il referendum costituzionale, che ha dissipato ogni possibile dubbio sulla competenza in materia di politiche attive per il lavoro, confermando la sua permanenza in capo alle Regioni, è tempo di risposte. Risposte che – affermano i sindacalisti – ci si aspetta arrivino puntuali, precise, chiare e risolutive dalla Regione Calabria. Non sono più accettabili rinvii, in particolare per i dipendenti a tempo determinato in servizio a Reggio Calabria e Crotone, i cui rapporti di lavoro scadranno il prossimo 31 dicembre». «In particolare – spiegano –, dipendenti del CPI di Reggio lavorano senza retribuzione da ormai 9 mesi. Le organizzazioni sindacali si schierano accanto ai dipendenti precari, a tempo indeterminato e part-time, rifiutandosi di essere spettatori di un declino ingiustificato delle politiche attive offerte dal servizio pubblico, lavoratori diventati nel tempo indispensabili all’interno dei CPI, impiegati in un settore strategico per lo sviluppo del Paese. Un settore in cui, nonostante la disoccupazione sia dilagante, inspiegabilmente operano solo 6500 operatori a tempo indeterminato e 1500 precari a fronte delle 115.000 risorse impiegate in Germania».
«Lo sciopero del 12 dicembre – proseguono – è in conseguenza dell’esito negativo della procedura di conciliazione relativa alla vertenza del personale dei CPI svoltasi alla Prefettura di Catanzaro, conclusasi con il mancato rispetto di tutti gli impegni assunti dalla Regione Calabria. La Regione Calabria – affermano ancora – deve rispondere all’appello accorato dei lavoratori approvando in tempi brevi la legge regionale in materia di Mercato del lavoro e Politiche per l’occupazione in Calabria, già in discussione presso la Commissione consiliare competente. Questa deve rappresentare finalmente l’occasione per porre fine al precariato decennale di 72 lavoratori che hanno tutti i requisiti previsti dalla legge per esser stabilizzati e per estendere ai lavoratori part-time in servizio il tempo pieno (essendo assolutamente impensabile che soggetti con famiglie a carico possano vivere con una retribuzione misera), così come avanzato dai sindacati nella proposta di emendamento depositata in Commissione lo scorso 18 novembre. Pari impegno deve essere profuso per addivenire entro l’anno al rinnovo delle Convenzioni fra Ministero del Lavoro e Regione Calabria e fra la stessa Regione e gli enti intermedi, in modo da assicurare la copertura delle spese di funzionamento e la continuità dei servizi offerti dai CPI, nonché garantire al personale il pagamento degli stipendi. Infine, l’approvazione della legge regionale – concludono – serve a rimettere al centro le politiche del lavoro, programmare ed organizzare le attività di supporto in tutti i Centri e dare certezza a servizi fondamentali per le fasce più deboli di popolazione, giovani, disoccupati e inoccupati».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x