Ultimo aggiornamento alle 23:17
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Regione: salario accessorio, la Cgil abbandona i lavori

CATANZARO La Cgil Fp Calabria, unitamente alla propria segreteria aziendale in Regione Calabria, nella giornata di ieri ha abbandonato, in segno di protesta il tavolo della delegazione trattante, a…

Pubblicato il: 07/04/2017 – 12:03
Regione: salario accessorio, la Cgil abbandona i lavori

CATANZARO La Cgil Fp Calabria, unitamente alla propria segreteria aziendale in Regione Calabria, nella giornata di ieri ha abbandonato, in segno di protesta il tavolo della delegazione trattante, a seguito delle mancate risposte della parte pubblica rispetto al pagamento del salario accessorio al personale della giunta Regione per gli anni 2015 – 2016. «Vogliamo ricordare – si legge in una nota del sindacato – che per le stesse problematiche le organizzazioni sindacali, a seguito di una folta e partecipata assemblea del personale, avevano proclamato lo stato di agitazione. Successivamente, dopo l’intervento del vice presidente della giunta Regione, Viscomi, il quale assicurava l’erogazione delle spettanze entro il mese di aprile, si decideva di ritirare la mobilitazione. Nell’ultimo incontro, alla richiesta espressamente fatta dai sottoscritti al presidente della delegazione trattante, sul mantenimento degli impegni assunti precedentemente, lo stesso, comunicava che il pagamento degli emolumenti non potrà avvenire entro il mese di aprile, in quanto l’iter burocratico ancora non è concluso, disattendendo così gli accordi presi e le speranze di quasi duemila lavoratori che nonostante il ritardo di due anni, dovranno ancora attendere».
Secondo la Cgil, «tale condotta è in palese violazione dell’articolo 40 comma 4 del decreto legislativo 165 del 2001, che dispone “Le pubbliche amministrazione adempiono agli obblighi assunti con i contratti collettivi nazionali o integrativi, dalla data della sottoscrizione definitiva e ne assicurano l’osservanza nelle forme previste dai vari ordinamenti”. Riteniamo che sia arrivato il tempo che questa giunta regionale dica a chiare lettere che tipo di relazioni sindacali voglia avere, non è più accettabile alcun indugio su contratti sottoscritti da tempo. Se i ritardi si dovessero ulteriormente protrarre, questa O.S. sospenderà ogni tipo di relazione fin quando non si provvederà alla erogazione delle somme spettanti al personale della Regione Calabria e annuncia che attiverà tutte le iniziative utili a tutelare al meglio le istanze delle lavoratrici e dei lavoratori, compreso il ripristino dello stato di agitazione, con il tentativo di conciliazione al prefetto, fino ad arrivare allo sciopero».
«Non è più accettabile – conclude la nota della Cgil – far pagare ai lavoratori l’inerzia di una classe dirigente che, probabilmente, non è all’altezza del compito. Una cosa deve essere chiara a tutti non concederemo nessuna deroga rispetto a ciò che è stato sottoscritto al tavolo di delegazione trattante ormai da tempo».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x