Ultimo aggiornamento alle 22:55
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Casali del Manco, dal M5S solo litigiosità e zizzania

Mi lasci passare la battuta direttore, ma che a decretare la fine del familismo amorale sia uno che si chiama Parentela, è un ironico ossimoro della sorte.Ci pensavo ieri mattina nel leggere la not…

Pubblicato il: 29/03/2017 – 8:14
Casali del Manco, dal M5S solo litigiosità e zizzania

Mi lasci passare la battuta direttore, ma che a decretare la fine del familismo amorale sia uno che si chiama Parentela, è un ironico ossimoro della sorte.
Ci pensavo ieri mattina nel leggere la nota congiunta con l’onorevole Nesci e mi dispiacevo nel vedere ridotto all’attacco personale e rabbioso, da parte di due parlamentari e non uno, pensi, un risultato così bello, frutto dell’unità dei cittadini e delle forze politiche, pressoché tutte.
E già nel corso della campagna elettorale avevo frenato l’istinto di rispondere alle provocazioni personali ed a qualche disinformata boutade su Lorica e (sic!) l’inutilità e dannosità degli impianti di risalita. E non solo per amor di patria (ed esito elettorale) mi creda, ma perché ritenevo davvero inutile uno scontro, forse sollecitato da qualche giovane insoddisfatto e da qualche ex amministratore in cerca dell’ennesima collocazione politica, più che dalla mia persona.
Ho dunque sorvolato sulle amenità lette su Lorica e (sic!) «l’inutilità e dannosità degli impianti di risalita», così come ho sorriso nel vedere dopo tanti anni rispolverati e riutilizzati alcuni termini già considerati obsoleti alla fine degli anni settanta.
Meritava risposta già allora, invece, il dubbio sulla mia operosità e la mancanza di memoria sulla mia storia personale e la figura di mia madre (che poi perché si dimentichino sempre di quel genio che era mio Padre non lo capirò mai).
E anche su quello però ho sorvolato, non volendo apparire come quello che fa l’elenco della spesa, citando l’arrivo della Pet pubblica e l’apertura di quella privata a Cosenza, della dexa ad endocrinologia, il registro regionale tumori, la legge d’applicazione della 194/78 sull’aborto, quella a tutela delle famiglie dei ragazzi autistici, sulle malattie rare e degenerative, sul riconoscimento della rilevanza sociale dell’endometriosi ed infine, guardi un po’, persino la norma per la costituzione del nuovo comune unico porta la mia firma.
Il tutto mentre i nostri non producevano altro che palettate di fango sul prossimo e poche dimenticate e dimenticabili azioni politiche di rilievo parlamentare.
Vengano in Presila, tornino a Casali del manco, saranno nostri ospiti, di tutti i cittadini, di ogni appartenenza politica, accompagnati da sentimenti di unità e condivisione. Quegli stessi sentimenti che hanno portato all’affermazione dal basso del referendum, sul quale mi pare di capire, nessuno fuorché il comitato ha titolo per mettere cappelli, meno che meno chi ha portato solo dubbi, dissapori e nell’unico paese in cui si è perso, litigiosità, personalismi e zizzania.

*consigliere regionale Dp

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x