Ultimo aggiornamento alle 0:05
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Edilizia, tre miliardi di euro con “Calabria sicura”

COSENZA “Calabria sicura” è il più grande programma di investimento per la riduzione del rischio sismico e idrogeologico mai immaginato per la Calabria. Ad affermarlo è il coordinatore del progetto…

Pubblicato il: 11/04/2017 – 11:05
Edilizia, tre miliardi di euro con “Calabria sicura”

COSENZA “Calabria sicura” è il più grande programma di investimento per la riduzione del rischio sismico e idrogeologico mai immaginato per la Calabria. Ad affermarlo è il coordinatore del progetto ed assessore regionale Francesco Russo in occasione dell’incontro organizzato da Ance Cosenza e che ha registrato la partecipazione di numerosi imprenditori.
I lavori, introdotti dal direttore di Confindustria ed Ance Cosenza, Rosario Branda, hanno da subito registrato l’esortazione del presidente di Ance Cosenza e degli imprenditori edili del Mezzogiorno, Giovan Battista Perciaccante, a fare in fretta per mettere in campo le risorse destinate a questi interventi.
«Dopo 10 anni di dura e persistente crisi, abbiamo sete di lavoro. Le nostre aziende stanno soffrendo oltre misura. Il crollo dell’edilizia – ha precisato il presidente Perciaccante – ha messo a dura prova tutto il sistema economico. La ripartenza in questo settore avrebbe ripercussioni immediate sul Pil calabrese».
L’assessore regionale Russo ha illustrato nel dettaglio le azioni strategiche che saranno messe in campo dalla Regione nei prossimi mesi, a cominciare dalle misure di prossimo avvio operativo per la mitigazione del rischio sismico. «Si è scelto di dare risposte forti alle esigenze del territorio, integrando i programmi per accelerare i tempi di spesa. Per il rischio sismico si è scelto di privilegiare l’adeguamento rispetto al miglioramento. Mezzo miliardo di euro verrà impiegato in trecento interventi diffusi su tutto il territorio regionale. Questo offrirà opportunità di lavoro per le imprese locali. Le risorse in questione, afferenti ai programmi del Por Calabria sono già disponibili, mentre non si può dire la stessa cosa per quelle nazionali relative al Pon. Occorre fare sistema – ha concluso l’assessore Russo – affinché anche queste ultime vengano definite al più presto».
Gli interventi connessi a “Calabria Sicura” interessano tutta la filiera dell’edilizia per un importo complessivo che supera i 3 miliardi di euro. Insieme agli interventi previsti dal Patto per la Calabria, Por, Psr, agli investimenti in infrastrutture stradali e ferroviarie a parte di Anas ed Rfi, sarà possibile rendere la Calabria un territorio sicuro, ben collegato e dotato di infrastrutture sanitarie e scolastiche all’avanguardia. Per il presidente Perciaccante «il settore edile, come risulta facilmente intuibile, sarà chiamato a recitare un ruolo importante per qualità ed intensità di risorse».
Sono interventi al dibattito, oltre agli imprenditori presenti, il dirigente regionale Giuseppe Iritano ed il presidente di Unindustria Calabria Natale Mazzuca che ha chiuso i lavori.