Ultimo aggiornamento alle 19:53
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Un nuovo primario di Cardiologia per l’ospedale di Lamezia – VIDEO

LAMEZIA TERME «Stiamo lavorando per il miglioramento dell’ospedale sia dal punto di vista  strutturale sia da quello del personale». Giuseppe Perri, direttore generale dell’Asp di Catanzaro, partec…

Pubblicato il: 24/05/2017 – 16:46
Un nuovo primario di Cardiologia per l’ospedale di Lamezia – VIDEO

LAMEZIA TERME «Stiamo lavorando per il miglioramento dell’ospedale sia dal punto di vista  strutturale sia da quello del personale». Giuseppe Perri, direttore generale dell’Asp di Catanzaro, partecipa alle celebrazioni per il ventennale del Centro di neurogenetica. E ci tiene a rendere pubblica una notizia recentissima, che per il manager rappresenta l’inizio del rilancio dell’ospedale di Lamezia Terme: «Proprio ieri abbiamo concluso le procedure per l’individuazione del primario della Cardiologia dell’unità coronarica. La commissione mi ha rassegnato una terna di nomi tra i quali al primo posto c’è uno dei migliori cardiologi calabresi. Penso che dalla scelta dei professionisti e di uomini seri possa iniziare la rinascita di questo ospedale, che nel passato ha visto illustri professionisti avvicendarsi nella direzione delle unità operative». È il primo step per una rinascita attesa soprattutto dai cittadini. Il dg segna una road map per l’immediato futuro: «Il mio impegno è anche quello di lavorare per la ristrutturazione del blocco operatorio, dell’endoscopia digestiva, delle sale parto e delle sale travaglio. A breve presenteremo, se ci saranno le dovute autorizzazioni regionali questo progetto alla popolazione». Si tratta, spiega il manager, di «una fase già fortemente avviata; nei prossimi giorni faremo il concorso per il direttore medico del presidio, una nuova struttura complessa e poi a seguire l’Ortopedia, l’Anestesia, la Pediatria, la Chirurgia. Sono tutte strutture che avranno uomini nuovi, speriamo che portino entusiasmo per il rilancio del presidio ospedaliero».